[Parlami di tER #154] Errori da evitare al ristorante in Italia

 | 
By

[Parlami di tER #154] Errori da evitare al ristorante in Italia


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

E’ un po’ come ordinare una bistecca alla Philly a Filadelfia o delle French Fries in Belgio. Insomma ci sono cose che semplicemente non si fanno nell’ordinare cibo italiano in Italia. La gente da queste parti prende le proprie prelibatezze molto molto sul serio- dai posti in cui lo si mangia, a come lo si mangia a quando. In alcuni casi ordinare la cosa sbagliata equivale ad un sacrilegio e può portare i commensali a saltare sulla sedia o scuotere vigorosamente la testa per disapprovazione. Non c’è modo migliore [o peggiore] per far comparire l’invisibile cartello con scritto Hey sono un turista! che chiedere la cosa sbagliata al momento sbagliato. 

Sono in Italia più o meno da una settimana ed ogni giorno imparo qualcosa di nuovo sul cibo italiano che amo così tanto.
ristorante_giallo_zucco Prendete nota di questi errori comuni e diminuirete la probabilità di essere rimbrottati in un’osteria italiana.

Non ordinate Spaghetti alla Bolognese.
spaghetti_sugo

Non esistono. Il sugo di carne che amiamo così tanto si chiama Ragu alla Bolognese e [grazie a Dio] esiste, ma non esiste un solo italiano disposto ad ordinare spaghetti al sugo a meno di voler risultare ridicolo. In Italia talvolta esistono codici per gli abbinamenti tra tipi di pasta e tipi di condimento e mi è stato spiegato che, se vuoi ragu, vorrai ordinare penne o tagliatelle al ragu. Se volete degli spaghetti mangiatevi una Carbonara.

Non chiedete una Wedding Soup all’Italiana.
Di nuovo, non esiste nessun cibo che si chiami così in Italia. Né è mai esistito. La cosa che somiglia di più alla portata che i nordamericani chiamano Italian Wedding Soup è una pietanza chiamata Minestra Mariata,  con un’espressione idiomatica che equivale a Minestra sposata. Tutta la parte sulle spose e gli sposi che la mangerebbero prima della prima notte di nozze per ricavarne un po’ di….ehm….vigore extra…non è nient’altro che rumore di fondo. Il riferimento allo sposalizio è riconducibile agli ingredienti [carne e verdura] ed al fatto che stanno molto bene insieme.

Non mettete ananas sulla vostra pizza.

parmigiana

Ordinate una roba così in una pizzeria seria e rischierete di finire schiaffeggiati. La frutta ci piace un sacco- ma non sulla pizza. E fidatevi di me: se entrate in una pizzeria e trovate una pizza all’Hawaiana sul menu,  con tutta probabilità è la pizzeria sbagliata. Se volete il punteggio massimo ordinate senz’altro una Margherita, ma anche con altri condimenti ve la potete ben cavare. Non vuol dire che non abbiate una quantità di opzioni tra cui scegliere. Se per esempio andate al Be Bop a Milano troverete una lista lunga due pagine- ma nessun tipo di frutta.

Non ordinate un Latte

colazione

In Italiano Latte è il nome della bevanda. Se volete un bicchierone di latte, allora state facendo l’ordinazione giusta. Ma se quello di cui siete alla ricerca è un bel caffè, allora sono altre le comande che vi consiglio. Di seguito le principali:

Caffè – In termini letterali significa appunto caffè, ma in termini pratici quel che state ordinando è un espresso. Al tavolo vi arriverà una tazzina minuta con un contenuto molto robusto.

Cappuccino – Proprio come quello che prendete a casa, ma se lo ordinate dopo le 12 del mattino state certi che vi identificheranno come turista. Si beve esclusivamente il mattino in Italia.

Caffe macchiato –  E’ un piccolo espresso con un filo di panna sopra [corrisponde al mini latte nordamericano].

Avvertenza. Il mio viaggio in Italia è parte del progetto BlogVille, organizzato dall’APT dell’Emilia  Romagna, la Regione Lombardia e iAmbassador. Come sempre, la responsabilità di tutti i contenuti pubblicati è esclusivamente di Globetrotting Mama.

—-

GlobTrotting Mama è curato da Heather, Ish, Ethan e Cameron, altrimenti noti come mamma, papà e figli dello stesso nucleo familiare. Dal 2011 girano il mondo raccontandolo online, e sono stati ospiti di BlogVille 2014 

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *