[Parlami di tER] Il Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme
Arte e Cultura

[Parlami di tER] Il Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme

di /// Marzo 22, 2022 /// Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Arte e Cultura

Interesse
Arte e Cultura

SHARE

Arte e Cultura

Interesse
Arte e Cultura

SHARE

“Quanto è magico entrare in un teatro e vedere spegnersi le luci. Non so perché. C’è un silenzio profondo, ed ecco che il sipario inizia ad aprirsi.
Forse è rosso. Ed entri in un altro mondo”

David Lynch

Il sipario che si apre, gli artisti sul palco, l’applauso degli spettatori…che belle emozioni!
Tra tutti i teatri della zona di Parma, i salsesi hanno sicuramente nel cuore il Teatro Nuovo; in pochissimi, però, conoscono la sua storia.

Ad esempio, chi è a conoscenza del fatto che inizialmente aveva un altro nome?
All’inizio della sua storia, si chiamava “Teatro Ferrario” e ospitò tantissimi spettacoli.

Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph. vecchiasalso.altervista.org, CC-BY-NC-SA 3.0
Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph. vecchiasalso.altervista.org, CC-BY-NC-SA 3.0

Nel mese di ottobre del 1923, l’impresario milanese Geminiani ne curò la gestione portando nella città termale artisti come il cantante napoletano De Vita, il comico Tom-Bil, la coppia di balli moderni “Les Gil- Blas” e tanti altri.

Nel 1934 l’attore siciliano Angelo Musco interpretò qui diversi suoi successi: “L’eredità dello zio buonanima”, “Don Gesualdo e la ballerina”, “L’aria del continente”, “Il custode” e “Basto io solo”. In febbraio venne rappresentato lo spettacolo “Amleto” e successivamente due rappresentazioni dell’opera lirica “Rigoletto” col baritono Apollo Granforte che, per anni, si esibì anche alla Scala di Milano e due anni prima interpretò la stessa opera verdiana al Metropolitan di New York.

L’elenco potrebbe continuare citando spettacoli comici, di illusionismo e balletti.

Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph. vecchiasalso.altervista.org, CC-BY-NC-SA 3.0
Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph. vecchiasalso.altervista.org, CC-BY-NC-SA 3.0

Nel 1939 cominciò la sua trasformazione diventando il “Teatro Nuovo” che conosciamo oggi.

Il cambiamento fu voluto espressamente da Giovanni Borasio, che in quegli anni ne era il proprietario. La nuova costruzione era parte integrante di un immobile molto più vasto che comprendeva anche locali commerciali e appartamenti. Nei primi anni dalla sua realizzazione vi erano annessi anche un caffè con numerose sale per gli ospiti, una vasta terrazza e due taverne sotterranee.

Purtroppo, come tantissime altre costruzioni, anche il Teatro di Salsomaggiore subì i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale e venne gravemente danneggiato per essere, poi, restaurato negli anni successivi.

Fu realizzato l’ambiente che vediamo anche oggi: la galleria, la platea e sei palchi posti ai lati del palcoscenico.

Non dimentichiamo che per tanto tempo è stato anche adibito a cinema!

Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph.ibbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it, CC-BY-NC-SA 3.0.
Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Ferrario, ph.ibbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it, CC-BY-NC-SA 3.0.

Negli anni sono stati tantissimi gli attori che hanno calcato questo palcoscenico e gli spettacoli rappresentati; da quelli comici, alla prosa, ai musical e alla lirica. Per tantissimi sono immancabili il Concerto di Capodanno e quello di Pasqua.
Che dire ancora, ci vediamo a teatro!


Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che sono nate, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!

Autore

Situati in Piazza Duomo, accogliamo turisti, pellegrini in cammino lungo la Via Francigena e cittadini. Ufficio di riferimento per i pellegrini che percorrono la Via Francigena, li supportiamo prima e durante il viaggio con vendita di Credenziali del pellegrino, mappe e alcune guide illustrative del percorso e i gadget, ricordo del cammino. Tappa imprescindibile per l\’apposizione del timbro sulla credenziale, che attesta il passaggio a Fidenza, supportiamo i “viandanti moderni”, su richiesta, nella ricerca della sistemazione per la notte.

Offriamo una vasta scelta di materiale promozionale delle Terre di Verdi – ma anche del territorio circostante – distribuito gratuitamente,  informazioni relative agli eventi che si svolgono in città e nelle Terre Verdiane, oltre alle pubblicazioni dedicate al territorio (in vendita), in particolare a Fidenza e alla sua Cattedrale. Se passerete a trovarci potrete anche visitare la Torre medievale, annessa all’edificio che ospita l’Ufficio turistico, con l’Antiquarium e i resti del ponte romano.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *