Menu
Menu

L’Emilia-Romagna nel Cinema e nella Letteratura

 | 

L’Emilia-Romagna nel Cinema e nella Letteratura


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Dopo L’Emilia Romagna a casa tua, continuiamo a portarvi a spasso per la Regione dal divano di casa, attraverso i nostri consigli su alcuni libri e film legati al territorio.
Fermiamo le gambe e facciamo partire la mente per un lungo viaggio nella letteratura e nel cinema ambientato in Emilia Romagna.


Letteratura

10 libri ambientati in Emilia Romagna per viaggiare con la mente e scoprire pagina dopo pagina le tradizioni e il carattere tipico della gente che abita questa terra.
In ordine cronologico:

  • L’Agnese va a morire di Renata Viganò (1949) – romanzo/guerra – ambientato nel Delta del Po durante la Resistenza;
  • Cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani (1956) – racconti – ambientato a Ferrara nella prima metà del 1900;
  • La Califfa di Alberto Bevilacqua (1964) – romanzo – ambientato a Parma nel II Dopoguerra;
  • Rimini di Pier Vittorio Tondelli (1985) – romanzo/giallo – ambientato nella Rimini degli anni ’80;
  • Indagine non autorizzata di Carlo Lucarelli (1994) – romanzo/giallo – ambientato nella Rimini degli anno ’30;
  • Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi (1994) – romanzo – ambientato nella Bologna degli anno ’90;
  • Questo sangue che impasta la terra di Loriano Macchiavelli e Francesco Guccini – romanzo/giallo (2001) – romanzo/giallo – ambientato in Appennino e a Bologna;
  • 54 di collettivo Wu Ming (2002) – romanzo/avventura – ambientato anche a Bologna;
  • Nebbia e cenere di Eraldo Baldini (2004) – romanzo – ambientato nella pianura bolognese;
  • Romagna mia! di Cristiano Cavina (2012)- racconti – ambientato nell’entroterra di Ravenna.

 

Cinema

10 film girati e ambientati in Emilia Romagna, per viaggiare attraverso lo sguardo di grandi registi e fare un tuffo nella storia del cinema.
In ordine cronologico:

  • Ossessione di Luchino Visconti (1943) – drammatico/giallo – girato tra Codigoro, Comacchio e Ferrara, Boretto (RE) e Ancona;
  • la saga di Don Camillo di Julien Duvivier, Carmine Gallone, Luigi Comencini (dal 1952 al 1965) – commedia – girato a Brescello (RE);
  • La Strada di Federico Fellini (1954) – drammatico – girato in parte a Cervia (RA);
  • La donna del fiume di Mario Soldati (1955) – drammatico – ambientato a Comacchio;
  • Deserto Rosso  di Michelangelo Antonioni (1964) – drammatico – ambientato a Ravenna;
  • La Cina è vicina di Marco Bellocchio (1967) – drammatico – girato a Imola e Dozza (BO);
  • La Casa delle finestre che ridono di Pupi Avanti (1967) – thriller – girato tra Porto Garibaldi, Comacchio e Minerbio;
  • Il giardino dei Finzi-Contini di Vittorio De Sica (1970) – drammatico – ambientato a Ferrara;
  • La tragedia di un uomo ridicolo di Bernardo Bertolucci (1981) – drammatico – girato a Parma;
  • La domenica specialmente di Giuseppe Tornatore, Marco Tullio Giordana, Francesco Barilli e Giuseppe Bertolucci (1991) – drammatico/commedia – girato in Romagna tra Mondaino, Saludecio, Morciano, Longiano, Riccione.

 

Cosa ne pensate di questa selezione? Non è stato facile…
Lasciateci i vostri consigli o le vostre TOP10 nei commenti!

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

2 commenti

  1. ALESSANDRO CONTE

    Segnalo che nell’elenco dei film ambientati in Emilia-Romagna, NON compare “la gita scolastica” del Regista Pupi Avati che sviluppa la sua “magica” trama nell’Appennino Bolognese tra Porretta Terme e il Corno alle Scale. Informo che come Guida Ambientale Escursionistica ho previsione quest’anno di DUE cine-trekking con la Tour Operator “Appennino Slow” come da informazioni al link:
    https://www.appenninoslow.it/gita-scolastica-pupi-avati – Spero di poter portare i partecipanti a vivere l’emozione di trovarsi nei luoghi ripresi nel film anche se purtroppo la pandemia di Covid-19, probabilmente renderà problematico il trekking di maggio! Spero che questa segnalazione, possa ispirare anche una promozione di quest’evento e in quanto “project tour” mi trova a disposizione per altre informazioni. Cordiali saluti.

    1. Elisa Mazzini

      Grazie mille Alessandro!

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *