Fall Foliage #InEmiliaRomagna

 | 

Fall Foliage #InEmiliaRomagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Si sa l’autunno è la stagione più colorata dell’anno e non c’è di meglio che viverla immersi nella natura.
Un’esperienza quasi mistica, nel silenzio dei boschi, in compagnia dei suoi “abitanti”, deliziati dai suoi profumi, in grado di rigenerarci come non avremmo mai pensato.
Non c’è bisogno di andare lontano: una delle foreste più variopinte d’Europa è molto vicina, facilmente raggiungibile e dedica al Fall Foliage persino un festival. Ovviamente stiamo parlando del Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna recentemente insignito dall’Unesco.
Il periodo migliore è proprio questo, tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, quando il verde lascia il posto a mille sfumature dal marrone al rosso porpora, dal giallo all’arancione. Uno spettacolo per gli occhi e per l’anima, basta inoltrarsi nel bosco per respirare bellezza allo stato puro.

Pronti a perdervi tra i colori dell’autunno in un weekend di Fall Foliage #InEmiliaRomagna?
Preparate gli obiettivi di macchine fotografiche e smartphone!

  • ph. A.Cappuccioni

  • ph. marino_ale80

  • ph. followselect

  • ph. @mariasolecelotti90

  • ph. @luigi_vitali_photo

  • ph. @chiara_fambri

Da sempre fenomeno di costume in Canada e negli Stati Uniti, negli ultimi anni il foliage (il periodo in cui le foglie cambiano colore) sta diventando una forma di turismo anche qui da noi. In autunno ogni bosco/foresta sono soggetti a questa trasformazione, ma esistono luoghi speciali in cui il fenomeno assume proporzioni straordinarie, come le Foreste Casentinesi.

Adagiate sulle pendici dell’Appennino Tosco-Romagnolo vantano una posizione geografica d’eccezione tra due grandi regioni, quella mediterranea e quella europea con oltre 40 specie di alberi: un’autentica esplosione di colori e di sfumature differenti che rendono questo paesaggio una magica e naturale tavolozza.
Gli appassionati lo sanno e si organizzano per tempo, ma c’è margine anche per chi è meno organizzato. Vastissime faggete e, a quota inferiore, boschi di aceri, tigli, olmi ad alto tasso di foliage ci attendono.

Fall Foliage – DOVE ANDARE

In cima al Monte Penna che domina la Foresta della Lama.

Nella Foresta di Campigna, risalendo dall’abitato al Passo della Calla per la mulattiera Granducale

Nella Valle dell’Acquacheta.

Sul Monte Tiravento salendo da Premilcuore

Fall Foliage – COSA FARE

Trekking

Percorsi in mountain bike

Uscite di fotografia naturalistica

Sperimentare a tavola i gustosi e colorati frutti del bosco

Fall Foliage – QUANDO

13-14 ottobre a Santa Sofia e Campigna e 27-28 ottobre a Bagno di Romagna per il Fall Foliage Festival

Fino al 25 novembre per Autunno Slow

Fall Foliage #InEmiliaRomagna oltre al Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

C’è solo l’imbarazzo della scelta di luoghi e sfumature da cui lasciarsi incantare!

Il Bosco (abeti e larici) di Pratizzano  nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Il Rifugio Lagdei (faggi) sempre nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Il passo del Lagastrello nel reggiano.

Il Lago del Ventasso denominato anche Lago Calamone (faggi, querceti e castagneti) sempre nel reggiano.

La Riserva Naturale del Bosco della Frattona (querce e roverelle) non lontano da Imola.

La Valle del Sillaro (cerri, roverella e carpino nero) sull’Appennino bolognese.

I tanti vigneti emiliano – romagnoli dove a seconda del vitigno si possono ammirare sfumature oro, rosso magenta, bordeaux.

Le nostre città, se abbellite con tigli, ginkgo biloba e ciliegi selvatici.

Foto in technicolor assicurate (condividetele con noi con un commento), senza andare in New England, Usa, Canada Giappone!

Autore:

Sangue siculo – abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre, da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare…

Un commento

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *