Pirati dell’Emilia Romagna: storie di naviganti, avventurieri e donne coraggiose

 | 

Pirati dell’Emilia Romagna: storie di naviganti, avventurieri e donne coraggiose


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Gli antichi  latini con il termine “Piratae” volevano significare “colui che fa un tentativo, prova un assalto il cui esito non è certo”.
Il pirata era quindi quel marinaio che abbandonava la vita e la routine comoda del proprio angolo di mondo per lanciarsi in imprese dall’esito non scontato: in definitiva il pirata era, ed è tutt’ora, un avventuriero.  Scopritore di nuovi mondi, colui che vive di slanci e solca rotte solitarie, non ha paura di rischiare tutto pur di arrivare al suo tesoro. Visionari ossessionati dai propri sogni,  tenaci persecutori di una lucida follia… di uomini di tal tempra ne abbiamo conosciuti tanti in Emilia Romagna.

E siccome inauguriamo oggi il nostro tema settimanale dedicato proprio ai Pirati dell’Emilia Romagna abbiamo pensato di ricordarveli questi avventurieri, come si fa con i miti e le leggende, storie e personaggi che abbiamo voluto raccontarvi con ironia, leggerezza ed un pizzico di irriverenza.

Enzo Ferrari

Pirati dell'Emilia Romagna

Pirati dell’Emilia Romagna Enzo Ferrari

Potremmo definirlo il Papà di tutti i Pirati dell’Emilia Romagna dato che sotto le sue ali, e dentro le sue monoposto, di pirati della strada ne sono transitati parecchi.
Ecco un uomo che ha fatto della parola “assalto” la sua filosofia di vita. Modenese, pilota e capo della più famosa azienda di macchine sportive del mondo ha creato tutto da zero, vedendo un tesoro là dove nessuno poteva ancora scorgerlo. Ha incarnato in sé tutte le caratteristiche del Bucaniere: rischio, avventura, vittoria, battaglia.
Per le sue macchine ha scelto il colore rosso, come il sangue e la passione, sarà mica un caso…

Ferruccio Lamborghini

Pirati dell'Emilia Romagna Ferruccio Lamborghini

Pirati dell’Emilia Romagna Ferruccio Lamborghini

Ci piace pensarlo come il Pirata dei Sette Mari, colui che ha solcato e domato le più forti correnti oceaniche, uscendone sempre vincitore.
Si perché Ferruccio Lamborghini era uno che si buttava nelle cose per davvero, uscendone sempre con qualcosa di buono. Guascone dal carattere intrattabile nella sua vita ha avuto modo di costruire, oltre alle famosissime vetture, trattori, elicotteri, condizionatori ed auto di formula Uno; permettendosi anche di vincere 10 titoli mondiali di nautica con un propulsore marino di sua costruzione.
Il suo vascello si chiama Miura e sulla prua c’è un toro inferocito che punta le sue corna dritte verso chi vuol ostacolare i suoi desideri.

Marco Pantani

Pirati dell'Emilia Romagna Marco Pantani

Pirati dell’Emilia Romagna Marco Pantani

E’ l’unico che Pirata lo è stato veramente, di nome e di fatto.
Il gusto dell’azzardo, del tentativo poetico e solitario in salita, dell’avventura di scalare le vette e di mandare romanticamente al limite le proprie possibilità… ecco cosa è stato per il grande pubblico Marco Pantani. Mercoledì 13 Gennaio ricorre la data della sua nascita, ed è anche il motivo per cui oggi vi parliamo di Pirati.

Quando uno stacca tutti dalla ruota è uno spettacolo, è questo l’aspetto più bello del ciclismo.

Eccolo qui il Pirata, con il suo modo di vivere il professionismo con gli occhi del bambino che corre in bici con gli amici…

Laura Pausini

Pirati dell'Emilia Romagna Laura Pausini

Pirati dell’Emilia Romagna Laura Pausini

Lei si che ha davvero conquistato le Americhe. La potremmo paragonare a Jolanda la figlia del Corsaro Nero, ma lei ha fatto di più!
Ha solcato gli oceani per conquistare i regni dei Maya, degli Aztechi e dei Pelle Rossa; principale arma in suo possesso, la sua ammaliante voce.  
E’ diventata un mito anche da quelle parti, conquistando un posto tra le antiche divinità iscritte nella roccia delle Ande.
Come ogni buon Pirata che si rispetti non ha mai perso le sue abitudini di un tempo… anzi ne va proprio fiera!

Massimo Bottura

Pirati dell'Emilia Romagna Massimo Bottura

Pirati dell’Emilia Romagna Massimo Bottura

Più che Pirata potremmo definirlo il Cambusiere ufficiale di bordo… a 5 stelle ovviamente.
Ha attraversato l’Oceano dei sapori e solcato le rotte delle spezie e ne è tornato con aromi nuovi mai percepiti. E’ Pirata del palato, Bucaniere della papilla e Corsaro delle salse; sotto la bandiera della “vera cucina italiana” non ha mai smesso di provare, creare, inventare, assaltare tutte le convenzioni e le regole precostituite dei fornelli.
A lui è riservato un posto d’onore in questa nave di avventurieri, quella, appunto, del Cambusiere.

Federico Fellini

Pirati dell'Emilia Romagna Federico Fellini

Pirati dell’Emilia Romagna Federico Fellini

Lo immaginiamo già sul ponte di comando il Pirata Maestro, alla guida di un vascello di pirati, mangiafuoco, acrobati e giocolieri, tutti impegnati nella ricerca dell’isola che non c’è.
G
li sarebbe piaciuto veramente fare il Pirata!Come in un suo film, avrebbe gradito giocare con le spade, assaltare per finta una nave di saltimbanchi e indossare quegli abiti sudici e strani che si addicono ai marinai. E’ il Pirata Maestro, quello che ha tracciato le rotte di tutti i mari della terra e del cielo. 

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *