[Parlami di tER #23] Perchè Ravenna?

 | 

[Parlami di tER #23] Perchè Ravenna?


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che son natie, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima. Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto. Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Perché Ravenna? Perché non Firenze, dove ho trascorso il mio primo lungo soggiorno in Italia. Chissà perché… Devo ammettere che non avevo mai sentito parlare di Ravenna, se non sul nostro giornale locale, in cui ogni anno leggevo del gemellaggio e del viaggio dei miei concittadini di Speyer in quel di Ravenna. Mi sembrava un qualcosa di molto interessante, e così decisi di partecipare anche io a quel viaggio.

Detto, fatto, e così iniziò la mia devozione e passione verso Ravenna e la Romagna. Ora come ora i miei amici ravennati dicono sempre “Barbara ne sa più di noi di Ravenna”, forse esagerano un po’, ma fa comunque piacere sentirselo dire.

Cos’ha Ravenna rispetto ad altre città italiane? Beh, ci sono veramente tanti monumenti e luoghi UNESCO, otto per essere precisi, mosaici stupendi, la spiaggia e una piazza, tutte cose che noi qui non abbiamo. Ma sarà solo questo il vero motivo? No, non è solo questo, sono le persone. Che sono rumorose come noi del Palatinato, amanti della buona cucina, cordiali, ospitali, servizievoli come noi, e quando ti raccontano qualcosa ti appoggiano una mano sul braccio, com’è uso fare anche da queste parti.

C’è Claudia, che non è mai stata ancora a Speyer, ma che ogni anno ci accompagna alla scoperta della sua città con grande entusiasmo, facendo sì che Ravenna, dopo ogni sua visita guidata, abbia ancora più fan.
Poi c’è Noemi, che da quando sa che ne vado matta, mi regala sempre un vasetto di fichi caramellati, che fa lei stessa, e dello squacquerone.

E poi non si può di certo dimenticare Bruno, che non solo fa dell’ottimo miele e di tutto per te, ma da qualche anno sta anche cercando di imparare il tedesco, che non imparerà mai dico io, ma fa lo stesso, tanto tra noi parliamo in italiano e ci capiamo alla grande!

Ravenna die Schönheit liegt im Inneren (Ravenna la bellezza è dentro), avevo letto una volta da qualche parte, e posso confermare che è proprio così!


Barbara Mattes è dal 2004 la presidentessa del Freundeskreis Speyer-Ravenna. Ravenna e Speyer sono gemellate dal 1989. Ogni anno a Pasqua un bus porta gli abitanti di Speyer a Ravenna, e i ravennati a loro volta si recano a Speyer per il Brezelfest (la festa dei Brezel) a luglio e per i mercatini di Natale durante la prima settimana dell’Avvento.

Tags:

- -

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *