Un giorno di festa a Bologna

 | 

Un giorno di festa a Bologna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Si chiamava Petronio, nacque nel lontano anno 370 e fin da giovane si distinse per la sua grande sapienza. Nonostante gli onori, le ricchezze e la fama preferì dedicarsi agli studi religiosi, intraprese lunghi viaggi e ritornato in Italia fu nominato vescovo di Bologna da papa Celestino I.
I suoi successivi vent’anni videro la creazione di numerose opere sante, chiese, case, scuole, ospedali e la collocazione di quattro Croci ai confini della storica Bologna come preghiera di protezione del Signore della città ricostruita. Morì intorno all’anno 450.
Diversi secoli dopo il suo capo venne custodito in un prezioso reliquiario nella grandiosa Basilica, dedicata al Santo; fuori dal tempio, in via dell’Archiginnasio si può ancor oggi ammirare la lapide, indice che la reliquia è custodita nella chiesa. Su di essa sono riconoscibili i distintivi del Vescovo (una mitria, un crocifisso e un pastorale), con la scritta in latino: “Dietro questa pietra, è il tesoro di Fèlsinea”.

E’ nella metà del XIII secolo che il libero Comune di Bologna decise di elevare Petronio alla dignità di principale patrono della città ed è oltre cent’anni dopo che venne innalzata la storica Basilica. I bolognesi lo hanno sempre contraddistinto dalle canoniche raffigurazioni vescovili con barca bianca e aspetto maturo per via di un modellino della sua città ai suoi piedi o in mano, oppure perché sorretto da angeli.

Ed è proprio oggi, giovedì 4 ottobre, che il Comune di Bologna festeggia il suo santo patrono, per rendere omaggio a un personaggio fondamentale della storia della città.
Tanti e svariati sono gli eventi che animano questa giornata, che si presta anche come un’occasione in più per riscoprire un’inedita Bologna, per bolognesi e non.

Da non perdere alle 12.45 è l’omaggio alla Statua del Santo in Piazza di Porta Ravegnana, mentre per l’ora di pranzo ci si può riempire la pancia al Pranzo dell’Antoniano, per 200 persone in Palazzo d’Accursio. Interessante intrattenimento sarà offerto alle 15.30 dal Coro CantER e dal coro dei Cantichenecchi in Piazza Maggiore per proseguire alle 16.30 coi Sbandieratori Petroniani della città di Bologna sempre in Piazza.
Alle ore 17.00 si terrà invece la Santa Messa Episcopale in Basilica, con una successiva processione con l’immagine del Santo e la benedizione dal sagrato della Basilica.
Assieme all’aperitivo invece ci si può deliziare delle voci del Coro “Le Verdi Note dell’Antoniano” alle ore 19.00, mentre alle 21.00 sempre la piazza ospiterà le compagnie teatrali “Qdi4” e “Il Mago di Oz”. Alla stessa ora in Piazza Galvani si terrà “Scuffia in camuffa…con vista”, spettacolo comico itinerante alla scoperta della città e delle sue storie.
Per terminare la giornata in allegria vogliamo ricordarvi di non perdervi gli splendidi fuochi d’artificio dal Palazzo Comunale su Piazza Maggiore.

Fra i numerosi eventi collaterali che si tengono in città e che si prestano particolarmente al lungo weekend dei bolognesi, segnaliamo l’omaggio alla regina della cucina in città, “Sfoglia Bologna”, in centro e in provincia, fra degustazioni di cibo e vino e itinerari tutti da gustare.
A tutti gli amanti del tortellino invece consigliamo di recarsi questa sera in Piazza de Mello 4, dove gli chef daranno una loro interpretazione dell’ombelico di Venere permettendo assaggi per tutti.
Fino a Domenica in tutti i ristoranti aderenti di Bologna la farà ancora da regina l’amata patata (l’elenco si può vedere sul sito ufficiale).

Per saziarci un po’ anche di storia e cultura perché non approfittare delle “Collezioni comunali d’Arte” a Palazzo d’Accursio, dove fino alle 18.30 di oggi si potrà ammirare “La tipografia di Colle Ameno: libri da una collezione privata”; sempre a Palazzo d’Accursio vale una visita la mostra “Papa Giovanni Paolo II tra noi. Le visite pastorali a Bologna e in Emilia-Romagna”, aperta fino al 14 ottobre.
Ma sono anche tanti altri gli appuntamenti all’aperto e le attività nei musei e nei luoghi culturali oggi e in tutto il weekend (tutti scaricabili qui).

Per chi oggi si recherà in centro consigliamo di prendersela con relax e saltare sull’autobus per poi godersi a piedi la zona T pedonalizzata come lo è nei giorni festivi T-Days.

Non ci resta che augurarvi buon S. Petronio! 🙂

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *