Riviera Beach Games 2011: preview!

 | 

Riviera Beach Games 2011: preview!


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Anche quest’anno ci siamo [e non vediamo l’ora =] tornano i Riviera Beach Games, le Olimpiadi dello Sport su Spiaggia, però con una piccola differenza!

La quarta edizione dei Riviera Beach Games difatti allarga i suoi confini temporali: da aprile ad ottobre si svolgeranno 300 appuntamenti contraddistinti dal “marchio” Riviera Beach Games, e nell’ultima settimana di luglio il cartellone prevede la classica tre giorni con sport di tendenza a cui tutti possono partecipare, da soli, in coppia, con la famiglia oppure con gli amici.

I Riviera Beach Games si sono aperti venerdì 29 e sabato 30 aprile a Riccione, con la conferenza stampa di presentazione dell’evento Beach Line Festival, il torneo internazionale di beach volley a cui partecipano 2000 pallavolisti tedeschi, ed il primo Seminario tecnico-didattico organizzato dalla Federazione Italiana Sport Invernali che ha riunito i migliori allenatori italiani di sci.

110 chilometri di spiaggia che possono essere paragonati ad una vera e propria palestra a cielo aperto! Da aprile ad ottobre sono a disposizione migliaia di campi per praticare volley, tennis, calcio, basket, perfino rugby e golf, sempre sulla sabbia! Anche fuori dalla spiaggia si moltiplicano le opportunità per fare sport: sono disponibili tracciati appositamente disegnati per i podisti e strutture per chi pratica l’equitazione, itinerari per gli appassionati di cicloturismo che vogliono andare alla scoperta dell’entroterra e dell’Appennino.

Tra i 300 in programma spiccano tra gli appuntamenti clou:

Dal 29 al 31 luglio torna invece il lungo weekend di sport curiosi e innovativi per tutti! Fanno ritorno sulle spiagge il Dodgeball, la versione da spiaggia della palla avvelenata, lo Stand Up Paddle Board, surf su cui si avanza remando, il Nordic Walking, la camminata con i bastoncini simili a quelli dello sci di fondo, e la Peteca, il gioco di derivazione indios che si gioca con un attrezzo simile al volano.

Tra le novità uno sport davvero curioso, sia per il nome e sia per come si gioca, il Gommalcul! Questo sport si disputa in mare muovendosi su camere d’aria in un campo delimitato da boe. Al centro dei lati più corti vengono posti due mastelli sostenuti da remi conficcati nella sabbia e in cui le squadre devono fare canestro, come nel basket.

Immancabili gli sport “veterani” dei Riviera Beach Games come il beach tennis, il beach volley, il beach soccer, il beach hockey, il beach basket, le regate, le pedalonghe, le gare podistiche, di nuoto e pallanuoto, di ciclismo. Previsti anche gli appuntamenti legati alle arti marziali, al wellness e le attività per i diversamente abili.

Curiosità [un po’ di numeri]: nei classici tre giorni della scorsa edizione quasi 500.000 i partecipanti, tra professionisti e appassionati. Per il beach tennis sono state utilizzate circa 7000 palline, 300 palloni per il beach soccer, 1500 per il beach volley e 150 per il beach basket. Per il nordic walking sono serviti 200 bastoncini e 2000 biglie usate per le sfide di cheecoting. Per movimentare i campi da gara, costruire piste da biglie e castelli di sabbia mosse circa 100 tonnellate di sabbia. Per gli appuntamenti in mare, sono stati almeno 100 i pedalò che hanno dato vita alle competizioni tra le onde. Per le esibizioni e le sfide di stand up paddle board sono state utilizzate 40 speciali tavole da surf, 50 le canoe. Si tratta di numeri destinati sicuramente a salire per questa edizione che verrà, visto che quest’anno la manifestazione conta sei mesi di appuntamenti.

E mi raccomando tenete tutti bene a mente lo slogan: sport per tutti. Da vedere ma anche da vivere! e il sito ufficiale degli eventi: www.rivierabeachgames.it

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *