Giugno – Le mostre in Emilia Romagna

 | 

Giugno – Le mostre in Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Con giugno le scuole chiudono e si inizia a pensare alle imminenti vacanze o ferie estive: in Emilia Romagna si può cogliere l’occasione di visitare una delle tante mostre che volgono al termine.
Per un veloce break culturale in città prima del meritato riposo al mare o in montagna o perché fino ad oggi non sei riuscito a venirle a vedere…
Affrettatevi per non perderle: arte contemporanea, avanguardie russe, maestri del Cinque e Seicento, satira, design e fotografia vi aspettano!

Ecco qua la selezione delle mostre che terminano a giugno, pronti a tuffarvi nell’arte?

faenza, ravenna lenci

Mostre #InEmiliaRomagna che terminano a giugno

Fino al 3 giugno

Parma – AZ – ARTURO ZAVATTINI FOTOGRAFO: 180 fotografie in bianco e nero, rappresentative di un decennio cruciale della Storia del Novecento, gli anni ’50.

Modena – SHARON LOCKHAR: una personale che coniuga i due soggetti preferiti dell’artista americana, il lavoro e le donne.

Faenza (RA) LENCI, COLLEZIONE GIUSEPPE E GABRIELLA FERRERO: il racconto della società borghese tra gli anni ’30 e ’40 tramite la storica manifattura Lenci, sintesi tra Liberty, Decò e Novecento.

Fino al 10 giugno

Piacenza – GENOVESINO A PIACENZA: dopo la Salita al Pordenone approfitta per ammirare i dipinti che riguardano il soggiorno piacentino del pittore ligure.

Piacenza – I NUOVI GHITTONI E I DISEGNI DELLA COLLEZIONE BANCA DI PIACENZA: un omaggio alla figura di spicco dell’arte piacentina a cavallo tra Otto e Novecento voluto da Banca di Piacenza, sponsor del restauro della cupola di Santa Maria della Campagna.

Ferrara – STATI D’ANIMO. Arte e psiche tra Previati e Boccioni: emozioni e sentimenti in primo piano tra divisionismo, simbolismo e futurismo, ponendo lo spettatore al centro del quadro dell’arte italiana di fine Ottocento.

Fino al 17 giugno

Carpi (MO) – ALBERT WATSON Fashion, portraits & landscape: approfondimento sugli ambiti di moda, ritratti e paesaggi, dopo la collaborazione del fotografo scozzese con il marchio  carpigiano della moda Blumarine tra gli anni Ottanta e Novanta.

Bologna – MEDIOEVO SVELATO Storie dell’Emilia-Romagna attraverso l’archeologia: un viaggio nel tempo che racconta le trasformazioni delle città e del territorio regionale, per accostarsi in modo inedito e originale al periodo tra il IV-V secolo e gli inizi del Trecento.

Ravenna – ANDANTE Alex Majoli: la condizione umana e gli elementi più oscuri della società raccontate dal fotoreporter pluripremiato a livello internazionale, noto per i suoi reportage realizzati nelle aree di conflitto.

Forlì – L’ETERNO E IL TEMPO. Tra Michelangelo e Caravaggio: il dramma e il fascino di un secolo che vide convivere la fine del Rinascimento e  l’incedere del Manierismo, per un’arte senza tempo.

Castrocaro Terme (FC) SACRO E PROFANO. Le Arti tra ‘500 e ‘600: un percorso che testimonia le contrapposizioni politiche, religiose e quindi artistiche tra Divino e Terreno nell’Europa a cavallo dei due secoli.

Fino al 24 giugno

Bologna – Meta-Morphosis di ZHANG DALI: l’arte che racconta la trasformazione storica, sociale ed economica della Cina degli ultimi trent’anni, del poliedrico artista cinese contemporaneo, street artist prima di tutto.

Il calendario completo (in continuo aggiornamento) delle mostre che si terranno in regione nel 2018.

Autore:

Sangue siculo – abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre, da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare…

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *