Menu
Menu

In Romagna sulle tracce di Leonardo da Vinci

 | 

In Romagna sulle tracce di Leonardo da Vinci


Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Il 2019 un po’ in tutta Italia è l’anno delle celebrazioni a Leonardo da Vinci, nel Cinquecentenario della sua scomparsa. Forse non tutti sanno che il Maestro, invitato da Cesare Borgia, in Romagna effettuò un affascinante viaggio tra fortezze, porti, piazze e architetture. Ripercorriamo allora il suo itinerario, toccando quei luoghi che egli ammirò e di sui si trova traccia nei suoi taccuini.

Prima di tutto un po’ di contesto: è il 1502 e Cesare Borgia ha appena conquistato il Ducato di Romagna, con l’appoggio del papa Alessandro VI e del re di Francia Luigi XII. Il neo-Duca si rivolge a Leonardo da Vinci, che aveva già potuto conoscere e apprezzare a Milano, e gli affida l’incarico di verificare le fortificazioni e le infrastrutture strategiche del territorio da lui dominato, e progettare eventuali miglioramenti. Leonardo si mette in viaggio e con la carica di “Architecto et Ingegnero Generale” si reca da Pesaro e Urbino verso Rimini, giungendoci l’8 agosto 1502.


Rimini

Partendo da Rimini, sediamoci sul bordo della Fontana della Pigna (allora in Piazza dell’Arengo, oggi in Piazza Cavour) ad osservare l’acqua scrosciare proprio come fece Leonardo, che ne descrive l’effetto armonioso nei suoi appunti segreti: “Fassi un’armonia colle diverse cadute d’acqua, come vedesti alla fonte di Rimini, come vedesti addì 8 d’agosto 1502”.
Un verso che porta indietro nel tempo, quando la Fontana doveva diventare, come si evince dai disegni di Leonardo, un avveniristico congegno che avrebbe utilizzato l’acqua non come pompa, ma facendo “suonare” l’acqua stessa, cadendo dentro vasi di diversa forma.

Rimini, Fontana della Pigna, Ph. paperoastro

Rimini, Fontana della Pigna, Ph. paperoastro

Cesena

Da Rimini raggiungiamo la vicina Cesena, dove Leonardo giunse per la festa di San Lorenzo. Qui è la Rocca della città, oggi Rocca Malatestiana, posta sulla sommità del Colle Garampo, da visitare sulle tracce del maestro. Cesena è la città che Cesare Borgia voleva ingrandire e abbellire per farne la sede della sua corte. In quella che oggi è la magnifica Piazza del Popolo, Leonardo compì rilievi delle mura e delle fortificazioni. La massiccia cortina muraria del fronte meridionale della Rocca Nuova fu modificata nel 1503 con la realizzazione di mura dette “alla franzoza” per fronteggiare le nuove tecniche d’assedio, parare i colpi sempre più devastanti delle armi da fuoco pesanti e avere il controllo diretto del territorio antistante. Questo ingegnoso sistema di difesa, conservato ancora sugli spalti della Rocca, fu approvato verosimilmente da Leonardo da Vinci. È interessante notare come la forma assunta dalle feritoie per l’artiglieria sia la stessa dei disegni leonardeschi.

Cesena, Fontana Masini, Ph. maria_bernadette_melis

Cesena, Fontana Masini in Piazza del Popolo, Ph. maria_bernadette_melis

Cesenatico

Ai primi di settembre Leonardo raggiunse poi Cesenatico. Il Porto Canale trecentesco rischiava di insabbiarsi all’imboccatura e il maestro ne compì il rilievo e ne fece un disegna a volo d’uccello, portandosi in cima al faro per poterne vedere meglio la struttura e suggerire interventi migliorativi all’approdo preesistente. Modificò l’orientamento e la lunghezza delle singole palizzate e ampliò i bacini collegati, affinché l’acqua del mare potesse entrare e accumularsi, bloccata da paratie mobili, per poi defluire con rapidità durante le basse maree e col deflusso tener libero l’ingresso. Il progetto rimase sulla carta, ma il Porto Canale Leonardesco di Cesenatico è, oggi, uno dei monumenti più importanti della città e passeggiare lungo il canale permette di godere appieno della bellezza architettonica e della calda atmosfera di questa località di mare.
Da non perdere la visita del Museo Galleggiante della Marineria, con le antiche barche da pesca e trasporto dell’Alto Adriatico ormeggiate con le vele “al terzo”, decorate con terre naturali e con i simboli delle famiglie dei pescatori, e la sezione a terra del Museo, di 3mila mq dedicata alle barche tradizionali.

Cesenatico, Museo della Marineria sul Porto Canale, Ph letizia_carabini

Cesenatico, Museo galleggiante della Marineria sul Porto Canale, Ph letizia_carabini

Faenza

Quindi Leonardo riprese il suo cammino diretto a Faenza, dove il suo passaggio è testimoniato dal disegno che fece al Duomo (in Piazza della Libertà), dalla cui maestosità Da Vinci resta affascinato a tal punto da farne ricordo sui suoi taccuini di viaggio. Si notano, nei disegni di Leonardo, inequivocabili anomalie rispetto al duomo faentino: l’edificio basilicale è privo di abside poligonale, fatto che consentirebbe di riportare la costruzione dell’abside attuale a non prima del 1502, un dubbio che forse non potrà mai essere totalmente dissipato, ma che diventa uno spunto per ammirare la bellezza di questa magnifica Basilica.
Non si può lasciare Faenza senza aver visitato anche le sue storiche botteghe ceramiche, un’arte da cui anche Leonardo rimase incantato. Dell’artigianato ceramico faentino si trova riferimento nel codice Hammer (1504-1506) che accenna alla presenza in “val di Lamona di terra da fare boccali, boccali che si fabbricano sulle rive del fiume medesimo”.

Faenza, Cattedrale

Faenza, Cattedrale

Imola

Il soggiorno più lungo di Leonardo fu però a Imola, dove si fermò fino a dicembre. Imola in quello scorcio d’autunno del 1502 era un vero e proprio campo militare, dove Cesare Borgia aveva raccolto armi e uomini a migliaia. Nel clamore e nella concitazione di questa piazza d’armi, Leonardo percorse con i suoi aiutanti strade e quartieri, disegnando mura e congegni. Tra i frutti più preziosi del suo soggiorno imolese è la pianta della città, ora conservata presso la Royal Library del castello inglese di Windsor. Passeggiare per le vie del centro storico di Imola, un piccolo gioiello cittadino, ripercorrere le stesse strade di Leonardo, guardare quelle piazze, edifici e mura, è una sensazione senza tempo. Leonardo queste strade le immaginò inscritte in un cerchio suddiviso da otto raggi recanti i nomi dei venti e, nella parte inferiore della mappa, in una sorta di contrappunto naturale alla geometrica spartizione degli spazi ad opera dell’uomo, disegnò lo scorrere del fiume Santerno con larghe anse azzurrine.

Imola, Rocca, Ph lupo1959

Il nostro itinerario Leonardesco si conclude proprio nell’ambiente naturale del Santerno, il fiume che collega la Romagna alla Toscana, patria di Leonardo: un fiume che regala scenari suggestivi e argini che paiono modellati per i bagnanti, tra piscine naturali, cascate, rocce bianche e lisce perfette come solarium.

Per approfondire

Museo “Leonardo da Vinci e la Romagna” a Sogliano sul Rubicone

Dedicato al “periodo romagnolo” di Leonardo da Vinci, questo piccolo museo si propone di illustrare le caratteristiche del territorio e le sue tradizioni attraverso le osservazioni e le analisi di questo straordinario uomo d’ingegno. Il Museo è articolato in due sezioni: una scientifica e una etnografica.
La prima documenta, attraverso l’esposizione di copie anastatiche di manoscritti, studi, disegni ed appunti, le analisi inerenti aspetti di fisica, di meccanica e idraulica, svolte da Leonardo durante il suo soggiorno in Romagna.
La seconda presenta gli studi sugli usi e costumi della tradizione popolare romagnola del XVI secolo, con particolare riferimento al tema dell’acqua, del suono e della natura. Qui si segnala la presenza dei modelli e delle immagini delle “concavità” realizzate nel parco San Donato.

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *