[Emilia Romagna Città d’arte] Rimini in 3 minuti

 | 

[Emilia Romagna Città d’arte] Rimini in 3 minuti


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

È una delle più belle città d’Italia, famosa in tutto il mondo per essere il centro del divertimento dell’estate in Emilia-Romagna, Rimini, in una chiave di lettura duale, tra età antica e rinascimento alla scoperta delle sue bellezze storiche e artistiche. La storia e l’arte della città in soli 3 minuti di lettura!

Rimini Romana

Ospitale fin dai tempi del Neolitico, il territorio riminese ha visto nei secoli il susseguirsi di diversi popoli per lo meno fino al 268 a.C quando i Romani fondarono la colonia di Ariminum. La Rimini romana, soprattutto quella di età augustea, è certamente il miglior punto di partenza per un tour tra le antiche vestigia di questa meravigliosa città.

Piazze

Piazza dei Martiri – Rimini

Vuoi per la posizione strategia favorevole all’espansione, vuoi per la rigogliosità dei suoi terreni agricoli, Rimini è stata infatti la prima colonia romana realizzata in Pianura Padana. In poco tempo questo suo valore l’ha resa una delle città più importanti del Nord Italia, favorendone lo sviluppo e l’arrichimento con diverse opere architettoniche che ancora oggi possiamo ammirare.

Camminando per le vie del centro, sono ancora rintracciabili in più punti le sottostanti strade romane: un vero museo a cielo aperto che da Piazza Tre Martiri ci porta in pochi passi a scorgere alcuni dei più importanti reperti storici della città. Primo tra tutti l’Arco di Augusto: edificato nel 27 a.C come monumento celebrativo in onore dell’imperatore e grandioso punto di accesso nel percorso che collegava Rimini a Roma tramite la via Flaminia.

Arco di Augusto

Dando le spalle a questo monumento e camminando a piedi, in poco o più di 5/6 min si può raggiungere la seconda opera più importante della Rimini di età romana. Si trattta del Ponte di Tiberio, antico attraversamento del fiume Marecchia, oggi vero gioiello storico della città. Ancora percorribile, a piedi (sugli stretti marciapiedi in pietra) o in macchina (ancora per poco), rappresenta il tratto finale della storica Via Emilia.

Ma è poco più in là, in piazza Ferrari, che si trova forse uno dei più importanti esempi di arte romana della città. È la Domus del Chirurgo, una casa romana d’età imperiale che, grazie alla splendida musealizzazione operata alcuni anni fa, è possibile visitare camminando su ponti sospesi su antiche pavimentazioni in mosaico e reperti mozzafiato.

Domus del Chirurgo | Foto by TuristiperCaso.it

Infine l’Anfiteatro Romano, costruito nel II secolo d.C. per ospitare i giochi e gli spettacoli gladiatori. Simbolo di prestigio per la città, permetteva di creare una suggestiva area di svago a pochi passi dal mare. Successivamente riutilizzato con obiettivi diversi, oggi è visibile solo in parte, poichè coperto dagli edifici limitrofi d’età moderna.

Rimini Rinascimentale

Durante il periodo medievale e rinascimentale, Rimini è stata la città dei Malatesta, una delle signorie più importanti di tutta Italia.
Padroni di tutto il territorio circostante, dal 1295 al 1528 fecedero vivere all’abitato – come avevano già fatto al tempo i Romani – un periodo di assoluto splendore.
Di quel periodo rimane, in pieno centro storico, la Rocca Malatestiana o Castel Sismondo, residenza-fortezza voluta da Sigismondo Pandolfo Malatesta, regnante nel tardo ‘400. Oggi la fortezza viene impiegata come centro polivalente e ospita nel corso dell’anno diversi eventi culturali.

Castello Sismondo | Foto di Matteo Bimonte, via #Flickr

Castello Sismondo | Foto di Matteo Bimonte, via #Flickr

A pochi passi da Piazza Tre Martiri, si trova il Tempio Malatestiano, la chiesa cattedrale della città, la cui realizzazione nelle forme attuali fu affidata a Leon Battista Alberti. Al suo interno un tempo erano presenti diverse opere pittoriche, molto delle quali sono andate perdute; è però ancora possibile godere nell’abside il Crocifisso di Giotto.

piero della francesca a rimini - tempio malatestiano


I MUSEI

A pochi passi dalla Domus del Chirurgo è possibile visitare il Museo della Città di Rimini dove dal 2003 è conservata un’interessante sezione archeologica e un lapidario romano con iscrizioni datate fino al  I secolo a.C.

Se siete appassionati di culture transoceaniche è consigliabile una visita anche al Museo degli Sguardi che, attraverso raccolte etnografiche, conduce alla scoperta delle diverse culture che si sono succedute nel corso del tempo.


FUORI DELLA CITTÀ

Se ci si muove nel circondario di Rimini, si trovano altrettante interessanti proposte: in poco meno di 30 minuti, risalendo lungo la valle del fiume Marecchia, si possono raggiungere le tre cime di San Marino. In alternativa è sempre possibile una bella passeggiata nella vicina località di Riccione: estate o inverno che sia, Viale Ceccarini è ricco di bei negozi e tanti passanti ad ogni ora del giorno.

Per tutti gli amanti delle quattro o delle due ruote, a pochi chilometri dalla capitale malatestiana si trova il circuito di Misano con il museo dedicato al mitico Marco Simoncelli.

Infine, anche lo slow tourism non teme rivali nel riminese: tutta la Val Conca come la Val Marecchia cono costellate da un’infinità di interessanti borghi: Saludecio, Mondaino, Montefiore, Montegridolfo, Pennabilli, Sant’Agata Feltria, San Leo, Verucchio per citarne qualcuno. Tra sagre popolari, folklore e tanto buon cibo della tradizione qui potrete sposare la vera cultura di Romagna.


COME ARRIVARE A RIMINI

IN AEREO

La città dispone di un proprio aeroporto, poco fuori dalla città: l’Aeroporto Internazionale “Federico Fellini”. L’Aeroporto Internazionale di Bologna “Guglielmo Marconi” si trova, invece, a circa 120 km d’autostrada ed è raggiungibile in 1 e 30 minuti. Fuori regione, invece, in 1h circa si può raggiungere Ancona con il suo Aeroporto delle Marche

IN AUTO

Si raggiunge con l’autostrada A14 Bologna-Ancona, in cui confluiscono l’A1 del Sole, l’A21 Torino-Piacenza, l’A22 del Brennero (www.autostrade.it). Partendo da Venezia, la direttrice più veloce rimane la strada statale 309 Romea (SS 309), sulla quale si innestano le strade provenienti da Padova e Ferrara.

IN TRENO

Posta sulla direttrice Milano-Bari, la stazione di Rimini è collegata alle principali città italiane: www.trenitalia.it.

IN NAVE

Chi giunge via mare può ormeggiare al Porto Canale o utilizzare i servizi della Nuova Darsena.

7 commenti

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *