[Parlami di tER] Terme della Salvarola: terme e sapori

 | 

[Parlami di tER] Terme della Salvarola: terme e sapori


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che son natie, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Non vogliamo dire che Modena è la città dove si mangia meglio al mondo, perché sarebbe un po’ campanilista. Certo, la presenza de “La Francescana” di Massimo Bottura, con le sue 3 stelle Michelin e il titolo di Miglior Ristorante del Mondo vinto per ben 2 volte, un po’ ci giustificherebbe.

Ma se diciamo che l’Emilia Romagna è la regione del mondo in cui si mangia meglio, stiamo solo riportando la prestigiosa opinione della rivista Forbes, che nel 2013 ha definito così la nostra cucina.

Sarà grazie ai 44 prodotti DOP e IGP che vanta la nostra regione.

Sarà per l’abilità delle sfogline, capaci di scolpire capolavori di gusto con acqua, uova e farina.

Sarà per le uve generose, che donano vini conviviali, fatti apposta per stare in allegria intorno a un tavolo.

Sarà certo anche merito dell‘Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, gioiello indiscusso della gastronomia ed elogio della lentezza, della pazienza e della capacità di soffermarsi sull’essenziale.

A Salvarola Terme amiamo tutto questo al punto da averlo fatto nostro ed interpretato a nostro modo.

Le uve Grasparossa e Trebbiamo diventano golosi trattamenti estetici grazie alla Vinoterapia, che per primi in Italia abbiamo proposto.

Le rosse ciliegie di Vignola sposano l’acqua termale nelle linee cosmetiche bio e nei trattamenti, toccasana per la pelle.

Sassuolo (MO), Terme della Salvarola - bagno relax alla ciliegia, ph. termesalvarola.it, CC_BY_NC_SA 3.0

Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – bagno relax alla ciliegia, ph. termesalvarola.it

L’Oro Nero dell’aceto balsamico di Modena ha dato vita ad una cosmesi termale esclusiva, da far brillare la pelle (e gli occhi, per la meraviglia).

E la sfoglia, direte voi? I tortellini, il ragù, lo zampone e il cotechino? Ci sono, ma al ristorante dell’Hotel Terme Salvarola. Dovete venire di persona.

Vi faremo visitare un’acetaia, dove un Maestro del Balsamico magari vi sussurrerà uno dei suoi segreti, se sarete fortunati. Una cantina, con la raccomandazione di lasciare sufficiente spazio nel bagagliaio, perché una volta assaggiato, il buon Lambrusco si porta a casa. Un caseificio, perché non vorrete mica perdervi il mitico Parmigiano Reggiano?

E anche il Museo della Salumeria, voluto e creato direttamente da Villani.

Non vogliamo dire che Modena sia la città dove si mangia meglio al mondo. Vogliamo che lo diciate voi.

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola, ph. termesalvarola.it

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – cosmesi vinoterapia, ph. termesalvarola.it

  • Aceto balsamico tradizionale di Modena, ph. Fabio Duma

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – piscina, ph. termesalvarola.it

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – trattamento alla ciliegia, ph. termesalvarola.it

  • Tortellini fatti a mano

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – parco, ph. termesalvarola.it

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – vinoterapia, ph. termesalvarola.it

  • Sassuolo (MO), Terme della Salvarola – hotel, ph. termesalvarola.it

  • Terre di Lambrusco, ph. Consorzio Tutela Lambrusco di Modena

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *