[ER Slow] Su Per Terra, Slow Food ER alla scoperta delle specialità dell’Appennino

 | 

[ER Slow] Su Per Terra, Slow Food ER alla scoperta delle specialità dell’Appennino


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Dopo l’esperienza del Viaggio Verso Expo, itinerario a tappe organizzato lo scorso anno per portare tutte le eccellenze della Regione Emilia Romagna alla grande esposizione di Milano, Slow Food Emilia Romagna si è rimessa in cammino con Su Per Terra, il percorso che vuole portare alla scoperta delle giovani imprese agricole e coltivazioni al femminile dell’Emilia Romagna.

Un piede davanti all’altro, un movimento lento per percorrere quegli spazi, insieme con l’aiuto delle guide del CAI, che oggi rappresentano un paesaggio che è naturalistico, ma anche agricolo ed umano insieme.

Se infatti è la natura il principale protagonista di questo nuovo viaggio di Slow Food, è anche vero che è solo nell’incontro con l’uomo e la società che il paesaggio, da semplice elemento naturale, si trasforma in territorio disboscato votato agricoltura ed alla produzione di quelle eccellenze orami celebri in tutto il mondo. Grano, vite, frutteti sulle colline infatti sono elementi che comportano l’azione dell’uomo, una azione di cura e conservazione di proprietà che rendono l’ambiente abitabile ed adatto alla vita.

slow food

Ed il filo conduttore del viaggio di quest’anno sarà proprio  “Pane e companatico”, ovvero proprio quella convinzione che il pane dell’Emilia Romagna non sia unico, ma che rispecchi in sé tutte le varianti dei territori in cui è prodotto: piadine, crescenti, tigelle, coppia ferrarese… ed in ciascuna forma, in ciascun luogo di produzione, il suo accompagnamento, che sia un salume, un formaggio o un’erba o semplicemente un tipo speciale di cucina.

Il viaggio, partito domenica 7 agosto dalle colline parmensi e che continuerà fino al Salone del Gusto-Terra Madre di Torino, previsto per il 23 settembre 2016 ed andrà a toccare 5 tra i territori più rappresentativi della Regione. Un percorso da camminare con la lentezza con cui si producono e assaporano le cose importanti, attraverso i sentieri della terra emiliano-romagnola

Ovviamente il viaggio di Su per Terra, verrà raccontato su tutte le piattaforme web disponibili attraverso #SuperTerraSlow, l’hashtag con cui gli organizzatori invitato tutti, partecipanti e non, a raccontare insieme i tesori nascosti della Regione Emilia Romagna.

Le tappe del viaggio

  • Diga di Radricoli (Fc) “Acqua e terra, pani e grani“, 9 e 10 agosto, un viaggio alla scoperta di forni contadini e pasticceri che hanno rimesso in cultura grani antichi, ma anche di presidi Slow food come la bovina, la mora romagnola e formaggio Raviggiolo.
  • Appuntamento a Monghidoro (Bo) 20 e 21 agosto con “Farine del nostro sacco“, un evento dedicato ai giovani produttori di cereali di quella che un tempo era la “valle dei mulini” e che ora hanno abbracciato il biologico.
  • 27 e 28 agosto la carovana si sposta a Tredozio, nel forlivese, “Lungo la valle del Tramazzo” per scoprire produzioni di pregio di salumi e formaggio. Nello stesso week-end a Roccamalatina e Guiglia (Mo) si va fra “Sassi e borlenghi”, assieme al Parmigiano-Reggiano prodotto con il latte della vacca bianca modenese.
  • Il 3 e 4 settembreLe colline sentono il mare” nella Valnure (Pc), dove la mariola, tipico salume locale, viene stagionata nelle celle dove a primavera spira il vento dal mare ligure.
  • Ultima tappa di “Su per terra” sarà al Museo della Montagna di Torino in occasione del Salone del gusto.

Per tutti coloro che vorranno partecipare a Su Per Terra consiliamo di prenotare contattando la Cooperativa Atlantide al numero telefonico 0543/917912 , tutti i giorni dalle 10 alle 18 oppure scrivendo alla mail superterraslowfood@gmail.com

 

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *