[Parlami di tER] Il flash mob delle pavarazze
Riviera Romagnola

[Parlami di tER] Il flash mob delle pavarazze

di /// Settembre 16, 2021 /// Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Riviera Romagnola

Interesse
Riviera Romagnola

SHARE

Riviera Romagnola

Interesse
Riviera Romagnola

SHARE

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da donne e uomini che son nati, vivono o semplicemente si sono innamorati di questa singolare, bellissima, terra con l’anima. Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto. Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Nelle stagioni fredde non so dove vada, ma il mare ogni tanto va via, scompare, si ritira anche per centinaia di metri.
Nella sua ritirata prepotente il mare inventa una nuova geografia, modella catene montuose, altopiani, fiumi e canyon.
Allora, d’un tratto, un popolo si riversa su questa nuova terra effimera.

È un popolo improvvisato, antichissimo, che sembra non aver conosciuto pastorizia e agricoltura. È il popolo dei raccoglitori.
O alla buona, con in mano una sportina e buona volontà, o con  secchiello e bastone munito d’una forchetta o un cucchiaio all’estremità, tutti cercano la stessa cosa, le pavarazze, quelle particolari vongole che in dialetto romagnolo si chiamano “poveracce”.

È il flash mob delle pavarazze. Un raduno improvvisato per un piatto di spaghetti.
A osservarli, lo sguardo chino a terra, come assorto e in realtà concentrato su ogni minimo dettaglio, il passo lento e ondivago, ci si rende conto che senza più saperlo questo popolo improvvisato ripete comportamenti atavici, assimilati da un altro popolo migratore, ma d’altra razza. Anch’esso intento a vagare nelle acque basse e chete scrutando la superficie dell’acqua in cerca di cibo. Quel popolo elegante ma dinoccolato che con la scusa di mangiare danza pigro nelle paludi.

Autore

Maurizio Nicosia è docente di storia dell’arte all’accademia di belle arti di Bologna e Ravenna. Gli piace andare a zonzo con la macchina fotografica. I frutti dei suoi vagabondaggi li pubblica su Locus solus.

Potrebbe interessarti

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *