Emilia Romagna Slow | La Via Romea Germanica

 | 

Emilia Romagna Slow | La Via Romea Germanica


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

La storia narra come nel 1236 Alberto di Stade, abate del Monastero Benedettino di Santa Maria di Stade, volesse introdurre una regola ecclesiastica più rigida di quella vigente nel Monastero ed a questo scopo aveva intrapreso un viaggio a Roma per ottenere il permesso di Papa Gregorio IX. Le vicende successive, l’accettazione del Santo padre per la nuova regola ecclesiastica ma il secco rifiuto della sua attuazione da parte dei potentati locali, convinsero l’Abate Alberto a dimettersi dal suo ruolo ed ad entrare nel convento dei Frati Minori di San Giovanni di Stade.

Germanica

La Vie Romee – Foto di running.gazzetta.it

Qui Alberto si dedicò alla scrittura dei cosi detti Annales, una cronaca in lingua latina degli avvenimenti più importanti del suo tempo, i quali comprendevano al loro interno un dialogo tra due monaci a proposito delle migliori vie di pellegrinaggio verso Roma, ovvero un espediente letterario che serviva ad Alberto per descrivere con precisione il proprio viaggio verso Roma, con tutti i luoghi di sosta e le indicazioni esatte sulla lunghezza delle singole tappe.
Nasceva cosi nel XIII secolo l’itinerario Romeo Germanico, o Via Romea dell’Alpe di Serra (come fu chiamata comunemente chiamata da pellegrini e viandanti) che nel tempo divenne la via d’elezione con cui i popoli del Centro Nord Europa attraversavano per i pellegrinaggi a Roma e itinerario attraverso il quale Re e Imperatori Sassoni, oltre che i Sovrani Svevi, mantenevano i loro legami con la città Eterna di Roma. Tale fu il successo di questo percorso che, tra l’XI ed il XII secolo, fu di gran lunga l’itinerario più attraversato per raggiungere la tomba di Pietro e Paolo.

Oggi questo antico itinerario, grazie al recupero dell’Associazione Via Romea Germanica, è un percorso che nella sua interezza da Strade a Roma, conta ben 1022 km e circa 97 tappe dettagliatamente descritte sul sito ufficiale del Cammino, insieme con tutte le indicazioni di possibile interesse come il dislivello delle singole tappe e la possibilità di percorrere tratti in bici.


Eventi

Germanica

Per tutti coloro che sono interessati a percorrere parte della Via Romea Germanica dell’Emilia Romagna segnaliamo l’iniziativa “Camminare nelle armonie delle differenze” che dal 25 luglio al 3 agosto 2017 accompagnerà tutti gli interessati in un percorso che dalla città di Padova arriverà alla città di Ravenna, attraverso luoghi sacri, ambienti naturali e città d’Arte di Emilia Romagna e Veneto.
Per tutti coloro che invece vorrebbero percorrere da soli la via Romea Germanica in Emilia Romagna, consigliamo sempre di controllare le offerte degli operatori sul sito Ufficiale del Turismo Regionale.


Specifiche Tecniche e Servizi

Germanica

Via Romea Germanica – Abbazia di Pomposa, Ferrara Foto di Visit Comacchio

La Via Romea Germanica entra nel territorio dell’Emilia Romagna guadando il fiume Po nella provincia di Ferrara, da cui è possibile intraprendere alcune varianti alla via come Ferrara-Argenta, Ferrara-Ro, Ferrara-Ostellato e Ferrara-Pomposa.
La via passa poi per il territorio ravennate e, una volta arrivata ai rilievi appenninici, sale verso Bagno di Romagna ed il passo Serra, da cui ridiscende poi verso la città di Arezzo e Roma.
Dal sito ufficiale del Cammino è possibile poi richiedere la Credenziale del Pellegrino, che impegna il richiedente ad un comportamento rispettoso verso la natura e gli altri viandanti e che consente l’accesso agli “Ospitali” disseminati lungo la strada, garantendo inoltre, dove previsto, delle agevolazioni sui prezzi dei ristori.
Per tutti coloro che sono interessati invece al respiro storico della Via Romea Germanica consigliamo la ricchissima documentazione storica presente sul sito ufficiale del Cammino.

Limitatamente al tratto emiliano romagnolo, le Tappe della Via Romea Germanica comprendono:

1°  Tappa  | Polesella (Ro) – Ferrara 20 km
2° Tappa   | Ferrara – Traghetto km 30
3° Tappa   |Traghetto – Argenta km 17
4° Tappa   | Argenta – Anita km 24
5° Tappa   | Anita – Casalborsetti km 26
6° Tappa   | Casalborsetti – Ravenna km 18
7° Tappa   | Ravenna – Forli km 30
8° Tappa   | Forlì – Cusercoli km 32
9° Tappa   | Cusercoli – Santa Sofia km 20
10° Tappa | Santa Sofia – Bagno di Romagna km 25
11° Tappa | Bagno di Romagna – Casa Santicchio km 18

Esiste inoltre una variante ciclabile della via Romea Germanica in Emilia Romagna:

1° Tappa | Ferrara – Ostellato Km 40,8
2° Tappa | Ostellato – Pomposa, Km 29,5
3° Tappa |Pomposa – Mesola Km 22,2
4° Tappa | Mesola  – Goro Km 19,9
5° Tappa | Goro – Comacchio Km 32
6° Tappa | Comacchio – Sant’Alberto Km 25.00 circa

Lunghezza: percorso turistico complessivo Stade (Germania) – Roma (Italia): 97 tappe, 2.221 km. In Italia è di 49 tappe, 1.046 km. Il tratto emiliano-romagnolo è lungo 260 km.
Livello di difficoltà: basso e legato perlopiù alla lunghezza di alcuni tratti; il percorso non presenta particolari difficoltà tecniche.



La rubrica [Emilia Romagna Slow] è realizzata nell’ambito del progetto Turismo Esperienziale dei Cammini con il Network degli Operatori e dei Cammini aderenti al circuito.
Per informazioni < m.valeri@aptservizi.com >

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web