Cosa fare con i bambini a Bologna e dintorni

 | 

Cosa fare con i bambini a Bologna e dintorni


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Bologna la rossa, la grassa e la dotta è anche una città accogliente per essere vissuta in famiglia. Tante sono le attività, infatti, che possono essere vissute assieme ai più piccoli, così come i luoghi da visitare.
Ecco di seguito 10 suggerimenti su cosa fare a Bologna e dintorni con i bambini.

Visitare FICO, la Fabbrica Italiana COntadina

A pochi minuti di autobus dal centro di Bologna c’è un grande parco tematico dedicato al settore agroalimentare e gastronomico italiano. Qui i bambini possono conoscere dal vivo l’agricoltura e l’allevamento, camminando tra piante e frutteti, salendo sui trattori e accarezzando gli animali della fattoria; possono capire di più del pianeta grazie alle giostre multimediali tematiche e anche osservare come vengono realizzati alcuni dei prodotti gastronomici più amati della tradizione italiana, dai prodotti da forno al Parmigiano-Reggiano.


Leggere libri in Sala Borsa

La grande Biblioteca Sala Borsa, che sorge proprio nel cuore della città, ha una ricca sezione dedicata a bambini e ragazzi, con libri adatti da 0 a 12 anni. Per i più piccoli, inoltre, è presente una sala con tappeti e cuscini – con un angolo dove le mamme possono allattare con tranquillità; qui è possibile richiedere anche la chiave del bagno pubblico interno alla biblioteca, dotato di fasciatoio e water per i più piccini.

Correre e giocare nei parchi cittadini

A pochi minuti dal centro di Bologna sorge il grande parco dei Giardini Margherita, l’ideale per una “pausa verde” durante la quale i bambini possono correre, giocare, fare un giro sulle giostre, andare in bici o sui pattini, mangiare un gelato e osservare tartarughe e carpe nel laghetto che attraversa il cuore del parco.
Spostandosi un po’ dal centro invece ci sono altri due parchi facilmente raggiungibili a piedi o in bus che meritano di essere vissuti in famiglia, per una passeggiata o un pic-nic: sono il Parco Villa Ghigi, poco fuori Porta San Mamolo, e il Parco Talon, a Casalecchio di Reno.

Visitare i tanti Musei Curiosi

Nel Bolognese sono tanti i musei dedicati a oggetti, tradizioni e prodotti del territorio che possiamo davvero definire curiosi: qualche idea? Ad Anzola dell’Emilia c’è il Gelato Museum, realizzato da Carpigiani per raccontare in maniera interattiva la storia di questo golosissimo cibo fin dai suoi albori; il museo organizza durante l’anno anche numerosi laboratori che permettono ai bambini di sperimentare e diventare galatai e pasticcieri in erba.
A Budrio c’è invece il Museo dell’Ocarina e degli Strumenti musicali in terracotta, che racconta la nascita e le vicende di questo piccolo flauto in terracotta tipico proprio del bolognese.


Mettere le mani in pasta in un corso di cucina

Cosa c’è di meglio di trascorrere qualche ora con i propri figli pasticciando e mettendo le mani in pasta? A Bologna sono numerose le realtà che organizzano corsi di cucina, alcuni specifici proprio per i più piccoli. Grazie a questi corsi è possibile imparare come si preparano alcune delle ricette più tipiche della tradizione locale (tortellini, tagliatelle e chi più ne ha più ne metta) e magari completare l’esperienza gustando quello che si è realizzato con le proprie manine.

Fare un salto nella Preistoria al Parco dei Dinosauri

Il Parco della Resistenza a San Lazzaro di Savena ospita Dinosauri in carne e ossa, un allestimento che permette di scoprire dal vivo come erano fatti i più celebri dinosauri e altri animali preistorici, come gli antenati del bradipo e del coccodrillo: trenta modelli ricostruiti rigorosamente a grandezza reale, per raccontare la storia e l’evoluzione della vita sulla terra. Occhi sgranati e bocche aperte sono garantiti!


Passeggiare nel Medioevo con la Macchina del Tempo

Presso il Museo Realtà Virtuale in via Zamboni 7 a Bologna è possibile (su prenotazione) fare numerose esperienze con la Macchina del Tempo: “Bononia” è la ricostruzione della Bologna Romana del 1° secolo DC, “Bologna Medievale” permette di volare fra le torri e le strade della Bologna del XIII secolo, mentre “Al Canel” permette di muoversi in una ricostruzione del Canale di Reno del XVIII secolo.
Le esperienze si svolgono indossando un visore di Realtà Virtuale, stando comodamente seduti e sotto la guida di un tutor.

Scoprire la città a bordo di un Trenino

Come visitare la città senza camminare troppo – attività spesso noiosa per i bambini? La soluzione è salire a bordo di uno dei trenini rossi che da Piazza Maggiore partono alla scoperta di alcuni dei luoghi più belli della città.
La scelta è doppia: il CityBOExpress attraversa le vie del centro storico, mentre il SanLucaExpress porta in cima al Colle della Guardia, fino alla scenografica Basilica di San Luca.

Tuffarsi e scivolare all’Acquapark della Salute Più

Durante i mesi di bella stagione sulle colline di Monterenzio è aperto l’AcquaPark della Salute Più, la parte esterna dello stabilimento termale Villaggio della Salute Più. Si tratta di un’oasi verde e azzurra, immersa tra le colline bolognesi, con scivoli e piscine pensate proprio per i più piccoli: il divertimento è assicurato!

Scoprire l’evoluzione del motociclismo al Museo Ducati

Per tutti gli appassionati di motociclismo Borgo Panigale è una sorta di mecca e proprio nello stabilimento della Ducati è sorto il Museo Ducati, che ripercorre tutta la storia dell’azienda attraverso le moto Ducati di serie che hanno segnato le diverse epoche e le moto Ducati racing che con le loro vittorie hanno costruito la leggenda sportiva.

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *