Menu
Menu

Parma 2020+21 – 20 motivi per visitarla

 | 

Parma 2020+21 – 20 motivi per visitarla


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Parma 2020 + 21 è il grande cartellone che la città farnesiana mette in programma per il suo anno da Capitale Italiana della Cultura.

Cultura che si respira nelle strade, nei musei, nei teatri, nelle biblioteche ma anche nelle scuole e nelle case dei parmigiani, che hanno deciso, numerosi, di diventare ambasciatori della loro città per questo grande evento.

Cosa vedere a Parma?

Caso mai ce ne fosse bisogno, ecco 20 ragioni per amare e venire a visitare Parma.

  • Galleria Nazionale di Parma | Ph. sailko, WLM2017

  • Teatro Regio, Parma | Ph. Gianfranco Salsi

  • Abbazia di Valserena, sede della CSAC

  • Leonardo da Vinci, La Scapiliata

  • Duomo di Parma, cupola del Correggio | Ph livioandronico2013

  • Cattedrale di Santa Maria Assunta (Parma) | Ph. acri.it

  • Reggia di Colorno | Ph. wwikiwalter

  • Roncole Verdi, Casa natale | Ph. manuparma, WLM 2014

  • Prosciutto di Parma | Ph. Giorgio Salvatori

  • Parmigiano Reggiano | Ph. Lola Akinmade

  • Castello di Torrechiara, Langhirano | Ph. Lara Zanarini, WLM2014

  • Roncole Verdi (PR) – Giovanni Guareschi, Copyright eredi Guareschi

  • Parco Ducale di Parma | Ph. goethe100, WLM 2014

  • Culatello, Parma City of Gastronomy, via Facebook

  • Parco Nazionale Tosco Emiliano, Lago Calamone, Ph. Carlo Alberto Conti, WLE2019


Il complesso della Pilotta e il Teatro Farnese

L’imponente palazzo – simbolo del potere ducale dei Farnese – custodisce i preziosi capolavori della Galleria Nazionale di Parma, gli antichi manufatti del Museo Archeologico Nazionale, gli storici volumi della Biblioteca Palatina e il Teatro Farnese, un ambiente spettacolare che conserva ancor oggi il ricordo della fastosa vita di corte dei Duchi Farnese.

Info

Il Teatro Regio

In origine Nuovo Teatro Ducale, è il tempio della musica che intimorisce anche i grandi artisti voluto dalla duchessa Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone, inaugurato dopo solo 8 anni di lavori.

Info

I tipi di Giambattista Bodoni

Ovvero i primi esempi di caratteri (tipografici) moderni, i Bodoni appunto, creati dal tipografo piemontese di nascita ma parmense di adozione, a cui la città ducale ha dedicato anche un museo.

Info

L'Abbazia di Valserena

Esempio di cultura cistercense, costruita dai benedettini, ispirò Stendhal per il suo romanzo La Certosa di Parma e oggi ospita il Csac – Centro studi e archivio della comunicazione.

Info

La Scapiliata di Leonardo da Vinci

Un’opera su cui gli storici dell’arte concordano nel definire un unicum nel corpus del Maestro. Terminato il prestito al Louvre per la mostra che celebra il 500esimo anniversario della morte del genio di Vinci, potrà tornare ad essere ammirata in Pinacoteca da marzo completando così l’itinerario #inEmiliaRomagna sulle tracce di Leonardo.

Info

Il Correggio e il Parmigianino

Ovvero due artisti locali diventati internazionali: per ammirarli è suggerita una visita al Duomo (cupola affrescata da Correggio) e al Castello di Fontanellato (sala di Diana e Atteone affrescata dal Parmigianino).

Il Duomo e il Battistero

Da 900 anni la Cattedrale è un luogo di arte, storia e sacralità con testimonianze dell’arte romanica mentre il Battistero è un simbolo del trapasso dal tardo romanico al gotico.

Info

La Reggia di Colorno e la scuola ALMA

Ovvero la Versailles dei duchi di Parma, dove restare estasiasti alla scoperta della reggia o perdersi nel profumato giardino storico; il palazzo è oggi sede anche di ALMA –  Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

Info

Giuseppe Verdi e Busseto

Legame indissolubile quello del cigno di Busseto con la sua terra, dove poterlo scoprireconoscere e apprezzare.

Il Prosciutto di Parma DOP

Il re dei salumi, una delle 44 DOP e IGP regionali, conserva in sé la sapienza e l’artigianalità affinate nel tempo con cura e passione.

Info

La Crociera dell'ospedale Vecchio

In principio Ospedale tra i più antichi d’Italia, è un luogo prezioso per la città ora trasformato in galleria culturale: motivo in più per visitare l’Oltretorrente.

Info

La cucina parmigiana

È nota in tutto il mondo grazie ai noti Prosciutto di Parma e Parmigiano Reggiano DOP, tanto da essere riconosciuta Città UNESCO per la Creatività Gastronomica.
Non resta che assaggiare le sue ricette tradizionali!

Il Parmigiano Reggiano DOP

Per scoprire il Re dei formaggi, bisogna solo alzarsi presto per prendere parte ad un rituale, che si ripete nei caseifici emiliani ogni giorno da nove secoli.

Info

I Castelli del Ducato di Parma e Piacenza

Oltre 30 tra castelli, rocche, fortezze, regge e manieri per un viaggio nel tempo dal Medioevo al Rinascimento, dal Seicento Barocco al secolo dei Lumi, dal romantico Ottocento alla Belle Epoque fino al Novecento.

Info

Bernardo Bertolucci

Tra i registi italiani più rappresentativi e conosciuti a livello internazionale, è nato in questa terra da cui ha tratto spunti per molti dei suo capolavori che i cinefili più interessati potranno apprezzare seguendo l’itinerario a lui dedicato.

Giovannino Guareschi

Un uomo dal carattere forte e strettamente legato al suo territorio che, partendo dal suo mondo piccolo nella Bassa, è arrivato al grande mondo globalizzato, visto che uno degli autori italiani più venduti e in assoluto il più tradotto (ben 142 lingue).

Il Parco e il Palazzo Ducale

Un altro prezioso angolo ducale della città, con un Parco “abitato” da alberi secolari che proteggono il Palazzo Ducale, visitabile solo in occasione di aperture straordinarie.

Info

Arturo Toscanini

Per saperne di più sul celebre direttore d’orchestra che da Parma è arrivato in tutto il mondo, basta andare in Oltretorrente e visitare la Casa e Museo del Maestro.

Info

Il Culatello di Zibello DOP

Per gustare questo salume regale – non a caso apprezzato anche dal Principe Carlo del Galles – basta recarsi lungo il fiume Po, dove grazie al clima freddo-umido d’inverno e caldo d’estate, la stagionatura si affina.

Info

Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano

Un Parco dal cuore selvaggio che è anche Riserva MAB, tra il mare di Toscana e la pianura dell’Emilia, con una ricca biodiversità, da scoprire in tutte le stagioni con gli scarponi, le ciaspole, le biciclette o a cavallo.

Info

Autore:

Sangue siculo – abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre, da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare…

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *