[TERacconta] L’energia esplosiva di RiminiWellness

 | 

[TERacconta] L’energia esplosiva di RiminiWellness


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Da giovedì 30 maggio a lunedì 2 giugno Rimini è stata investita con un’ondata di colore, energia e musica.
Stiamo parlando del mastodontico e sempre più internazionale evento RIMINIWELLNESS, votato al benessere in ogni sua sfumatura possibile, giunto alla IX edizione, svoltosi al complesso fieristico della rinomata località del divertimento romagnolo.

Oggi vi raccontiamo la nostra esperienza, in un giorno di full-immersion, con indosso occhiali da sole specchiati e cromati, siamo andati in giro a sbirciare nei numerosissimi stand a scoprire le nuove tendenze in materia di benessere fisico.
Immaginate una distesa di colori fluorescenti a perdita d’occhio e musica da discoteca in ogni angolo. Il primo impatto con la fiera del Fitness ricorda una palestra tecnologica con un’area speciale all’aperto, la più grande che abbiate mai visto, perfettamente attrezzata, spesso con giocattoli e macchinari di cui non comprendete l’utilizzo finchè qualcuno gentilmente non ve li spiega.

Ora snoccioliamo qualche numero: gli eventi sostanzialmente erano divisi in WFUN (Benessere/Divertimento) e WPRO(Benessere/Professionale). Il primo dedicato agli sport ludici, ai turisti del benessere, insomma coloro che desiderano fare un’esperienza di puro divertimento e bruciare le calorie di qualche gelato di troppo solo come felice effetto collaterale. Contando 15 eventi speciali, tra cui si annoverano concorsi di bellezza, ma scordatevi le reginette di miss universo, qui sul palco le telecamere mettono in zoom muscoli da fare impallidire Tarzan.
Fitness Party, un modo ingegnoso di fare movimento non-convenzionale più stages e corsi, tra Danza, Pilates, Yoga nei 68 eventi di puro Fitness, come il Sweat & Smile (Suda e Sorridi), che sembra il motto preferito dai partecipanti. Ora non sollevate un sopracciglio con aria confusa, pensando che sia una strategia di marketing, perchè, provare per credere, ballare per un’ora e mezzo una coreografia dai movimenti sensuali e ironici in sincrono con altre 60 persone vi stamperà sul viso un sorriso inaspettato…probabilmente merito delle endorfine 😉
E tornando al piacevole effetto collaterale, un paio di kg in meno sulla bilancia alla sera miglioreranno l’umore in prospettiva della spiaggia riminese.

Per i professionisti del settore il corpo non è solo un tempio sacro da curare ma un vero e proprio business, con workshop, covegni di riabilitazione, nutrizione e formazione. I padiglioni sono gremiti da trend-setter dediti al miglioramento perpetuo del fisico, proprio e altrui, studiato nei minimi dettagli e pronti a dare una marcia in più al quotidiano e, diciamocelo, noioso, allenamento.
Ecco quindi le novità più esaltanti che abbiamo visto. Dalle piscine sistemate sotto al primo sole di Giugno, in cui ci si abbronza pedalando immersi fino alla vita, sino ad arrivare al BootCamp. Cos’è? Un percorso che ti trasforma in marine, con step di esercizi tosti da fare a tempo con un partner mentre un istruttore vestito da militare in mimetica ti urla nelle orecchie di non mollare, anzi, all’occorrenza sputare sangue per arrivare a fine traguardo. Forse un po’ estremo per la maggior parte dei curiosi, eppure un singolare espediente motivazionale per chi vuole spingere i propri limiti fisici, sicuramente è molto efficace.

La sorpresa sono state le sfumature di rosa che facevano capolino in ogni attività. Stiamo parlando delle donne, di tutte le età, che si sono messe in gioco a competere nelle svariate discipline, votate al culto della bellezza e del corpo tonico e sano.
Non solo sui tappetini di yoga, o nelle speciali classi di Zumba (comprese tutte le sue variazioni tematiche su ritmi latini, caraibici, hip-hop) ma persino nel padiglione delle Arti Marziali. La vera new-entry, inserita nel variopinto programma solo dalle ultime edizioni, dedicata a tutte le arti del combattimento, dal tradizionale di estrazione orientale alle evoluzioni sportive pensate specificatamente per il pubblico femminile, quali il FitFight e la FitBoxe.

Ad indossare i guantoni e trasformarsi in una versione bon-bon di Mohammed Alì sono le mamme. Un modo, questo, per incentivare la conoscenza di antiche discipline da sempre considerate prerogativa maschile, chiaramente ammorbidite nei toni, seppur mantenendo un’alto tasso di adrenalina ed esercizio cardio-vascolare per rimettersi in forma ma anche scaricare lo stress.
Lo scopo ultimo è giungere all’armonia tra mente e corpo e, paradossalmente, rilassarsi, perchè lo sport può e deve essere divertimento, come non mancano di ricordarci allenatori e istruttori sempre sorridenti ed energici.
A RiminiWellness si respira positività e gioco, la fatica si dimentica facilmente tra elastici, movimenti di bacino e saltelli, rimane solo da comprarsi una bottiglietta fucsia neon da abbinare al top sportivo e buttarsi nella mischia 🙂

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *