Menu
Menu

Weekend fuori Ancona… in Emilia Romagna (entro 200 km)

 | 

Weekend fuori Ancona… in Emilia Romagna (entro 200 km)


Tempo stimato di lettura: 6 minuti

Continua la scoperta dell’Emilia Romagna dietro casa e oggi vogliamo darti qualche idea per una vacanza di prossimità o anche un semplice weekend fuori… Ancona!

Questi i nostri consigli su cosa trovare nel raggio di 200 km da Ancona: scegli tu il tema della tua vacanza tra cultura, natura, terme, motori e mare senza dimenticare l’enogastronomia.

Anconetani preparate le valigie, l’Emilia Romagna dietro casa vi aspetta!


Weekend fuori Ancona - scoprire nuovi luoghi di arte e cultura in Emilia Romagna

Santarcangelo di Romagna

Santarcangelo di Romagna

Visto che con molto probabilità le città d’arte di Rimini e Forlì già le avrai visitate (altrimenti rimedia subito), consigliamo le piccole città di Santarcangelo di Romagna con le sue grotte sotterranee, Faenza, patria della ceramica, Comacchio, città sull’acqua e Imola con la sua cinquecentesca Rocca voluta da Caterina Sforza.

Potrai scoprire il razionalismo di città come Tresigallo, città metafisica ideale e Predappio o il fascino di antiche abbazie come quelle di Pomposa (dove furono inventate le note musicali).

E poi tanti castelli, alcuni non lontani dalle terme, romantici e misteriosi, da quelli malatestiani che costellano la Romagna alle delizie estensi ferraresi e alle rocche della Bassa Romagna.

Altre tappe consigliate i luoghi che hanno ispirato Piero della Francesca nel riminese (magari conosci già quelli di Urbania, Montecopiolo e Pieve del Colle) o quelli dell’esilio del sommo poeta.

Passando ai borghi (Bandiera Arancione, Borghi Autentici o Borghi più belli d’Italia) la lista è lunga:
Savignano sul Panaro e Castelvetro di Modena nel modenese, Brisighella nel ravennate, Longiano, Monteleone, Portico di Romagna e San Benedetto in Alpe, Modigliana, Premilcuore e Bertinoro nel forlivese, Verucchio, San Leo, San Giovanni in Marignano, Montefiore Conca, Montegridolfo e Pennabilli nel riminese.

Infine due borghi dimenticati che regalano emozioni come Santa Sofia nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e Cerreto di Saludecio in Val Conca

Altre menzioni vanno alla street art di San Giovanni in Persiceto, (se vieni in febbraio non perdere il carnevale persicetano), Dozza (ospita la Biennale del Muro Dipinto) e Saludecio (ad agosto celebra l’800Festival)

Senza dimenticare  le 2 città Unesco: Ferrara e Ravenna. La prima, città estense e la seconda città del mosaico, 3 volte capitale.

E ancora. Bologna insignita come Città Creativa della Musica UNESCO e Cesena custode della Malatestiana, memoria del Mondo Unesco, la biblioteca lignea monastica tutt’oggi miracolosamente conservata.

Ultima chicca: l’eclettica Rocchetta Mattei gioiello moresco immerso nell’Appennino bolognese non lontana dalla casa di Morandi (Giorgio) e dalla chiesa di Riola progettato dal maestro finlandese Alvar Aalto, uno dei massimi architetti del XX secolo.

Weekend fuori Ancona - immergersi nella natura in Emilia Romagna

Tredozio (FC) - Vulcano Monte Busca

Tredozio (FC) – Vulcano Monte Busca | Foto © Lamberto Zannotti, via Wikimedia

Se sei un appassionato di natura e spesso ti capita di scappare nel Parco dei Sibillini o del Gran Sasso abbiamo delle valide alternative per i tuoi prossimi break ad alta quota.

Restando sul crinale appenninico puoi metterti alla prova con i tratti dell’Alta Via dei Parchi (alcune tappe prevedono anche la possibilità di bivacco): dal parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna all’interregionale del Sasso Simone e Simoncello oltre che i parchi regionali del Corno alle Scale (in inverno da scoprire con gli sci ai piedi), dei Laghi di Suviana e Brasimone (dove praticare anche la canoa) e della Vena del Gesso Romagnolo (per andare alla scoperta delle sue grotte).

Scendendo di quota, anche l’entroterra ti riserva tanti parchi da scoprire: dai Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa (con le sue grotte) all’Abbazia di Monteveglio e al Parco storico di Monte Sole (luogo di memoria e resistenza) tutti nel bolognese.

A quota 0 s.l.m c’è poi il Parco interregionale del Delta del Po,  versante ferrarese e ravennate, perfetto da visitare in camper, moto o in bicicletta, senza dimenticare il birdwatching vista la presenza frequente di fenicotteri rosa o di far tappa alla Penisola di Boscoforte.

Se poi durante le vacanze vuoi rimanere in allenamento cosa ne dici di scegliere uno dei cammini regionali?

Dalla Via della Lana e della Seta alla Via degli Dei, dal Cammino di Sant’Antonio alla Via Romea germanica, dalla Via Misericordiae al Cammino di Assisi, dal Cammino di San Vicinio al Cammino di San Francesco da Rimini a La Verna.

Inoltre se sei un appassionato delle 2 ruote, dall’Appennino alla costa sono tanti percorsi dedicati, compresi alcuni nei parchi naturali.

Infine se il tuo sogno è quello di volteggiare tra gli alberi, ti basterà provare uno dei tanti parchi avventura: Saltapicchio a Camugnano, Triton’s Park Adventure a Monghidoro, Indiana Park a Fratta Terme, CerviAvventuraSky Park a Perticara, non te ne pentirai!

Ultima chicca: Se invece ti appassionano i fenomeni strani non può mancare una tappa sul Monte Busca, nel comune di Tredozio dove c’è il più piccolo vulcano d’Italia. In realtà si tratta di una montagna ardente di metano le cui emanazioni di idrocarburi gassosi a contatto con l’ossigeno, rimangono perennemente accesi, creando una particolare suggestione.

Weekend fuori Ancona - coccolarsi alle terme in Emilia Romagna

Ph. Thermae Oasis

Come ben sai, la nostra regione sorge lungo la Via Emilia, dove da millenni ci si può rilassare grazie ai numerosi centri termali.

A circa 2 ore da Ancona la scelta è ampia.

Dalle terme al mare, dove unire benessere alla tintarella, come Riccione Terme, le Terme di Cervia e le Thermae Oasis a Comacchio  a quelle immerse nella natura, dove fare un pieno di benessere naturale, come le Terme di Porretta, le Terme di Riolo, le Terme dell’Agriturismo a Monterenzio e quelle di Castel San Pietro (Cittaslow) nell’entroterra bolognese.

Terme in città d’arte invece per chi  non vuole rinunciare alla cultura anche se ha bisogno di relax, come alle Terme felsinee e Terme San Luca a Bologna, alle terme di Punta Marina nel comune di Ravenna e Riminiterme, ma anche nei borghi come Bagno di Romagna (borgo degli gnomi immerso nella natura perfetto anche per chi bimbi) con ben tre stabilimenti termali, Bertinoro, borgo dell’ospitalità sulle colline forlivesi e Castrocaro con le sue le austere ed eleganti terme.

Weekend fuori Ancona - scendere in pista in Emilia Romagna

Misano World Circuit

Misano World Circuit oggi – Ph. Misano World Circuit

Per te che il n° del dottore è solo il 46 di Valentino Rossi un weekend in Emilia Romagna non può che essere a tema motori, siamo o non siamo la Motor Valley d’Italia?

Di sicuro avrai già visitato Coriano e il Museo dedicato al SIC, ma se sono le due ruote ad appassionarti, non perdere la visita al Museo Ducati (con Tour della Fabbrica) e testa di persona le curve che portano al Passo del Muraglione, alla scoperta del Delta del Po o sulle tracce di Piero della Francesca per finire con una visita al Museo del Motociclo a Rimini.

Chi vuole provare l’ebbrezza della velocità e scendere in pista non deve far altro che scegliere tra 2 dei 4 autodromi regionali (Misano e  Imola) che spesso prevedono prove libere per auto e moto (idea perfetta anche per un weekend di addio al celibato! ;-))

Se invece vuoi conoscere tutti i segreti delle supercar italiane che ne dici di partire dal museo Lamborghini di Argelato per scoprire tutti segreti della Casa del Toro?

Tante anche le collezioni di auto e moto da non perdere: dalle due ruote DEMM, Italjet e Yamaha nel bolognese, Guzzi e Parilla nel forlivese e la Collezione Vespa a Ravenna alle quattro ruote d’epoca Bandini a Forlì.

Ultima chicca: Lugo, città natale del mito di Francesco Baracca, ospita un museo dedicato all’asso dell’aviazione che aveva uno speciale legame con il moto Ferrari, tutto da scoprire…

Weekend fuori Ancona - rilassarsi sulla costa in Emilia Romagna

cervia-ravenna-capanni-salina-Ph. Visit cervia-albertobrunoarpini

Cervia (RA) – Capanni da pesca in salina – Ph. Visit Cervia| Alberto Bruno Arpini

E’ vero, le spiagge marchigiane non sono niente male ma quelle dei cugini romagnoli sono da sempre sinonimo di vacanza balneare.

Che tu sia fotografo o camperista, solitario o romantico, hipster o naturista, bradipo o sportivo, amante dell’aperitivo, festaiolo o in viaggio con famiglia lungo i nostri 110 km di costa con le spiagge più ampie d’Italia troverai quello che fa al caso tuo (anche se viaggi con il tuo amico a 4 zampe).

Innumerevoli le località marine, tra cui non possiamo non citare da sud verso nord Cattolica, Riccione, Rimini, Cesenatico, Cervia, Milano Marittima e i Lidi di Comacchio.

Se poi non puoi fare a meno di visitare borghi, non dimenticare quelli marinari.

Non lontano dalla spiaggia, come saprai ti aspettano tanti parchi divertimento: acquatici, adrenalinici, faunistici, per tutti, per i più piccoli perché la Riviera romagnola è anche la Riviera dei Parchi. Li hai già provati tutti?

Romagna però vuol dire anche cultura e ti basterà poco per capire il perché: dal legame di Cesenatico con Garibaldi e Leonardo da Vinci a San Mauro Pascoli, luogo natio del poeta romagnolo.

Ultima chicca: se sei birdwatcher, fotografo e pescatore amatoriale ti consigliamo di scoprire i tanti capanni da pesca, equivalente dei trabocchi abruzzesi. Luoghi autentici senza tempo.

Weekend fuori Ancona, consigli golosi per tutti

Formaggio di Fossa di Talamello | Foto di Paritani, Archivio fotografico Provincia di Rimini

Formaggio di Fossa di Talamello | Foto di Paritani, Archivio fotografico Provincia di Rimini

Non importa quale sia il filo conduttore che sceglierei per la tua vacanza in Emilia Romagna: quando arriva l’ora di mettersi a tavola avrai l’imbarazzo della scelta.

Con i nostri 44 prodotti DOP ed IGP siamo infatti considerati la  Food Valley d’Italia.

Preparati a gustare tante prelibatezze: dal tagliere misto di affettati e formaggi a base di Mortadella e Squacquerone, accompagnato da Piadina o Coppia ferrarese a un bel piatto di Cappellacci di Zucca (ma anche tortellini, tagliatelle, cappelletti, passatelli o strozzapreti),  la Salama da sugo (in estate solo per veri appassionati) per chiudere in dolcezza (a secondo della stagione) scegliendo tra Pampepato, Pere e Pesche nettarine, Ciliegie di Vignola e Marroni di Castel del Rio.

Il tutto insaporito da Scalogno di Romagna, aglio di Voghiera e l’olio extra vergine di Oliva Brisighello e Colline di Romagna

Non perdere l’occasione di fare anche alcune interessanti esperienze: la visita all’Enoteca regionale di Dozza, la partecipazione alla sfossatura del Formaggio di Fossa di Sogliano, senza dimenticare di fare una tappa Forlimpopoli, patria di Pellegrino Artusi che oltre 150 anni fa unificò l’Italia con le ricette de ‘L’arte di mangiar bene”.

Infine tra i tanti musei del gusto segnaliamo quello del Museo quello del Gelato a Bologna  e il Museo dell’Anguilla – Manifattura dei marinati in Romagna.


Se ti è venuta voglia di approfondire la conoscenza della nostra regione non ti resta che mettere in agenda le prossime date del tuo weekend made #inEmiliaRomagna.

Autore:

Sangue siculo – abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre, da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare…

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *