[ParlamiditER #220] Storia e leggende di Maioletto, la Rocca perduta

 | 

[ParlamiditER #220] Storia e leggende di Maioletto, la Rocca perduta


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da donne e uomini che son nati, vivono o semplicemente si sono innamorati di questa singolare, bellissima, terra con l’anima. Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto. Basta una mail a <turismoemiliaromagna@gmail.com> o un commento qui sotto!


La Rocca di Maioletto è quello che resta di una cittadina medievale che sorgeva in alta Val Marecchia in provincia di Rimini. Durante il medioevo, Maioletto era un importante insediamento a ridosso d’una rupe, sovrastato da una rocca considerata da tutti inespugnabile fino alla notte tra il 29 ed il 30 maggio del 1700. In seguito a fortissime precipitazioni durate quasi due interi giorni, parte del colle franò portando con sé quasi tutto il paese e gran parte dei suoi abitanti. Questo evento marcò la storia di questo luogo, dopo un precedente fulmine che colpì qualche decennio prima la polveriera e distrusse parte della muraglia ai piedi della rocca, e fu visto come una punizione divina per la pratica dei cosiddetti balli angelici, una sorta di rito sessuale pagano.

La disastrosa frana pose fine all’esistenza di Maioletto e gli abitanti superstiti si dispersero lungo la Val Marecchia. Oggi la rupe franata ed i resti della rocca sono circondati da un bellissimo paesaggio tra calanchi, radure erbose e boschi, meta ideale per archeologi, botanici, rocciatori o semplici escursionisti.

Il nostro Drone ci porta a visitare questo luogo da brividi e la sua veduta meravigliosa con a est la magnificenza del Castello di San Leo sulla rupe poco lontana.



Video e testo di Bacco.

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *