Occhio digitale #InEmiliaRomagna: 3 passeggiate fotografiche per Wiki Loves Monuments

 | 

Occhio digitale #InEmiliaRomagna: 3 passeggiate fotografiche per Wiki Loves Monuments


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Come vi abbiamo già anticipato qualche settimana fa  il tema del contest regionale nell’ambito di Wiki Loves Monuments sarà “Occhio digitale sul Polo Museale dell’Emilia Romagna”.
Partecipare è semplicissimo: tra le foto che caricherete dal 1° al 30 settembre dovranno esserci anche quelle del Museo Pepoli Campogrande di Bologna, del cosiddetto Palazzo di Teodorico a Ravenna e del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara.
Monumenti affascinanti in grado di raccontare la storia e stimolare scatti interessanti e inediti, anche se si tratta dei meno turistici tra quelli gestiti dal Polo Museale dell’Emilia Romagna.
Contiamo su di voi per un’altra edizione da record: noi ci mettiamo i set fotografici, a voi il compito di rappresentarli/interpretarli secondo la sensibilità del vostro occhio digitale…
E come gli scorsi anni per darvi l’opportunità di scattare nuove ed eccezionali foto vi abbiamo preparato tre appuntamenti, previsti per il 3, il 9 e il 17 settembre.

Ai fotografi “pro” ricordiamo che, come da Bando, sono consentite modifiche delle foto quali adattamenti della luminosità, contrasto e colore, sovraesposizione e sottoesposizione.

Le modalità di partecipazione sono quelle ormai consuete delle passeggiate fotografiche: i partecipanti si incontrano in un punto predefinito per poi iniziare ad “esplorare” e fotografare i monumenti [con particolare attenzione, in questo caso, a quelli fotografabili per Wiki Loves Monuments].

Qui l’elenco completo di tutte quelle organizzate in Emilia Romagna.

  • WLM 2016, Bologna Palazzo Pepoli Campogrande ph. sailko

  • WLM 2016, Bologna, Palazzo Pepoli Campogrande ph. sailko

  • WLM 2016, Ferrara ph. andrea_comisi

  • WLM 2016, Ferrara, Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro ph. massimo_baraldi

  • Ferrara, Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro, giardino rinascimentale ph. www.archeoferrara.beniculturali.it

  • WLM 2012, Ravenna, Cosiddetto Palazzo di Teodorico ph. gabriele_quaglia

  • Ravenna, Cosiddetto Palazzo di Teodorico ph. www-bisanzioit.blogspot.it

  • WLM 2016, Ravenna, Cosiddetto Palazzo di Teodorico ph. jessica_fraccaroli

Il 3 settembre (h.10-13) saremo a Bologna per un tour fotografico nella dimora seicentesca della famiglia Pepoli che ospita la sede distaccata della Pinacoteca Nazionale. Scopriremo il piano nobile gestito dal Polo Museale dell’Emilia Romagna, che ospita sale splendidamente affrescate e alcuni dipinti della quadreria Zambeccari.
Ritrovo: Palazzo Pepoli Campogrande, Via Castiglione 8
Costo: gratuito
Partecipanti: min 5, max 30

Occhio digitale InEmiliaRomagna 3 passeggiate fotografiche per wiki loves monuments WLM 2016,bologna,pinacoteca_nazionale_di_bologna_in_palazzo_pepoli_campogrande,w,13926,sailko

WLM 2016, Bologna Palazzo Pepoli Campogrande ph. sailko

Il 9 settembre doppio appuntamento (h.10-13 e h.20-22) a Ravenna per scoprire il cosiddetto Palazzo di Teodorico in prossimità di Sant’Apollinare Nuovo. Il sito, espone interessanti mosaici pavimentali, la cui immagine è rappresentata in un mosaico all’interno della basilica di Sant’Apollinare Nuovo .
Consentita qualunque strumentazione necessaria, anche per foto in notturna.
Ritrovo: Palazzo di Teodorico, Via Alberoni angolo Via Roma
Costo: gratuito
Partecipanti: min 5, max 30

Occhio digitale InEmiliaRomagna 3 passeggiate fotografiche per wiki loves monuments Cosidetto Palazzo di Teodoric bisanzioit.blogspot.it:

Cosiddetto Palazzo di Teodorico ph. www-bisanzioit.blogspot.it

Il 17 settembre (h.15-17) infine ci incontreremo a Ferrara per una passeggiata fotografica che si concentrerà in particolar modo sull’affascinante Giardino di Mezzogiorno, straordinario esempio di giardino formale storico e sugli aspetti architettonici e storici di Palazzo Costabili, scoprendo corti, loggiati e ambienti solitamente preclusi alla visita.
Consentito l’utilizzo del treppiedi.
Ritrovo: Museo Archeologico Nazionale, Via XX Settembre 122
Costo: gratuito
Partecipanti: min 3, max 50

Occhio digitale InEmiliaRomagna 3 passeggiate fotografiche per wiki loves monuments Ferrara, Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro, giardino rinascimentale ph. www.archeoferrara.beniculturali.it

Ferrara, Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro, giardino rinascimentale ph. www.archeoferrara.beniculturali.it

Qualche info in più sulle sedi delle passeggiate fotografiche:

Palazzo Pepoli Campogrande
Il nome di Palazzo Pepoli Nuovo serve per distinguerlo dal Vecchio, la dimora seicentesca della famiglia Pepoli collocata sul lato opposto della via. Fu pensato come una residenza signorile, moderna e sfarzosa, adeguata a rappresentare il prestigio sociale raggiunto dalla famiglia.
Il monumentale scalone, imponente ed elegante collega direttamente il cortile al salone d’onore. Il piano nobile ospita una serie di sale affrescate dai principali protagonisti della grande decorazione bolognese tra la seconda metà del Seicento e gli inizi del Settecento tra cui Ercole di Canuti, i fratelli Rolli, Giuseppe Maria Crespi e Donato Creti.

Palazzo di Teodorico
Il sito è costituito da una loggia in muratura arricchita da elementi costruttivi marmorei di altra provenienza che costituiva presumibilmente l’ampliamento voluto da re Teodorico del preesistente palazzo imperiale di Valentiniano III; tale facciata ha poi costituito il nartece della chiesa di San Salvatore del VIII-IX secolo.
Nell’area di pertinenza circostante è possibile vedere i resti delle strutture riferibili al complesso palaziale di Teodorico
All’interno della loggia e al primo piano, raggiungibile da una torre sempre in muratura originaria, sono esposti interessantissimi lacerti di mosaici pavimentali rinvenuti nell’area del palazzo di Teodorico.

Museo Archeologico Nazionale
Ospitato nel Cinquecentesco  palazzo tradizionalmente attribuito a Ludovico Sforza, Duca di Milano, il Palazzo appartenne in realtà ad Antonio Costabili, segretario di Ludovico e personalità di spicco della corte Estense
Tra i caratteri di questa splendida residenza rinascimentale risultano dominanti il colore dei materiali impiegati, l’armonia delle forme, l’accogliente ed ampia corte che, tramite il porticato, si apre sul giardino, gli squisiti ornamenti dello scalone, la fuga di sale e lo spazioso corridoio al piano nobile, i soffitti lignei e i cicli di affreschi che decorano tre delle sale del piano terreno.
Fulcro del palazzo è il cortile d’onore, completato solo su due lati e ornato da un doppio loggiato dalla ricca decorazione scultorea in pietra bianca. Il loggiato del lato meridionale del cortile d’onore prospetta su un vasto giardino rinascimentale.
L’aspetto attuale del giardino è frutto del recente restauro filologico.

In collaborazione con MIBACT regionale .

Autore:

Sangue siculo - abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare...

4 commenti

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *