Menu
Menu

Rimini in 3 minuti: le cose migliori da fare e vedere in città

 | 

Rimini in 3 minuti: le cose migliori da fare e vedere in città


Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Piazza Cavour - Rimini | Foto © Alex Gullotta, via Flickr

Piazza Cavour – Rimini | Foto © Alex Gullotta, via Flickr

Tra scorci incantati e tesori archeologici, quartieri chiassosi e piazze incantevoli, RIMINI è forse una delle città più belle dell’Emilia Romagna.
Dinamica, socievole, a misura d’uomo e sempre a passo con i tempi, questa piccola perla della Riviera romagnola è celebre in tutto il mondo per essere il centro indiscusso dell’allegria e del divertimento, soprattutto nelle caldi notti d’estate.

Un luminoso skyline composto da centinaia di alberghi delimita la spiagge dorate con affacci suggestivi sul blu dell’Adriatico. Verso il centro, all’interno di quel che rimane delle antiche mura, un cuore pulsante batte forte e ci ricorda le origini della città.

Come molti dei più importanti centri urbani d’Italia, infatti, anche Rimini affonda le sue radici nella storia fino al tempo dei Romani, artefici della sua fondazione all’indomani del 268 a.C.
Camminando per le vie del centro sono ancora rintracciabili in più punti le antiche vestigia, un vero museo a cielo aperto che da Piazza Tre Martiri ci porta in pochi passi a scorgere alcuni dei più importanti reperti storici della città.

Arco di Augusto

Arco di Augusto

Si parte dall’Arco di Augusto edificato nel 27 a.C come monumento celebrativo in onore dell’Imperatore Ottaviano e grandioso punto di accesso nel percorso che collegava Rimini a Roma tramite la Via Flaminia. Si prosegue con il Ponte Tiberio, punto di partenza della celebre via Emilia e ancora oggi, dopo più di duemila anni, percorribile a piedi o in macchina.

Poco più in là in Piazza Ferrari sorge uno dei più importanti esempi di arte antica della città. È la Domus del Chirurgo, una casa romana d’età imperiale che, grazie alla musealizzazione operata alcuni anni fa, è possibile visitare camminando su ponti sospesi tra pavimentazioni in mosaico, tombe medievali e reperti mozzafiato.

Oltre ai Romani, a Rimini si sono incrociati e susseguiti popoli e dominazioni diverse: dai Bizantini ai Longobardi, dai Malatesta ai Veneziani, ognuna delle quali ha lasciato tracce sorprendenti sul tessuto urbano, ancora oggi ammirabili camminando per il centro storico.

Durante il periodo medievale e rinascimentale, Rimini fu città dei Malatesta, una delle Signorie più importanti d’Italia. Di quel periodo rimane Castel Sismondo, residenza-fortezza fortemente voluta da Sigismondo Pandolfo Malatesta e, a pochi passi da Piazza Tre Martiri, il Tempio Malatestiano, la cui realizzazione nelle forme attuali fu affidata a Leon Battista Alberti e che all’interno conserva opere pittoriche pregevoli come il Crocifisso di Giotto o interventi di Piero della Francesca, Giorgio Vasari e Agostino di Duccio.

Borgo San Giuliano (Rimini)

Borgo San Giuliano (Rimini) | Foto @ Riminiturismo

Ma Rimini è anche memoria, una gloriosa città di pescatori e commercianti che ha saputo rinventarsi e mettersi alla prova più volte nel corso della storia. Basta fare un giro tra i vecchi banchi della Pescheria tra cantine e pub oppure aggirarsi tra le vie del suggestivo borgo San Giuliano per rendersene conto, quest’ultimo un quartiere popolare fatto di silenzio, panni stesi al sole, minuscole case dai colori pastello, ottimi ristoranti e la miglior creatività della street art.

Ma Rimini è anche altro. Rimini è Federico Fellini, la città natale del più grande cineasta italiano di tutti i tempi; Rimini è tradizione e buon cibo; Rimini è capitale del relax e delle vacanze attive, signora incontrata della movida ma anche centro di prima importanza del reparto fieristico e congressistico.


I MUSEI

Ospitato in un ex convento gesuita, il Museo della Città di Rimini sorge a pochi passi della celebre Domus del Chirurgo e insieme a questa e al Museo Etnografico degli Sguardi compone la rete dei musei comunali della città.

La visita è consigliatissima. Permette un salto a ritroso nel tempo per apprezzare alcune delle espressioni artistiche più importanti legate a Rimini: ci sono le opere del Ghirlandaio o del Guercino, i momenti salienti della Scuola Riminese del Trecento e della Signoria dei Malatesta e infine una pregevole sezione archeologica.

Se si è però dei grandi amanti di cocci e marmi antichi, un salto vale la pena farlo anche al visitor center di “ARimini” il quale ospita un percorso multimediale e interattivo alla scoperta della città e del suo territorio.

Chi poi è appassionato di culture transoceaniche, non può certo perdere il Museo Etnografico degli Sguardi, a circa 10 minuti di guida dal centro della città, sul colle di Covignano. Qui, attraverso raccolte etnografiche, sono raccontati gli “sguardi (o approcci) con cui la popolazione occidentale si è relazionata nel corso dei tempi all’arte degli “altri”.

FUORI DaLLA CITTÀ

L’entroterra alle spalle di Rimini non è certo inferiore alla bellezza della città e propone interessanti mete. In poco meno di trenta minuti si può raggiungere ad esempio San Marino, il terzo Stato più piccolo d’Europa. In alternativa è sempre possibile una bella passeggiata nella vicina località di Riccione: estate o inverno che sia, il centro storico con Viale Ceccarini è sempre ricco di bei negozi e tanti passanti a ogni ora del giorno.

Per gli amanti dei motori e dell’alta velocità, a pochi chilometri dalla capitale malatestiana è immancabile un tour al circuito di Misano con il museo dedicato al mitico Marco Simoncelli.

Infine gli amanti dei borghi, del buon cibo e del turismo lento non possono mancare una passeggiata alla scoperta delle bellissime valli del Conca e del fiume Marecchia , entrambe costellate da un’infinità di interessanti centri come Saludecio, Mondaino, Montefiore, Montegridolfo, Pennabilli, Sant’Agata Feltria, San Leo, Verucchio, giusto per citarne qualcuno.

COME ARRIVARE A RIMINI

IN AEREO

La città dispone di un proprio aeroporto, poco fuori dalla città: l’Aeroporto Internazionale “Federico Fellini”. L’Aeroporto Internazionale di Bologna “Guglielmo Marconi” si trova a circa 120km d’autostrada ed è raggiungibile in 1h e 30 minuti circa. Fuori regione, invece, in 1h circa si può raggiungere l’Aeroporto delle Marche ad Ancona.

IN AUTO

Si raggiunge con l’autostrada A14 Bologna-Ancona, in cui confluiscono l’A1 del Sole, l’A21 Torino-Piacenza, l’A22 del Brennero (www.autostrade.it). Partendo da Venezia, la direttrice più veloce è la Strada Statale 309 Romea (SS 309), sulla quale si innestano le strade provenienti da Padova e Ferrara.

IN TRENO

Posta sulla direttrice Milano-Bari, la stazione di Rimini è collegata alle principali città italiane: www.trenitalia.it

IN NAVE

Chi giunge via mare può ormeggiare al Porto Canale o utilizzare i servizi della Nuova Darsena.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *