Cosa fare in Emilia Romagna quando piove

 | 

Cosa fare in Emilia Romagna quando piove


Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Quando tutto sembra andare per il meglio e si pensa di essere riusciti a organizzare le proprie vacanze o i propri giorni di stacco lavorativi in modo preciso e puntuale, può capitare che il maltempo entri a gamba tesa nei nostri programmi facendo saltare tutto per aria.

Non è colpa di nessuno, non affliggetevi, può capitare. Proprio per questo, però, non bisogna rischiare di rovinarsi la giornata tra malumore e pigrizia. In Emilia Romagna sono molte le cose da fare anche in una giornata piovosa, proviamo a vederle insieme.

Andar per borghi e città d’arte

L’Emilia Romagna, come poi il resto dell’Italia, conserva all’interno delle sue undici città d’arte e dei suoi borghi ricchi patrimoni culturali e artistici, molti dei quali sono perfetti da visitare durante le giornate di pioggia, perché al coperto. Monumenti Unesco, palazzi ed edifici storici, chiese e cattedrali: si ha l’imbarazzo della scelta quando si visita la nostra regione.

Basilica di San Vitale (Ravenna)

Basilica di San Vitale (Ravenna) | Foto © Wwikiwalter, via WikiLoveMonumets


Una giornata al museo

L’Emilia Romagna è una regione fantastica per tutti gli amanti dell’arte. Sono tantissimi i musei e palazzi storici riconosciuti a livello internazionale nel quale rifugiarsi durante le giornate di pioggia. Certo, i Beni Culturali del nostro territorio sono qualcosa di più di un semplice passatempo cui appellarsi a causa del maltempo. Ciò nonostante perché non sfruttare queste occasioni per fare scoperte inaspettate?


Una dolce pausa nei caffè e pasticcerie

Nelle giornate grigie e uggiose fare una sosta in una delle tante pasticcerie della città dell’Emilia Romagna può aiutare sicuramente a tirare su il morale.
La nostra regione custodisce una ricca e gustosa produzione artigianale, spesso legata alla tradizione del gelato, in grado di conquistare i palati di tutto il mondo.
Guardatevi in giro e cercate quello che più vi aggrada: ogni quartiere saprà regalarvi gustose e pause, addolcendo il vostro tempo tra il calore di un caffè o il tepore di una buona tisana.


Un caldo e rilassante bagno alle terme

E se piove a catinelle? La cosa migliore potrebbe essere quella di prendersi cura di se stessi, magari rifugiandosi in uno dei tanti centri termali dell’Emilia Romagna. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, capaci di offrire trattamenti terapeutici e riabilitativi o innovativi percorsi salutari e di benessere.
Non vi resta che lasciarvi alle spalle il grigio del cielo e tuffarvi nel blu delle acque termali della nostra regione.

Terme Felsinee (Bologna, Casalecchio)

Terme Felsinee (Bologna, Casalecchio) | Foto © Terme Felsinee


Al cinema

Se piove e fa freddo, passare qualche ora al cinema può essere la giusta soluzione, oltre che un grande classico. Tantissimi sono i cinema presenti in tutte le città dell’Emilia Romagna, con orari e programmazione differenti. Due, però, rispetto ad altri meritano un’attenzione particolare.

Da una parte il Lumière, la storica sala cinematografica della Cineteca di Bologna. Una struttura unica in Italia che – grazie a proiezioni, incontri e rassegne d’autore – diffonde la conoscenza della storia del cinema in tutte le sue forme. Dall’altra, il Fulgor, nel centro storico di Rimini, legato alla memoria del grande Federico Fellini, e recentemente riportato agli antichi splendori.


Tour tra i castelli

I castelli piacciono agli adulti ma ancora di più ai bambini. Ecco quindi un’enorme possibilità da sfruttare durante le giornate fredde e piovose. L’Emilia Romagna è costellata da una fitta rete di castelli, rocche, manieri, torri e fortezze, con piacevoli deviazioni tra montagna e pianura. Volete qualche esempio? Bardi, Torrechiara, Brisighella, Longiano e San Leo: questi e molti altri sono i castelli del nostro territorio assolutamente da visitare.

Castello di Bardi (Parma)

Castello di Bardi (Parma) | Foto © parmapress24.it


Shopping

Anche questo è un classico delle giornate piovose: aggirarsi tra gli scaffali dei negozi dei centri storici o rinchiudersi, aspettando che il peggio passi, in uno dei tanti magazzini e centri commerciali.
L’Emilia Romagna offre nei centri storici delle proprie città un’ampia varietà di proposte che spaziano dalla moda al design fino all’intrattenimento culturale e digitale. E che dire poi dei mercatini e dei grandi outlet dove trovare veri affari per tutte le tasche? Qualche esempio? Tanto per cominciare potete provare con l’Outlet Village di Castel Guelfo o quello di Fidenza e poi sbizzarrirvi con una ricerca su google.


Un tour nel gusto

Ci sono visite guidate che, più di altre, sono in grado di far vivere a chi vi prende parte vere e proprie esperienze sensoriali. In Emilia Romagna esistono a riguardo itinerari unici assolutamente da provare, a maggior ragione se il tempo non è dei migliori e ci costringe a stare riparati.

Se siete amanti del cibo, ad esempio, vi consigliamo di trascorrere un’intera giornata a FICO – Eataly World Bologna, il parco legato all’alimentazione più grande al mondo. Qui potrete scoprire e gustare in prima persona le eccellenze enogastronomiche e agroalimentari italiane con tanto di laboratori educativi e formativi per grandi e piccini.

Gli amanti del gelato – e sfido a non trovarne – potranno invece rifugiarsi tra le mura della Carpigiani, storica azienda del bolognese, che dal 2012 ha aperto il primo e unico museo al mondo dedicato alla storia del gelato: laboratori, visite guidate ed eventi speciali, tutti dedicati ai veri “gelato lovers”.

E poi ci sono i Musei del Cibo, nel cuore della Food Valley d’Italia, ovvero un circuito di 6 spazi espositivi che offrono un itinerario speciale nel nome del gusto, della tradizione e della qualità.


Un “viaggio” nella velocità

Volete scappare a tutta velocità dalla pioggia? Perché allora non rifugiarvi in uno dei tanti musei della Motor Valley d’Italia? Qui potrete visitare le aziende produttrici delle più belle e innovative macchine e moto al mondo con marchi come Lamborghini, Maserati, Dallara, Ferrari, Ducati, Pagani e Tazzari.

Lamborghini Factory (Sant'Agata Bolognese)

Lamborghini Factory (Sant’Agata Bolognese)

Autore:

Davide Marino nasce come archeologo ma finisce per fare altro. Razionale ma non metodico, lento e appassionato. Un giovane entusiasta dai capelli grigi

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *