Menu
Menu

Alla scoperta degli Orti Botanici dell’Emilia Romagna

 | 

Alla scoperta degli Orti Botanici dell’Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Sono angoli nascosti disseminati in città, veri e propri rifugi immersi nel verde in cui scoprire specie vegetali rare e preziose: gli orti botanici, spesso nati con lo scopo di avere a disposizione una vera e propria dispensa di erbe officinali pronte all’uso, oggi sono luoghi da custodire e conservare, in cui prendersi una pausa o partire per una breve avventura di mezza giornata.
Eccone alcuni dei più suggestivi in Emilia Romagna:


Giardino Botanico Caplez

Il Giardino Botanico ‘Caplez’ è situato in provincia di Piacenza, nella sperduta e affascinante località Cappelluzzo, a 730 m. di altitudine, tra Tassara e Stadera nella Val Tidone.
Si raggiunge facilmente sia dal versante Piacentino che da quello Pavese (Santa Maria della Versa).
In un’area di 15.000 mq. vengono coltivate circa 1.800 specie e varietà di piante provenienti da tutto il mondo.

Da non perdere: due collezioni di arbusti, ovvero Spiraea e Philadelphus. Da segnalare, inoltre, la cura e la passione dedicate alla coltivazione e moltiplicazione di piante endemiche ed in via di estinzione.
Dove si trova
: località Cappelluzzo, Piacenza.
Contatti: 02.58106009 | info@associazionebotanicaamatoriale.it

Orto Botanico di Parma

L’Orto Botanico di Parma è uno storico giardino, creato nel 1630 per volontà del duca Ranuccio I Farnese: direttamente collegato alla Facoltà di Medicina dell’Università di Parma, costituiva allora uno spazio dedicato alla coltivazione delle erbe officinali.
Oggi l’orto è parte integrante della facoltà di Bioscienze e copre la medesima estensione che aveva al tempo della sua fondazione: 11.000 mq in cui sono presenti oltre 2000 specie.

Da non perdere: le nuove collezioni di piante insettivore, di piante grasse e di violette, tra cui la famosa violetta di Parma.
Dove si trova: via Farini 90, Parma.
Contatti: 0521903433 | orto@unipr.it

Giardino Botanico Alpino Esperia

Il Giardino Botanico Alpino Esperia è l’unico Giardino Botanico esistente nell’Appennino Modenese ed è nato con lo scopo di studiare la difesa e la conservazione della flora alpina proveniente da ogni continente ma, soprattutto, di creare una vera e propria oasi in cui immergersi e dimenticare la frenesia delle città.
Racchiude in sé l’incanto di colori, profumi e proprietà medicinali dei fiori di montagna, ma anche la realtà di una lotta incessante per l’affermazione della vita vegetale in alta quota.

Da non perdere: nella radura, cuore del Giardino, le rocce calcaree e silicee ospitano sia specie autoctone, che specie montane provenienti non solo dalle Alpi, ma anche dall’Himalaya, dalle Montagne Rocciose, dalla Siberia, dal Giappone.
Dove si trova: Passo del Lupo, Sestola
Contatti: 0536.61535 | modena@cai.it

Orto Botanico ed Erbario di Ferrara

L’Orto Botanico ed Erbario di Ferrara appartiene all’Università degli Studi di Ferrara e copre una superficie di 4.500 mq del giardino di Palazzo Turchi-Di Bagno. Attualmente le collezioni dell’Orto Botanico di Ferrara sono suddivise in 5 sezioni tematiche, in modo tale da consentire una più agevole individuazione delle circa 700 specie vegetali ospitate.

Da non perdere: la sezione piante esotiche.
Dove di trova: 
Corso Porta Mare 2b – Ferrara
Contatti: 0532293782 | ortobotanico@unife.it

Giardino delle Erbe Augusto Rinaldi Ceroni

Inaugurato nel 1975 ed oggi intitolato al suo fondatore, Augusto Rinaldi Ceroni, il Giardino delle Erbe di Casola Valsenio è nato con l’obiettivo  di conservare  e coltivare  piante di interesse officinale  ed aromatico.
Ad oggi annovera circa 450 specie di piante officinali utilizzate in cucina, nella medicina, nella cosmesi fin dal basso medioevo, quando venivano lavorate nelle officine dei conventi.

Da non perdere: le confetture e le erbe da cucina
Dove si trova: via del Corso 2/1 – 48010 Casola Valsenio (RA)
Contatti: 054673158 o 3396627931 | info@ilgiardinodelleerbe.it

Giardino delle Erbe Ph. ProLocoCasolaValsenio via Facebook

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *