[#APranzoconTER Ep.3- Bologna] Nonna Renata e il pollo con i peperoni

 | 

[#APranzoconTER Ep.3- Bologna] Nonna Renata e il pollo con i peperoni


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

“Non me l’avevi mica detto che mi facevano le foto..Mi hai ingannato!”
“Ma nonna, se te lo avessi detto prima mi avresti detto di no”
“Va bene, ti ho già perdonato”

Nonna Renata e la nipote Enrica battibeccano affettuosamente quando le incontriamo a San Lazzaro, nella prima periferia bolognese, dove Nonna Renata abita. È sabato mattina e dobbiamo fare la spesa per una nuova puntata di A Pranzo con TER. Oggi Nonna Renata ci prepara uno dei sui piatti più famosi e amati da figli e nipoti: il pollo con i peperoni.

Nonna Renata: 79 anni splendidamente portati, un vero condensato di energia e dolcezza. Dice che non le piace stare al centro dell’attenzione, ma non è certo una signora fiacca! Ama stare al passo con i tempi e in mezzo alle persone (pensate che ha anche un account su Twitter!), e soprattutto ama sua nipote Enrica, con la quale tra le tante attività condivide la passione per la cucina.

Facciamo la spesa per il nostro Pranzo con TER dal fruttivendolo di fiducia (cipolle, pomodori, peperoni..“quelli a 4 punte, che sono i più dolci”) e dal fornaio di sempre (un pezzo non condito per le bruschette e tre pezzi di pane comune “anzi quattro..che con la peperonata si deve fare la scarpetta”).
Quindi ci spostiamo a Villanova di Castenaso, dove Nonna Renata è cresciuta e dove aveva aperto il suo amatissimo negozio di abbigliamento, per comprare all’alimentari di quartiere il pollo e il formaggio.

La casa dove cucineremo e trascorreremo la nostra giornata è quella di Enrica Lazzarini, una splendida villetta a Osteria Grande, tra i campi della campagna bolognese. Era la casa dei genitori di Alessandro, che i due futuri sposini stanno pian piano ristrutturando e arredando con le proprie forze.

Appena arrivati ci mettiamo all’opera: per prima cosa si pulisce il pollo, poi si tagliano le verdure.
Nonna Renata ci svela la sua ricetta della peperonata: 2 peperoni verdi, 2 gialli e 1 rosso, 1 cipolla media, 1 pomodoro, prezzemolo e aglio. “Questo ve lo posso dire, ma sappiate che la peperonata non si insegna..si impara!”.

La mattinata prosegue tra ricette e ricordi di famiglia..Nonna Renata ci racconta di quando era bambina, delle sue memorie ed esperienze del tempo di guerra (quando, sfollata dalla città, abitò per un periodo in una chiesetta in campagna), del suo aver tirato su tre figli da sola.

Intanto la peperonata è sul fuoco e Nonna Renata decide di prepararci un piatto che per lei ha il sapore dell’infanzia e che tutt’ora chiama il “paciughino”, una salsina fatta con acciughe e burro che suo papà le preparava a cena quando la madre rientrava tardi dal lavoro.

Oltre al “paciughino” sul pane il nostro menù di oggi prevede:
bruschette con l’olio
formaggio semi-stagionato con marmellata di cipolle rosse fatta da Enrica e Nonna Renata durante l’estate scorsa
il famoso pollo con la peperonata, che Nonna Renata ha imparato da una sua vecchia zia
e la Torta di Riso, tradizionale dolce bolognese fatto da Barbara, la mamma di Enrica.

Siccome la peperonata richiede tempi lunghi di cottura salutiamo Nonna Renata ed Enrica e le rivediamo a cena, dove ci raggiungono anche Eugenia e Viviana di Instagramers Bologna e Anna Tyler, una giornalista inglese di Lonely Planet UK, oltre a Silvia di BolognaFood che era con noi dalla mattina.

ph. FabioDuma 06

Dopo un brindisi con il Lambrusco alla nostra amorevole cuoca ci sediamo tutti a tavola e..per un attimo cala il silenzio! È tutto squisito e le bocche sono impegnate a gustare questi sapori fatti in casa 🙂

La serata prosegue tra chiacchiere e memorie, vecchie foto e oggetti d’epoca, come le pagelle di quando Renata andava a scuola. Dopo un bicchierino di Cedrina e uno di Cognac alla scorze d’arancia, tutti fatti dalla Nonna, salutiamo l’allegra combriccola, sperando di avere presto occasione di incontrarci di nuovo.
Ma non è finita, perché Enrica e la Nonna ci omaggiano di due vasetti di marmellate fatte da loro, tra cui la tipica mostarda bolognese.

È stata una splendida giornata insieme, in famiglia e tra amici, e non potremo mai ringraziare abbastanza le nostre ospiti per il calore e l’atmosfera che ci hanno fatto vivere, quegli attimi semplici ma unici di una vera giornata con i propri cari.
Ecco il nostro Storify:

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

3 commenti

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *