We got game: storia della Pallacanestro made in Emilia Romagna

 | 

We got game: storia della Pallacanestro made in Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Sabato 25 marzo ricorrerà il compleanno di Marco Belinelli, cestista italiano, emiliano romagnolo ed unico nella storia del basket italiano ad aver vinto un titolo nazionale NBA ed un All-Star Weekend, nella categoria tiro da tre punti.

Ma oggi non vi vorremmo parlare solamente di Marco Belinelli, delle sue glorie e dei suoi trofei, ma fare un passo indietro a raccontarvi un pezzetto della storia del Basket locale, una storia che affonda le sue radici negli ultimi anni del secolo XIX, tanto che possiamo dire che la Pallacanestro italiana dave in parte la sua fama proprio alle squadre ed ai campioni emiliano romagnoli.

Basket

Virtus PallaCanestro – Foto d’archivio Virtus

Ma partiamo dall’inizio. I primi allenamenti di un squadra di basket bolognese risalgono al 1889 e furono fatti indossando le casacche di una società al tempo appena nata, quella Virtus Bologna, nome che sarebbe nel tempo diventato una delle società sportive tra le più famose e vittoriose dell’Italia intera. Virtus che sarà la prima società bolognese a vincere il campionato cittadino e che sarà anche la prima società in Italia a vedere schierato tra le sue file il primo straniero, Nunzio Stellone.

Ma Virtus o meno, già negli anni 30 nella città di Bologna si effettuavano tornei di “Palla al cesto”, questo il nome con cui veniva chiamato il basket in Italia, vi erano circa 6 squadre cittadine e dal 1931 ne faceva parte anche la Fortitudo Bologna, una società che al tempo muoveva i primi passi ma che avrebbe conquistato negli anni non meno fama della Virtus.

Basket

Virtus Pallacanestro in Sala Borsa

Il basket italiano aveva ormai preso la sua strada, le società milanesi, quelle emiliano romagnole insieme a quelle del nord-est e di Roma erano tutte state fondate, la ascesa di questo sport americano in terra italiana sarebbe stata solamente quesitone di tempo. Sarebbero arrivati i derby cittadini tra Virtus e Fortitudo degli anni 60 e 70, giocati nella splendida cornice della Sala Borsa, e Bologna aveva già tutto per diventare una delle capitali italiane della pallacanestro.

Basket

Fortitudo al Pala Dozza

E’  da questa storia e da questo humus tutto emiliano romagnolo fatto di portici e mattoni rossi, dei gradini del palazzetto dello sport, il Pala Dozza intitolato al primo cittadino comunista Giuseppe Dozza, e dalla puzza di sudore delle palestre di provincia, che negli anni 90 e 2000 iniziano ad arrivare i campioni.  Arrivano sotto l’ala protettrice di allenatori come un giovane Ettore Messina , che vincerà tutto, ed arrivano dalla campagna bolognese per giocare con con le squadre professionistiche.

Tra i tanti c’è un ragazzo alto, giovanissimo, con la faccia buona ed un talento naturale per mettere la palla dentro il cesto; si chiama Marco Belinelli e, dopo la trafila nelle giovanili, a 15 anni è già pronto per allenarsi con i professionisti, tra i quali quel Manuel Ginobili, capitano della nazionale argentina che sarà sempre uno dei riferimenti della sua carriera. 

Basket

Un giovane Marco Belinelli posa per uno shooting NIKE

Ma la Virtus in quel periodo se la passa male economicamente, e Marco è costretto a passare la sponda del Reno e accasarsi alla Fortitudo (passaggio non facile data la rivalità cittadina tra le due squadre), con la quale vincerà un campionato. Ma Marco è forte ed è molto giovane, ed il suo talento finisce per essere notato in NBA, lo prende Golden State Warriors come 18° scelta europea e da li inizia tutta un’altra storia. Negli anni successivi lo vediamo vestire i colori dei New Orleans Hornets e dei mitici Chicago Bulls, la squadra di Obama e Micheal Jordan. La consacrazione arriva nel 2014 quando insieme ai San Antonio Spurs vince il titolo nazionale, aggiudicandosi tra l’altro anche la gara da tre punti dell’All-Star Weekend. Marco è ormai nella storia mondiale della Pallacanestro.
Nel frattempo però in Italia la pallacanestro bolognese vede tramontare la sua stagione migliore a beneficio dell’ascesa di un’altra squadra regionale, la Grissin Bon Reggiana Pallacanestro che è tutt’ora una delle migliori formazioni che il campionato nazionale di Pallacanestro può vantare e, in pieno stile locale, accoglie tra le sue fila molti dei migliori giovani talenti italiani. 

Basket

Grissin Bon Reggiana Pallacanestro

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *