[Parlami di tER #26] Alla scoperta dell’Emilia Romagna

 | 

[Parlami di tER #26] Alla scoperta dell’Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che son natie, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Il 04.09.2008 iniziò il nostro viaggio. Con la macchina ci dirigemmo dalla Germania (Sassonia Anhalt) verso l’Italia. Ci trascorremmo 10 giorni, nonostante avessimo prenotato solo per 7 nel “Residence Mareo” di Riccione.

Inizialmente la nostra intenzione era quella di andare a Venezia, trovare là una camera e vederci la città per un paio di giorni. Ma andò in modo diverso da quanto pensato: non trovammo nessuna camera adeguata (ovunque si trovavano numeri di cellulare attaccati alle finestre, ma nessuno era rintracciabile). Forse dipendeva dall’orario; era notte quando partimmo dalla Germania ed arrivammo che erano le 5 di mattina. Perciò dormimmo in macchina e ci decidemmo poi di proseguire lungo la costa verso Riccione.

I primi giorni li trascorremmo a Ravenna, in un piccolo “Bed & Breakfast”, con una camera elegante e una gentile signora anziana che ogni mattina ci preparava la colazione. E’ così che per la prima parte della nostra vacanza rimanemmo nella bella Ravenna e ci divertimmo come non mai nel visitare la città e i suoi dintorni.

Poi proseguimmo per Riccione…trovammo subito la casa di villeggiatura, sistemandoci nella nostra camera. Era tutto splendido e meraviglioso. Poco lontano dalla spiaggia iniziava così la seconda parte della nostra vacanza. In Italia ci andammo con la nostra macchina perché siamo classici esploratori. Andiamo volentieri anche in spiaggia, ma preferiamo esplorare il paesaggio e conoscerne il territorio. Adoriamo conoscere il luogo, il paesaggio e la cultura.

La nostra particolare esperienza riguardo a questa vacanza era quindi fatta di un viaggio senza meta, dove si osserva il paesaggio e si mangia in un ristorante – aspetti forse un po’ più insoliti rispetto al classico turismo da villeggiatura. E tutto questo lo trovammo anche in un piccolo paese. Già avevamo intuito che il ristorante di quel paesino era frequentato per lo più da italiani, poiché il menu non era disponibile in lingua inglese e tanto meno in quella tedesca. Non avemmo neanche la fortuna di trovare un cuoco o un cameriere che masticasse la nostra lingua, o almeno l’inglese. Così ordinammo da mangiare. Entrambi lo stesso piatto – nella speranza di gustare della buona e tipica pasta fatta in casa. Beh, mia mamma mi diceva sempre: “Non ordinate mai lo stesso piatto”. Ci arrivò una minestra di fagioli, ohi ohi…i nostri sguardi si incrociarono e la delusione ci si leggeva in fronte. Ma…la mangiammo comunque e fu deliziosa.

Amiamo quei luoghi e stiamo già progettando la nostra prossima vacanza. A seguito di quest’ultimo viaggio siamo diventati grandi fan dell’Italia e speriamo di poter tornare in questo bel paese al più presto.

Cari saluti dalla città di Lutero, Wittenberg
Diana & Tobias


Qualche parola su di noi… Io e Tobias abbiamo entrambi 28 anni e viviamo in Sassonia-Anhalt. Siamo sposati dal 2009 e al momento stiamo costruendo la nostra casa, lavoriamo entrambi e la nostra famiglia è per noi la cosa più importante.

La versione originale in lingua inglese e tedesca “Auf Entdeckung der Emilia Romagna” si trova qui: http://blog.travelemiliaromagna.com/my-emilia-romagna-4-discovering-emilia-romagna

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *