Menu
Menu

Pietre Panoramiche d’Appennino

 | 

Pietre Panoramiche d’Appennino


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Visit Emilia suggerisce prospettive diverse per ammirare paesaggi incantevoli tra le province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia.


Le terre d’Emilia non smettono mai di stupirci: pietre uniche nel loro genere offrono singolari punti di vista panoramici e facilmente accessibili, che consentono di spaziare con lo sguardo sullo spettacolare orizzonte che le circonda. Ecco tre itinerari perfetti per chi ama la natura e le ampie vedute.


Pietra Parcellara e Pietra Perduca (Piacenza)

In Val Trebbia, la Pietra Parcellara e la Pietra Perduca sono mete di rude bellezza, collegate tra loro da un sentiero sul versante meridionale.
Sul confine dei comuni di Travo e Bobbio, la Pietra Parcellara si sporge bruscamente dalla collina, distinguendosi per morfologia e imponenza.
Ai piedi del masso roccioso, l’Oratorio della Madonna di Caravaggio inaugura il percorso che conduce alla cima, dalla quale si osserva il panorama morbido della vallata.

Simile per conformazione, la Pietra Perduca è nota per la chiesa eremitica e per le particolari vasche di tritoni scavate nella roccia. Il mistero che circonda uso e origine di queste strane fosse ha dato vita a numerose leggende e alla nomenclatura popolare di “letti dei santi”.

  • Pietra Parcellara Ph. @lavalledellefavole

  • Pietra Perduca Ph. @jordy_corallo via RipensandoPiacenza

  • Pietra Perduca Ph. @lavalledellefavole

  • Pietra Parcellara dalla Pietra Perduca Ph. @nosensephoto

Da non perdere in zona, il Villaggio Neolitico di Travo, con insediamenti risalenti a 6000 anni fa, e le Cascate del Perino, spettacolare tuffo d’acqua del torrente in una gola di roccia calcarea che vale da solo un’escursione in questo angolo di Appennino Piacentino.

Groppo del Vescovo (Parma)

Sul confine tra Emilia e Toscana, diviso tra Berceto (PR) e Pontremoli (MS), si trova Groppo del Vescovo, formazione facilmente distinguibile, visibile sia dal crinale che dalle zone sottostanti, dove i detriti calcarei della montagna si sono depositati con il passare degli anni.

Groppo del Vescovo, Via Francigena Ph. alepin9

Groppo del Vescovo, Via Francigena Ph. alepin9

Il percorso più noto (della durata di 1 ora e 30 minuti circa), praticabile a piedi o in mountain bike, ha inizio dal Passo del Cirone e tocca Groppo del Vescovo, dove ci si può emozionare davanti al panorama che svela anche il Passo della Cisa.

Chi giunge da queste parti, non può assolutamente lasciarsi sfuggire l’occasione di effettuare una deviazione verso Sesta Inferiore, noto anche come il paese dipinto. È un vero e proprio museo all’aperto tra le cime appenniniche e il torrente Parma, che l’artista Walter Madoi ha eletto a tela diffusa per la realizzazione delle sue opere sui muri esterni delle abitazioni e di uno strabordante ciclo della Crocifissione, concentrato nella chiesa del borgo.

Sesta Inferiore Ph. @nubifragi

Sesta Inferiore Ph. @nubifragi

Pietra di Bismantova (Reggio Emilia)

Sull’altopiano dell’Appennino Reggiano, si erge solitaria la Pietra di Bismantova: non è difficile credere che Dante sia stato ispirato dalla vertiginosa visione dal basso delle sue pareti per la descrizione del Monte del Purgatorio.

Pietra di Bismatova Ph. @walking_greis

Pietra di Bismatova Ph. @walking_greis

Sono da sempre numerosi gli appassionati di arrampicata e di escursioni che visitano questo luogo così possente: il percorso verso la cima è facilmente accessibile, grazie al sentiero in terra battuta e una pendenza costante che rendono l’ascesa piacevole.

Durante il tragitto, è possibile osservare da vicino una flora caratteristica fatta di arbusti e zone boschive che proseguono fino alla cima.
Giunti in vetta, si profilano all’orizzonte alcune delle più importanti cime dell’Appennino Tosco-Emiliano, come i monti Cimone, Ventasso, Cusna e l’Alpe di Succiso.

Pietra di Bismantova Ph. @lifeonholiday_

Pietra di Bismantova Ph. @lifeonholiday_

Da non perdere, proprio ai piedi della Pietra, incastonato nella roccia l’Eremo di Bismantova, costruito nel XVII secolo, già custodito dai Benedettini, ora santuario mariano diocesano, dove nella sagrestia sono conservati affreschi risalenti al XV secolo, fra questi si trova la Madonna di Bismantova a cui l’Eremo è dedicato.

Attorno a Castelnovo ne’ Monti si possono incontrare diversi caseifici del prelibato Parmigiano Reggiano di Montagna.

Autore:

Destinazione Turistica Emilia
www.visitemilia.com

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *