Si fa presto a dire souvenir

 | 

Si fa presto a dire souvenir


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

I più odiati in assoluto sarebbero le miniature di palazzi e monumenti, seguiti da presso dai cd di musica popolare, dalle paccottiglie simil-spieggesche e dagli immancabili (ma pur sempre terrificanti) magneti da frigorifero.

Insomma sono tempi difficili per i souvenir di viaggio più tradizionali, almeno stando alla classifica elaborata dal portale subito.it, e che in dettaglio prevede il seguente ranking:

1. Miniature di monumenti/statue/palazzi (disprezzate soprattutto dagli uomini)
2. Cd con le canzoni tradizionali del luogo
3. Palla di vetro con neve che cade
4. Manufatti con conchiglie (disprezzati soprattutto dalle donne)
5. Prodotti enogastronomici acquistati al duty-free dell’aeroporto
6. Calamite colorate da attaccare al frigorifero
7. Abbigliamento o accessori con il nome del posto visitato
8. Statuette/amuleti che cambiano colore con il tempo

Ma c’è di più. Se fino a ieri la cosa peggiore che poteva succedere ai souvenir sgraditi era di finire a impolverarsi sopra un comò- o andare perduta durante un trasloco- oggi il rischio per le paccottiglie globalizzate è quello di cominciare a rimbalzare di casa in casa come palline da ping- pong, vendute e rivendute online da quel 78% di italiani che si dicono pronti a riciclare i regali indesiderati.

Festa finita per i prendi-polvere quindi? Non esattamente. Perché se è vero che l’appeal degli oggetti più tradizionali continua a cadere nell’immaginario turistico, è vero altrettanto che la spesa destinata ai ricordini resta incredibilmente elevata (il giro d’affari è stimato da subito.it in circa 5 miliardi di Euro l’anno). Ed è vero soprattutto che altre tipologie di souvenir- per esempio i prodotti tipici DOP e IGP- incontrano un favore sempre crescente da parte dei viaggiatori.
[foto di @stewedpeas, distribuita con licenza Creative Commons]

Tags:


Autore:

3 commenti

  1. Valentina_UnEvento

    Quando si va in giro per il mondo, la cosa più bella, al ritorno, è quella di portare con se un ricordo di quel posto. E come dite voi, i classici souvenirs non hanno lo stesso appealing di prima.. specie se ne hai già acquistato uno simile in passato. Quella dei prodotti tipici è una idea molto carina perchè puoi far gustare ai tuoi amici e soprattutto ai tuoi familiari!
    Ma è anche vero che una volta consumato il souvenir, quel che ne resta è il solo imballaggio.. e una scatola di biscotti o un barattolo di marmellata non mi sembra molto decorativo!
    Io punterei sui regali “culturali” – libri sulla storia del posto, l’arte, le tradizioni, magari con foto. Un libro non lo butti mai, e ti piacerà rileggerlo! In più conserverai un ricordo che valorizza di quel posto!
    Almeno questa è la mia opinione!

  2. team_ItalyMag

    Many of our readers (USA’s, UK’s, Canadians’, Australians’) tell us that they always look for DOP and IGP products to buy and bring at home, also because they love Italian food!!

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *