Una primavera intera (lenta) al Parco del Delta

 | 

Una primavera intera (lenta) al Parco del Delta


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

E’ uno dei luoghi più affascinanti della regione per trecentosessantacinque giorni l’anno. Ma a primavera, quando la natura si risveglia e si fa vivida di odori e colori, diventa bello se possibile ancora di più.
Di cosa stiamo parlando? Parliamo del Parco del Delta del Po, quel singolare pezzetto di paradiso caduto come per incanto tra il Po di Goro e le terre di Cervia, più a Sud. E ne parliamo perché anche quest’anno, come ogni primavera, al Parco va in scena Primavera Slow, un cartellone di iniziative ricchissimo pensato per accompagnare turisti e “indigeni” alla scoperta della magia del Delta.

Il programma, concentrato soprattutto nei fine settimana, copre quasi per intero i tre mesi dalla fine di Marzo (il 26 l’avvio ufficiale) fino all’inizio dell’estate (5 giugno). E offre spunti di interesse un po’ (no gioco di parole) per tutti: dagli amanti delle passeggiate e del birdwatching– cui sono dedicate escursioni e percorsi ad hoc– agli amanti della bicicletta e delle uscite a cavallo, dagli appassionati di fotografia ai golfisti. Per arrivare a quelli, come chi scrive, che amano il Parco anche soltanto per la pace che sa raccontare.

Tra i weekend “speciali” si segnalano i Green Days, dedicati al connubio tra natura e buona tavola, che si tengono presso la Pineta di Classe il 2 e 3 Aprile (la prima uscita, il 26 e 27, l’abbiamo bucata =/, Comacchio: emozioni tra valli e mare (29 Aprile- 1 Maggio) con visite ai casoni e ai “lavorieri”, escursioni a piedi in bicicletta ed in motonave , lezioni di birdwatching e gli ormai tradizionali appuntamenti con la fotografia naturalistica- il concorso internazionaleOasis Photo Conteste Delta in Focus, allestite entrambe nello storico scenario della Manifattura dei Marinati. Da ultimo, ma non ultimo, anche Navigare e Pedalare è speciale, calendarizzati per il secondo e terzo weekend di Maggio, quando verranno “testati” nuovi itinerari sul Po di Volano, alla scoperta dei suggestivi piccoli centri e dei loro tesori nascosti, con l’opportunità di conoscere le specialità enogastronomiche locali.

Oltre a questo, le stazioni del Parco regionale del Delta del Po saranno illustrate attraverso l’allestimento del progetto “La Vetrina del Parco”, con mostre fotografiche naturalistiche, laboratori artistico-creativi e didattici e la presenza del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Non mancheranno neppure attività sportive e ricreative, tra le quali il 3 aprile Sciame di biciclette, una pedalata dal centro della città lungo piste, percorsi ciclabili e sentieri pinetali ricchi di suggestione e storia, sino al Parco 1° Maggio di Classe.

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *