Un weekend tra le CittàSlow dell’EmiliaRomagna

 | 

Un weekend tra le CittàSlow dell’EmiliaRomagna


Tempo stimato di lettura: Meno di un minuto

A chiudere il nostro tema [Emilia-Romagna Slow], oggi vi portiamo a spasso tra le 13 Città Slow dell’EmiliaRomagna, la Rete Internazionale delle Città del Buon Vivere.

Il Movimento CittaSlow è nato nel 1999 in Toscana per allargare la filosofia di SlowFood al governo delle comunità locali e alla pratica del vivere quotidiano.
I Comuni che aderiscono, selezionati in base a una serie di requisiti, hanno sottoscritto un manifesto per il rispetto dell’ambiente e del suo naturale ciclo stagionale, per la tutela della genuinità dei prodotti, per la salvaguardia delle tradizioni culturali e artigianali proprie del territorio.
Un modo di abitare e amministrare ecologicamente corretto, rispettoso del locale e della qualità di vita di tutti.

“Buon Vivere”, insomma, vuol dire mettere al centro la lentezza come valore di vita, di produzione e consumo, “per accorgersi ancora e sempre dei sapori, dei colori, dei profumi della città e del mondo“.
Seguiteci allora in questo viaggio regionale che dall’entroterra di Parma alle colline di Rimini ci porta scoperta della gioia di un dolce e quieto vivere quotidiano:

Tra le iniziative in corso legate al Mondo Slow segnaliamo infine che questo weekend a Guastalla (RE) torna l’appuntamento con la “Georgica di Emilia” la festa della terra, delle acque e del lavoro nei campi.

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *