[Parlami di tER] Papà Cervi e il seme della libertà

 | 

[Parlami di tER] Papà Cervi e il seme della libertà


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che son natie, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima. Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Nel cuore della pianura padana si trova Gattatico un comune della provincia di Reggio Emilia,  diventato famoso per una delle case-museo più importanti della storia italiana. 

La storia che vi raccontiamo oggi parte proprio da questa casa, dove vissero i sette fratelli Cervi, mamma Genoeffa e papà Alcide. 

All’inizio della seconda guerra mondiale casa Cervi divenne un vero e proprio luogo del dissenso militante contro il fascismo e la guerra. Insieme ai figli maschi, Alcide costituì la cosiddetta “Banda Cervi” dedita alla lotta partigiana e la loro casa ospitò prigionieri di guerra stranieri sfuggiti ai nazifascisti.

Nella notte tra il 24 e il 25 novembre del 1943, durante un rastrellamento, i figli insieme a Quarto Camurri vennero trasportati in carcere e fucilati, per rappresaglia, il 28 dicembre. 

L’8 gennaio del 1944 un bombardamento alleato aprì ad Alcide una via per fuggire dal carcere di San Tommaso dove era stato trasferito: tornato a casa, dopo una lunga convalescenza, scoprì la tragica sorte dei figli. Seppur segnato dal dolore, fu il suo costante presidio di Casa Cervi a plasmare l’immagine di Alcide come custode e simbolo di questa storia. Per 25 lunghi anni Papà Cervi è stato il volto incavato della Resistenza italiana, sempre disponibile a portare la sua presenza nelle celebrazioni in tutta Italia. 

Oltre ad essere un combattente, Alcide è stato prima di tutto un padre, che la avanzatissima età e il dolore non sono riusciti a piegare.

La sua abitazione, del resto, è tuttora uno spazio aperto, costantemente visitato da gruppi organizzati, una casa-museo simbolo della resistenza, dove poter conoscere un pezzo di storia italiana per tramandare ai posteri, il seme della libertà.

Gattatico (RE), Museo Cervi esterno, Archivio Comune di Reggio Emilia, ph. Istituto Cervi, CC-BY-NC-SA 3.0

Gattatico (RE), Museo Cervi esterno, Archivio Comune di Reggio Emilia, ph. Istituto Cervi

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *