Sagra del vino romagnolo, Aceto Balsamico e gli altri appuntamenti Di.Vini della settimana

 | 

Sagra del vino romagnolo, Aceto Balsamico e gli altri appuntamenti Di.Vini della settimana


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

C’è chi dice che la coltivazione della vite sia vecchia quanto l’uomo e che la pratica della raccolta e della fermentazione dell’uva abbia avuto inizio, quasi per caso, circa 5000 anni fa.
Quello che è certo è che la coltivazione della vite in Italia era praticata già al tempo della Magna Grecia : una tradizione che, con modifiche e aggiustamenti, è arrivata fino ai giorni nostri.
Sarà quindi per questa lunga storia, o forse per l’amore che noi italiani mettiamo nel far crescere i prodotti della terra, ma sta di fatto che oggi l’Italia è il secondo produttore mondiale di vino, con esportazioni che coinvolgono tutti paesi del globo.

In particolare la Regione Emilia Romagna, con il suo territorio, ha sempre mostrato una notevole varietà di produzioni vinicole  e l’uva prodotta presenta, a seconda del luogo di origine e provenienza, caratteristiche molto differenti.

Ecco quindi che, vuoi per la storia vuoi perché siamo in periodo di vendemmia , non potevamo mancare di segnalarvi anche per questa settimana qualche buon appuntamento con la cultura e la tradizione enologica regionale.

Dal 4 al 7 ottobre nel centro città di Cotignola (Ravenna) si svolgerà la 50esima Sagra del Vino tipico romangoloLa sagra vuole rendere omaggio alla “cagnina” novella che offre il meglio di sé nei primi mesi successivi la svinatura. I tre giorni di festa prevedono vari eventi ludici e musicali con culmine nel pomeriggio della domenica con il tradizionale rito della pigiatura a piedi nudi. Un appuntamento da non perdere per chi ama le specialità tipiche del nostro territorio!

Il 6 ottobre invece le cantine della Rocca sforzesca di Dozza sede dell’Enoteca Regionale ospiteranno la pittura, rinnovando quel connubio tra arte e vite che affonda le sue radici nel tempo.
Alle ore 17 di sabato verrà inaugurata la mostra delle pittrici Denisa Karlikova e Malgorzata Weronica Koczorowska e sarà possibile assaggiare le specialità vinicole regionali.

Altro appuntamento da non perdere assolutamente è quello che ogni anno viene organizzato nel primo fine settimana di ottobre a Spilamberto (Modena) dove il Museo dell’Aceto Balsamico tradizionale, in collaborazione con il Comune, la Consorteria e l’Associazione “le Botteghe di Messer Filippo”, organizza la manifestazione Vetrine Motori e Balsamici Sapori. Durante la manifestazione, inserita nel circuito di eventi del Wine & Food Festival, verrà data a tutti al possibilità di visitare gratuitamente il Museo dell’Aceto Balsamico Tradizionale e l’Acetaia sociale della Consorteria. Inoltre, per tutto il weekend, Spilamberto ospiterà le aziende agricole del territorio con la vendita diretta dei loro prodotti, la dimostrazione di antichi mestieri, l’esposizione degli animali da cortile e delle macchine agricole con dimostrazioni delle antiche attività rurali, laboratori per bambini, spettacoli, laboratori del gusto e iniziative culturali.

Vi ricordiamo infine l’appuntamento di sabato 13 e domenica 14 ottobre con “Vigne Perdute“, manifestazione per la conoscenza e valorizzazione di antichi vitigni autoctoni. Anche “Vigne Perdute” è un evento inserito nel calendario del Wine and Food Festival Emilia Romagna ed è un appuntamento che vuole aiutare a portare a conoscenza lo straordinario patrimonio di biodiversità e qualità che vanta la nostra Regione.

Come al solito consigliamo a chi ama il buon vino e ha voglia di conoscere tutte le inizative in programma per questo autunno 2012, di seguire tutti gli appuntamenti sul sito dell’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna, oppure di iscriversi alla newsletter .

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *