Un weekend sulla Strada dei vini e dei sapori “Città castelli ciliegi”: Castelvetro di Modena

 | 

Un weekend sulla Strada dei vini e dei sapori “Città castelli ciliegi”: Castelvetro di Modena


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Tra le colline di Bologna e Modena c’è una Strada dei Vini e dei Sapori che si chiama “Città, Castelli, Ciliegi” [catalogo], una rete enogastronomica che, grazie all’associazione tra aziende comuni consorzi, vuole promuovere il territorio, i suoi sapori, colori e prodotti tipici.

Circa duecento chilometri di paesaggi, fra pianura e collina, castelli, vigneti e frutteti [Le risorse naturalistiche], e tante squisitezze prodotte delle aziende locali, che creano il “paniere dei prodotti tipici“.

L’itinerario della strada comprende i comuni di Castelnuovo Rangone, Spilamberto, Vignola, Castelvetro di Modena, Marano sul Panaro, Guiglia, Zocca, Tolè di Vergato, Savigno, Castello di Serravalle, Savignano sul Panaro, Bazzano, Crespellano, Monteveglio, Monte San Pietro e Zola Predosa.

Noi abbiamo fatto un giretto per Castelvetro, antico borgo sulle colline modenesi. Il suo territorio va dalla zona pianeggiante alle colline, fino a lambire la zona montana; due corsi d’acqua lo attraversano: il torrente Nizzola e il torrente Guerro. La zona è quindi particolarmente fertile e perciò adatta all’uso agricolo.

Il suo prodotto più celebre è il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro e infatti uno degli eventi più importanti della città è la tradizionale Sagra dell’uva, che si svolge tutti gli anni a settembre. E, sempre in tema, a Castelvetro c’è una sede dell’enoteca regionale.

Altri prodotti tipici locali sono il Parmiggiano Reggiano, il Prosciutto di Modena, il Miele, il Nocino, la Grappa e ovviamente l’Aceto balsamico tradizionale di Modena: annusando per le strade del borgo, infatti, si sentono le esalazioni profumate delle acetaie.

Il sito del comune è ricco di informazioni su storia e arte del luogo, su musei e mostre e su itinerari e passeggiate ambientali e storico-culturali. Nelle vicinanze si trova il Castello di Levizzano Rangone, con la sua “Torre Matildica” di forma quadrata, visitabile da marzo a ottobre [calendario].

Ancora tanto ci sarebbe da dire, ma basta parlare, largo alle immagini:


Created with flickr slideshow from softsea.

Una parte delle foto sono state scattate da noi (tramite iPhone, abbiate pietà =), il resto l’abbiamo trovato nella Galleria immagini del sito del comune.

Autore:

Social Media Manager per @inEmiliaRomagna e mamma a tempo pieno.
Amo viaggiare, sia fisicamente che con la fantasia, grazie a film e libri, e celebro ogni giorno con un sorriso.

3 commenti

  1. Davide Zannoni

    Si può avere una cartina in formato digitale con i percorsi disponibili, per favore? Grazie!
    Davide Zannoni – 335.1348502
    Istruttore Nordic Walking – Scuola Italiana Nordic Walking

    1. Nicholas Montemaggi

      Ciao Davide,

      abbiamo contattato l’Ufficio Turismo della Strada dei vini e dei sapori “Città dei Castelli Ciliegi” e ci hanno segnalato questo sito ben fatto, dove puoi trovare le mappe online e gli itinerari “senza benzina” http://www.italiasenzabenzina.eu

      Ciao
      Nicholas, Staff TER

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *