Ricordando Enzo Biagi

 | 

Ricordando Enzo Biagi


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

eventi2-images-ricordandobiagiAveva uno sguardo sobrio, pulito. E parlava sempre piano, con un tono pacato e ragionevole che induceva naturalmente all’ascolto. Ma era anche capace di passioni forti, Enzo Biagi. Fu la passione per il giornalismo a fare di lui uno dei principali testimoni dell’Italia del dopoguerra, dall’alluvione del Polesine del 1951 ai primi Giri d’Italia in bicicletta, dall’avvento della televisione ai momenti bui della Repubblica. E fu ancora la passione- o meglio ancora la vocazione del giornalismo- a consentirgli di realizzare interviste rimaste celebri come quelle a Mikhail Gorbaciov, Giovanni Paolo II, Muammar Gheddafi e molti altri.

Ma oltre a quella per il giornalismo Biagi ne aveva anche un’altra, di passione, più intima e riservata. Era la passione per le terre d’Appennino dov’era nato tanti anni prima: luoghi appartati, lontani dal clamore e dai flash, nei quali il nostro si ritirava in tranquillità ogni volta che era possibile, e dove oggi riposa il suo corpo.

Adesso quelle stesse terre- Pianaccio, Vidiciatico, Lizzano in Belvedere, Porretta Terme, Camugnano- propongono al pubblico un cartellone di manifestazioni pensate per ricordare e celebrare il loro figlio più illustre. Ricordando Enzo Biagi, come si intitola la rassegna, prenderà il via il prossimo 6 Novembre per andare avanti fino al 14 con letture, spettacoli teatrali, presentazioni di libri. All’evento di apertura, che si terrà a Lizzano nella Sala intitolata allo stesso Biagi, prenderanno parte le figlie Bice e Carl, i direttori dei quotidiani Il Resto del Carlino Pierluigi Visci e del Fatto Quotidiano Antonio Padellaro, il vice direttore del Corriere della Sera Giangiacomo Schiavi, l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna Tiberio Rabboni, l’Assessore alle Attività Produttive e Turismo della Provincia di Bologna Graziano Prantoni, l’Amministratore Delegato di Apt Servizi Andrea Babbi e il presidente dell’ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna Gerardo Bombonato.

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *