[Parlami di tER #49] Quando l’arte e l’architettura si incontrano – La Cattedrale di Modena

 | 

[Parlami di tER #49] Quando l’arte e l’architettura si incontrano – La Cattedrale di Modena


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Parlami di tER è una serie di racconti dell’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da donne e uomini che son nati, vivono o semplicemente si sono innamorati di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.

Quando la cattedrale della città di Modena è stata inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, l’UNESCO l’ha descritta come un “capolavoro del genio creativo umano”. E’ un appellativo molto importante, ma nel corso degli anni questa parte d’Italia è stata luogo di nascita per molti dei musicisti, pittori e scienziati più famosi al mondo; non dovrebbe quindi meravigliare che sia proprio qui che è stata concepita una costruzione come questa.

La descrizione dell’UNESCO prosegue. La cattedrale di Modena risulta come un capolavoro “in cui una nuova relazione dialettica fra architettura e scultura è stata creata nell’arte romanesca”. Sembra che bisogna davvero essere dei geni creativi umani per capirne il significato.

Il miglior modo per capire è con gli occhi, non con la testa. Entrare nella cattedrale, imbattersi in un ragazzo in piedi all’entrata che si fa il segno della croce, scusandosi in un sussurro, e poi sollevare lo sguardo per la prima volta e vedere l’interno della chiesa…è allora che inizia ad avere un senso.

La costruzione è una creazione dell’architetto Lanfranco e dello scultore Wiligelmus. Per via di questa combinazione la cattedrale più che una semplice costruzione risulta essere una vera e propria scultura.

Le figure, i motivi e le scene che sono ritagliate nelle mura e nelle colonne sembrano reali. La struttura dell’interno sembra essere in armonia con la realizzazione artistica e non si può immaginare uno senza l’altro -mi chiedo addirittura se l’intera chiesa crollerebbe qualora si tentasse di rimuovere una di quelle statue.

Probabilmente ciò non accadrebbe (nel caso in cui ve lo foste chiesto anche voi). La cattedrale si trova in questo luogo dal XII secolo ed è stata sottoposta a vari mutamenti nel corso degli anni. I numerosi cambiamenti e il passare del tempo non l’hanno però danneggiata. Essa non fa parte del tipico percorso turistico ma è assolutamente degna di essere visitata quando si passa per l’Emilia Romagna.

Michael Turtle è un giovane travel blogger australiano che ama viaggiare per il mondo. Anche lui ha preso parte al progetto di Blogville nella prima parte che si è svolta a Bologna. Sul suo blog e sulla sua pagina Twitter @michaelturtle ci tiene continuamente aggiornati su tutti suoi viaggi.

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *