Immagini dalle campagne dell’Emilia-Romagna
Photo Valley

Immagini dalle campagne dell’Emilia-Romagna

di /// Aprile 4, 2022 /// Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Photo Valley

Interesse
Photo Valley

SHARE

Photo Valley

Interesse
Photo Valley

SHARE

Non solo città d’arte. In Emilia-Romagna, anche il paesaggio è da scoprire: quello delle coste o degli Appennini, ma anche quello dolce delle campagne, mai uguale a sé stesso, che si trasforma con il mutare delle stagioni.

Un paesaggio che si presenta in tutta la sua complessità nelle immagini della mostra Da inverno a Inverno. Paola De Pietri esposte alle Pescherie della Rocca Estense di Lugo fino al 17 aprile 2022.

Una sorta di diario di viaggio che restituisce la sintesi di un anno di impegno sul territorio, “da inverno a inverno”, appunto, secondo un tempo che rimanda ai cicli della natura e del lavoro agricolo.

  • ©Paola De Pietri, Da inverno a inverno, 2019-2020
  • Paolo Guerra, Mercato di Lugo, 1950 circa, proprietà di Eredi di Paolo Guerra
  • Carlo Paolo Visani, Mercato di Lugo, 1930 circa, proprietà di Eredi di Carlo Paolo Visani
  • Francesco Nonni, Nei pressi della vasca del Borgotto, Faenza, anni ’10 – ’20, proprietà di Massimo Bartolini
  • Bagnacavallo, Case sparse, 1976

Un progetto sul paesaggio rurale attraverso la fotografia

Da inverno a inverno è il primo appuntamento di Immagini dalle campagne dell’Emilia-Romagna, progetto promosso da Regione Emilia-Romagna – Servizio Patrimonio Culturale, in collaborazione con i Comuni di Lugo, Faenza e Bagnacavallo, per una riflessione sul paesaggio rurale regionale attraverso la fotografia.

Il paesaggio è il fulcro di questo progetto che coinvolge i territori dei tre Comuni (tutti in provincia di Ravenna), che si passeranno il testimone di mostre e iniziative, creando sinergie tese a valorizzare il patrimonio paesaggistico e fotografico.

©Paola De Pietri, Da inverno a inverno, 2019-2020
©Paola De Pietri, Da inverno a inverno, 2019-2020

Gli appuntamenti di aprile

A Lugo, accanto alla mostra di Paola De Pietri (curata da Silvia Ferrari e in collaborazione con il Comune di Lugo e Lugo Land), è prevista una serie di eventi, inclusi laboratori fotografici e conversazioni con esperti e docenti, che approfondiranno alcuni aspetti sul tema del paesaggio rurale come geografia, rappresentazione fotografica, aspetto territoriale e sociale.

Da Faenza a Bagnacavallo

A breve, inaugurerà anche Tre archivi, una campagna. Il paesaggio rurale romagnolo visto attraverso gli archivi Guerra, Nonni e Visani, esposta dal 9 aprile all’8 maggio alla Galleria Comunale d’Arte di Faenza.
La mostra, curata da Gian Marco Magnani e Luca Nostri e in collaborazione con Fototeca Manfrediana e Lugo Land Sarà un modo di osservare il paesaggio faentino da punti di vista differenti, forniti dai materiali di tre fondi storici di epoche differenti: dai primi decenni del ‘900 (Fondo fotografico Francesco Nonni) agli anni ’40 e ’50 (Archivio fotografico Paolo Guerra, Lugo), fino al Fondo fotografico Visani (Lugo) con le fotografie di Carlo Paolo Visani, che illustrano il paesaggio e le attività legate al mondo rurale da fine ‘800 agli anni ’70.

E poi, verso l’estate, il convento di San Francesco a Bagnacavallo ospiterà dal 2 giugno al 3 luglio (anteprima il 27 maggio) Case sparse_dimore sparute. Una campagna tra immagine e poesia, in collaborazione con il Comune e curata dalla Fototec@ Comunale.
La mostra proporrà immagini da Case sparse, fondo documentario conservato in digitale presso la Fototeca, che testimonia la varietà di edifici rurali presenti nel territorio e sarà affiancata dal laboratorio poetico Case e versi.

  • Carlo Paolo Visani, Mercato di Lugo, 1930 circa, proprietà di Eredi di Carlo Paolo Visani
  • Bagnacavallo, Case sparse, 1976

Un tocco musicale

Spesso ci piace suggerire, accanto agli eventi fotografici, un luogo fotogenico dove lasciar correre la propria creatività, tra musica e immagini. In questo caso, la meta è a Lugo dove Gioacchino Rossini ha passato gli anni dell’adolescenza: si tratta della Casa di Rossini, ospitata in un edificio appartenuto al nonno del compositore, diventata museo dal 2020.
Quattro sale, il cui allestimento, teatrale e scenografico, è studiato per guardare, ascoltare, scoprire (e chiedendo l’autorizzazione, anche fotografare), l’opera di Rossini.

Casa Rossini ©Matteo Monti, cortesia Casa di Rossini, Lugo
Casa Rossini ©Matteo Monti, cortesia Casa di Rossini, Lugo

Info:
Da inverno a inverno. Paola De Pietri
19 marzo – 17 aprile 2022
Pescherie della Rocca Estense, Oiazza Garibaldi 2, Lugo (RA)

Tre archivi, una campagna. Il paesaggio rurale negli archivi Guerra, Nonni e Visani
9 aprile – 8 maggio 2022
Galleria Comunale d’Arte di Faenza, Voltone della Molinella 2, Faenza (RA)

Case sparse / Dimore sparute. Una campagna tra immagine e poesia
27 maggio – 3 luglio 2022
manica lunga dell’antico Convento di San Francesco, via Cadorna 10, Bagnacavallo (RA)

Autore

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *