[ParlamiditER #259] Emilia Romagna: un mondo sotterraneo

 | 

[ParlamiditER #259] Emilia Romagna: un mondo sotterraneo


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che sono nate, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Siamo spesso abituati a guardare davanti, a lato o sopra le nostre teste, ma ci dimentichiamo troppo facilmente che sotto di noi c’è un mondo ancora attivo: anche l’Emilia Romagna, come tutto il territorio italiano ed europeo, nasconde storie e tesori sotto la sua superficie.

Se pensate di essere degli intrepidi Indiana Jones e avete voglia di andare oltre l’orizzonte e ciò che è facile da vedere, allora siete i giusti candidati per scoprire quanto di più prezioso questa regione ha da offrire e quali storie si incrocino nelle vie nascoste sotto ai nostri piedi.

Partiamo dalle cantine: sono luoghi preziosissimi per stagionare e conservare i prodotti che tutti noi conosciamo meglio come prosciutti, formaggi e vini; elemento chiave che favorisce questa incredibile trasformazione è l’umidità di questa terra, che aiuta il processo di creazione di prodotti come il culatello ed il formaggio di fossa.
Ecco alcuni posti che consiglio vivamente di visitare e che vi faranno venire l’acquolina in bocca:

  • Antica Corte Pallavicina a Polesine Parmense: questa corte vi offrirà una riservata esperienza tra un ristorante stellato e un’osteria del maiale; su richiesta potrete visitare la cantina dove nasce il Culatello di Zibello, attraversare le stanze per le diverse stagionature e trovare culatelli prenotati dai reali in giro per il mondo.
  • Fosse di Mondaino: sono il risultato di una tradizione riscoperta, che permette di vivere un’antica storia in costume dantesco e assaggiare un prodotto di alta qualità: il Formaggio di Fossa.
  • Enoteca dell’Emilia Romagna a Dozza, un luogo dove trovare una completa presentazione dei prodotti vinicoli della regione.
Enoteca dell'Emilia Romagna, Dozza | Ph. Paolo Barone

Enoteca dell’Emilia Romagna, Dozza | Ph. Paolo Barone

Continuiamo con le grotte: qui la situazione si amplia e potrete trovare posti quasi mistici, di cui ancora molti studiosi sono alla ricerca di una precisa origine; se visiterete questi posti nascosti, farete un salto in storie ipotizzate che portano a galla il grandioso contributo del passato, dei cui risultati usufruiamo ancora oggi.
Segnalo molto affascinante il Parco della Vena del Gesso Romagnola, che si caratterizza di alcune grotte visitabili che aprono agli occhi uno spettacolo di natura minerale incredibile: vi renderete conto di quanto un muro passa parlare senza bisogno di parole.

Sotto Santarcangelo di Romagna invece c’è un’intera e complessa planimetria di grotte, utilizzate in tempo di guerra per proteggersi dai bombardamenti, ma in un passato molto più remoto si ipotizzano diverse storie, tra cui luoghi di culto o per l’incontro di gruppi segreti. Ora, in epoca moderna, rimangono cantine per la conservazione degli alimenti e ne troverete ancora visitabili in ristoranti con cucina tipica.

Grotte di Santarcangelo | Foto by mammaebici

Grotte di Santarcangelo | Foto by mammaebici

Finiamo con i passaggi segreti: questi hanno caratterizzato tutta l’Europa e le sue città in un’epoca dove i legami di potere e le storie di conquista erano sempre sul filo del rasoio, e per questo il posto più sicuro dove nascondersi era sottoterra.
In Emilia-Romagna Bologna è la città emblema di questo, un luogo che è possibile visitare due volte ma che sbalordirà più di 1000 volte. Lei, “la dotta”, nasconde una serie di canali che mostrano un altro mondo ed un’altra economia, quella della seta; lasciatevi quindi trasportare dalla curiosità di scoprire cosa c’è sotto una grandiosa città come Bologna e deciderete quale vi incanta di più.

Bologna, Via Piella | Ph. FoodFunTravel

Bologna, Via Piella | Ph. FoodFunTravel

Segnatevi una cosa molto importante su questa regione: quando sarete in qualunque paese e se sarete fortunati, potrete chiedere ad anziani con la memoria di ferro di raccontarvi una storia; questi vi racconteranno di cunicoli che ancora contengono tesori nascosti da chi li voleva rubare o da chi li voleva proteggere.

Si dice che non si può giudicare un libro solo dalla sua copertina, quindi prendetevi il rischio di vedere come finisce ogni storia che vorrete leggere e scoprire: di sicuro in Emilia Romagna non rimarrete delusi dal finale.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *