Terre di Lambrusco: il concorso enologico che celebra il “Rosso Frizzante”

 | 

Terre di Lambrusco: il concorso enologico che celebra il “Rosso Frizzante”


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Lambrusco, basta il nome per dire tutto.
Letteralmente deriva da “labrusca”, ovvero la vite selvatica, già conosciuta nell’età del Bronzo, che cresceva un tempo incolta ai margini dei campi, ma il nome evoca molto più del suo significato letterale.
In questo vino rosso coltivato esclusivamente in Emilia c’è dentro la cucina di una parte di Regione, la storia millenaria d’Italia, il “gas” dei motori ed il rosso della Ferrari.

Qualcuno ha azzardato persino che le Formula 1 di Maranello potessero essere alimentate a Lambrusco, ma quel che è certo è che anche Enzo Ferrari e i suoi piloti usavano festeggiare le vittorie stappando bottiglie del Rosso Emiliano.

Enzo Ferrari e Gilles Villeneuve festeggiano la vittoria con una bottiglia di Lambrusco

Enzo Ferrari e Gilles Villeneuve festeggiano la vittoria della “Rossa” con una bottiglia di Lambrusco

Per alimentare il mito, o semplicemente per rendere omaggio ad uno dei vitigni più famosi d’Italia, è nato il Concorso Enologico “Matilde di Canossa – Terre di Lambrusco” che, giunto quest’anno alla 6a edizione, ha proprio lo scopo di raccontare la storia e premiare la qualità di questo delizioso nettare d’Emilia.

Sulle 225 etichette presentate alla giuria il 21 e 22 maggio, solo 90 sono state riconosciute adatte ad entrare nella ormai celebre Guida Terre di Lambrusco, la pubblicazione, scaricabile gratuitamente anche per smartphone, che ogni anno raccoglie e divulga il meglio della produzione locale.

Mappa del Lambrusco - Foto di ilnovello.it

Mappa del Lambrusco – Foto di ilnovello.it

Se poi non volete fermarvi solo alla lettura e vi è venuto il desiderio di assaggiare “dal vivo” il Rosso Emiliano allora vi segnaliamo la grande cerimonia di premiazione in programma per il 26 Giugno 2015 alle ore 18 nella cornice della Sala degli Specchi del Teatro “Romolo Valli” di Reggio Emilia.

Come vi accennavamo qui verrà presentata la guida “Terre di Lambrusco 2015”, che riporta la descrizione dei 90 Lambruschi top selezionati durante la manifestazione, e per tutti gli appassionati – a partire dalle ore 19,30 – sarà possibile degustare i vini premiati per un viaggio tra la qualità dei lambruschi della zona classica di produzione (Reggio, Modena Parma e Mantova).

Se volete quindi assaporare il meglio del famoso nettare emiliano vi consigliamo di iscrivervi  gratuitamente on line ­­­­­­­­­­­­dal sito www.re.camcom.gov.it, l’accesso, così come le degustazioni, saranno consentite fino all’esaurimento dei posti disponibili.

Cin Cin

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *