Menu
Menu

2020 – Le mostre in Emilia Romagna

 | 

2020 – Le mostre in Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 11 minuti

Sei pronto per un viaggio nell’arte lungo un anno?
E’ ciò che ti aspetta nel 2020 #InEmiliaRomagna grazie al ricco calendario mostre in programma.
Artisti internazionali, numerose e differenti forme d’arte, dai tempi antichi al contemporaneo.
Ti aspettano tante mostre sia che tu sia un artexpo addicted che una neofita: rinascimento, espressionismo, futurismo e contemporaneo toccando quasi tutti i continenti.
Se tra i propositi per l’anno nuovo c’è quello di dedicare più tempo a te stesso e alle tue passioni culturali, senza dubbio l’Emilia Romagna è la tua meta!

Agenda alla mano, evidenziando magari ponti e ricorrenze, ecco le principali mostre lungo la Via Emilia: prendi nota, #InEmiliaRomagna ti aspetta un anno all’insegna dell’arte ( perché no anche da regalare!..)


Mostre 2020 a Piacenza e provincia

Piacenza
LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI.
Collezionismo italiano contemporaneo

Oltre 150 opere, tra dipinti, sculture, fotografie, video e installazioni di autori quali Piero Manzoni, Maurizio Cattelan, Marina Abramović, Tomás Saraceno, Andy Warhol, Bill Viola, Dan Flavin, che indagano trasversalmente movimenti, stili e tendenze della contemporaneità. Il percorso si completa ai locali attigui della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi dove una serie di lavori di artisti tra cui Ettore Spalletti e Wolfgang Laib, dialoga con i capolavori dell’Ottocento e del Novecento.

EX Enel – XNL Piacenza Contemporanea
Dal 1 febbraio al 24 maggio 2020

Piacenza, La Rivoluzione siamo noi, Orso polare di Katja Novitskova, ph. piacenza2020.it, CC-BY-NC-SA 3.0


Piacenza
LUDOVICO CARRACCI A PIACENZA
L’arte della controriforma

Piacenza celebra Ludovico Carracci a quattrocento anni dalla morte
con nuovi affacci in quota per ammirare gli affreschi del presbiterio da punti di vista inediti e l’esposizione della pala di San Martino. Nel Palazzo vescovile, sarà possibile inoltre ammirare alcuni degli affreschi appartenenti al ciclo pittorico del Carracci e del Procaccini, staccati alla fine dell’Ottocento e trasferiti su tela.

Duomo di Piacenza
Dal 22 settembre 2019 al 6 gennaio 2020

 

Mostre 2020 a Parma e provincia

Parma città del profumo
Dalle origini ai giorni nostri

Un viaggio di 200 anni, racchiuso nelle sale di uno degli edifici simbolo della città di Parma. Bozzetti grafici, flaconi rari e produzioni storiche guidano il visitatore in un viaggio di 200 anni, dal 1816 al 2020. Oltre a valorizzare il ruolo dei protagonisti e il progresso delle imprese, ci si sofferma anche su significativi eventi pubblici che hanno caratterizzato l’eleganza e la qualità della vita a Parma.

Fondazione Museo Glauco Lombardi
Dal 7 dicembre al 22 marzo 2020

Parma, città del profumo dalle origini ai giorni nostri, ph. parmacittadelprofumo.it, CC-BY-NC-SA


Parma
I RICOSTRUTTORI.
La Parma del boom

Un omaggio ai grandi capitani d’industria di Parma protagonisti, 70 anni fa, del miracolo economico. Quella vera e propria rivoluzione industriale che ha cambiato alla radice il volto dell’Italia, trovando in alcuni imprenditori di Parma – da Pietro Barilla a Giacomo Chiesi, da Pietro Pizzarotti a Giuseppe Borri, da Camillo Catelli a Mansueto Rodolfi e a diversi altri – una serie di interpreti di primissimo piano, che ha portato Parma a un livello di assoluta eccellenza industriale sia in Italia che nel mondo.

Complesso Monumentale della Pilotta – Voltoni del Guazzatoio
Dal 14 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020

Parma, I Ricostruttori, ph. pilotta.beniculturali.it, CC-BY_NC-SA


Parma
UN REMBRANDT DALL’ERMITAGE
1669 -2019: 350 anni dalla morte del maestro

A 350 anni dalla morte di Rembrandt, l’esposizione dell’Adorazione dei Magi permette un contrappunto tra le collezioni del Complesso monumentale, la loro continuità nelle categorie dell’accademismo di matrice cattolica e l’altro volto dell’Europa, rappresentato dalle culture del Nord, così fiere nel rivendicare tradizioni e spiritualità antichissime sovrapposte ideologicamente al ritorno al cristianesimo delle origini.

Complesso Monumentale della Pilotta – Galleria Nazionale
Dal 29 novembre 2019 al 26 gennaio 2020

Rembrandt, Adorazione dei Magi, Ermitage, ph. pilotta.beniculturali.it, CC-BY-NC-SA

Mostre 2020 a Reggio Emilia e provincia

Reggio Emilia
DA GUERCINO A BOULANGER.
La Madonna di Reggio, diffusione di un’immagine miracolosa

Tredici opere emblematiche illustrano la rapida diffusione dell’iconografia della Madonna della Ghiara in Italia a cavallo tra XVI e XVII secolo, rispondendo ad esigenze devozionali di differenti ambiti sociali, culturali e geografici.

Palazzo dei Musei
Dal 7 dicembre 2019 al 20 marzo 2020

Da Guercino a Boulanger, mostra a Reggio Emilia


Reggio Emilia
WHAT A WONDERFUL WORLD
La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura

Avvincente e inedito viaggio tra i secoli, dall’età romana al Medioevo fino ai giorni nostri, per comprendere quanto la Decorazione e l’Ornamento raccontino di noi e del mondo. L’impulso decorativo nasce con le prime tracce espressive dell’umanità, senza distinzione tra gli elementi strutturali e quelli accessori. Per conoscere e ri-conoscere il lessico che ci circonda negli oggetti d’uso quotidiano, nelle opere d’arte, nella moda, nell’architettura. Tra le altre opere di Leonardo da Vinci, Alphonse Mucha, Maurits Corneils Escher, Henri Matisse, Giacomo Balla eAndy Warhol, Keith Haring, Claudio Parmiggiani, Shirin Neshat.

Palazzo Magnani
Dal 16 novembre 2019 al 8 marzo 2020

reggio-emilia-mostra-what-a-wonderful-world- Keith Haring, Untitled (Egypt), 1982, acrilico su carta, 100x130 cm, Milano, Collezione Consolandi © Roberto Marossi


Reggio Emilia
“RITRATTO DI GIOVANE DONNA” DEL CORREGGIO.
Un capolavoro dal Museo Ermitage di San Pietroburgo

L’esposizione dell’opera, che giunge in una delle terre d’elezione dell’artista reggiano, a cinque secoli dalla sua esecuzione, consentirà di riprendere anche lo stato dell’arte sui molti aspetti ancora incerti che caratterizzano il dipinto: il nome della persona ritratta, l’interpretazione dei segni e dei simboli che la ornano, le finalità per cui fu dipinta.

Chiostri di San Pietro
Dal 24 ottobre all’8 marzo 2020

ritratto di giovane donna correggio


Reggio Emilia
ZAVATTINI OLTRE I CONFINI

Nel trentennale della scomparsa di Cesare Zavattini (13 ottobre 1989), una mostra che offrirà un ritratto del tutto nuovo, inedito, di uno dei più singolari e poliedrici artisti e protagonisti del Novecento, che ne rivelerà aspetti sorprendenti, compresa la dimensione internazionale dei rapporti e degli scambi umani.

Palazzo Magnani
Dal 14 dicembre 2019 al 1° marzo 2020

mostra reggio emilia zavattini oltre i confini

Mostre 2020 a Modena e provincia

Maranello (MO)
HYPERCARS.
L’evoluzione dell’unicità

Un’esposizione dedicata alle auto più sportive della storia di Maranello: le Ferrari più “speciali” delle altre perché prodotte in serie limitata e figlie di una delle prerogative di Enzo Ferrari, l’ambizione di realizzare la miglior auto possibile per quel momento
In mostra alcune delle vetture che hanno fatto sognare gli appassionati dagli anni 80 a oggi. Il percorso espositivo parte dalla 288 GTO del 1984 per poi passare alla F40 del 1987, alla F50 del 1995 e alla Enzo del 2002 prima di arrivare alla LaFerrari del 2013, alla sua evoluzione da pista FXX-K e alla one-off P80/C basata sulla 488 GT3.

Museo Ferrari 
Fino a maggio 2020
Ingresso al Museo incluso.

maranello-modena_hypercars-mostr-ferrari


Maranello (MO)
90 ANNI.
Scuderia Ferrari, la storia completa

Da sempre la Scuderia Ferrari, la squadra di Formula 1 più vincente di sempre, è un simbolo che unisce un intero Paese e milioni di tifosi in tutto il mondo che nel 2019 compie 90 anni.
Le auto esposte testimoniano questa storia gloriosa, a partire dall’Alfa Romeo 8C 2300 Spider, che nel 1932 fu la prima a portare il Cavallino Rampante sulla sua livrea, fino alla SF71H, la monoposto con cui lo scorso anno hanno gareggiato Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen.

Museo Ferrari 
Fino a maggio 2020
Ingresso al Museo incluso.

maranello-modena-90-anni-ferrai


Modena
KENRO IZU. Requiem for Pompei

55 fotografie inedite, donate alla Fondazione di Modena dall’artista giapponese, da sempre affascinato dalle vestigia delle civiltà antiche, frutto di una visione lirica di quanto è rimasto a Pompei, il giorno dopo l’eruzione del 79 d.C..

FMAV – MATA
Dal 7 dicembre 2019 al 13 aprile 2020

Kenro Izu, Casa di Apollo, Pompei, 2016, Stampa ai pigmenti © Kenro Izu Courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena - Fondazione Modena Arti Visive

Kenro Izu, Casa di Apollo, Pompei, 2016, Stampa ai pigmenti © Kenro Izu Courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – Fondazione Modena Arti Visive


Modena
BICI DAVVERO!
Velocipedi, figurine e altre storie

Un viaggio nel tempo, per andare alla scoperta della passione italica per le biciclette attraverso il magico mondo delle figurine.

Museo della Figurina

Dal 11 ottobre 2019 al 13 aprile 2020 

modena-mostra-bici davvero


Modena
CAPOLAVORI SENZA TEMPO

Può il design essere “senza tempo”? Possono i designer lavorare al di fuori dei limiti della propria epoca per creare oggetti che si sottraggano alle imprevedibili correnti della moda e dei gusti del momento?
Per capire se siamo in presenza di un’opera d’arte è sufficiente chiedersi se un oggetto abbia un quid di contemplativo, se significhi più di quello che appare superficialmente. Prendete una qualsiasi Ferrari… è proprio grazie a questo quid che semplici materiali prendono realmente vita.
Dove si colloca Ferrari nella storia del design? Sicuramente tra le cose straordinarie.
Perché una cosa è certa: Ars longa, vita brevis.

Museo Ferrari
Dal 18 febbraio 2019 al 18 febbraio 2020


Modena
LEGGERE.
Steve McCurry

La mostra, dedicata ad uno dei fotografi più celebrati a livello internazionale per la sua capacità d’interpretare il tempo e la società attuale, comprende 70 immagini del fotografo statunitense, dedicate alla passione universale per la lettura, che ritraggono persone, còlte in ogni angolo del mondo, nell’intimo atto di leggere.

Galleria Estense
Dal 13 settembre 2019 al 6 gennaio 2020


Carpi (MO)
PICASSO, KIRCHNER, CHAGALL (PERSONAE) – XIX BIENNALE DI XILOGRAFIA CONTEMPORANEA

Una mostra che presenta una cinquantina di incisioni realizzate dai tre artisti negli anni Trenta-Quaranta del Novecento, nella fase artistica che è stata denominata “primitivismo”, che sono ispirate alle maschere in legno provenienti dal mondo africano e australe.
Dagli ultimi decenni dell’Ottocento il primitivismo coincise con un desiderio di ritorno allo stato di innocenza delle civiltà preistoriche e dei popoli cosiddetti “selvaggi”, e quindi come rifiuto della società moderna.

Musei di Palazzo dei Pio
Dal 13 settembre 2019 al 6 gennaio 2020

Mostre 2020 a Bologna e provincia

Bologna
ETRUSCHI.
Viaggio nelle terre dei Rasna

Il progetto espositivo dedicato alla civiltà etrusca riunisce circa 1000 oggetti provenienti da 60 musei ed enti italiani e internazionali per un affascinante viaggio nelle terre degli Etruschi tra archeologia e paesaggi sorprendenti e metterà in risalto le novità di scavo e di ricerca sulla storia di uno dei più importanti popoli dell’Italia antica.

Museo Civico Archeologico
Dal 7 dicembre 2019 al 24 maggio 2020


Bologna
L’ARCHIVIO ANIMATO.
Lavori in corso

Un vero e proprio “laboratorio” di storia e cultura del Novecento per raccontare il secolo della modernità – quello in cui nasce e si sviluppa la creatività italiana come oggi la conosciamo – attraverso un caleidoscopio espositivo che spazia dalle arti figurative al design industriale, dalla pubblicità al cinema, dalla fotografia alla televisione, dai tessuti alle riviste. Una narrazione potente e agile del secolo breve attraverso i materiali diversi ed eterogenei che compongono la collezione “panoramica” di Fondazione Cirulli.

Fondazione Massimo e Sonia Cirulli
Dal 23 novembre 2019 al 17 maggio 2020

San Lazzaro di Savena (BO), L'archivio animato. Lavori in corso, ph. fondazionecirulli.org


Bologna
AYRTON MAGICO.
L’anima oltre i limiti

A 25 anni dalla scomparsa di Ayrton Senna, una mostra che racconta la storia del campione brasiliano attraverso un viaggio nel tempo e contro il tempo. Un viaggio costantemente finalizzato al superamento dei propri limiti. Una ricerca con una componente di misticismo e interiorità che coinvolgerà lo spettatore nel racconto di una vita vissuta al limite, in un ambiente multisensoriale ed altamente emozionale.

Museo Multimediale Autodromo di Imola – Checco Costa
Dal 10 aprile 2019 al 3 maggio 2020

Autodromi della Motor Valley

Imola GP San Marino – 1989 – Alain Prost e Ayrton Senna su McLaren
Ph. Wikipedia


Bologna
U.MANO
Arte e scienza: antica misura, nuova civiltà

Esposizione dedicata alla mano e sviluppate su più piani di lettura: per indagare il ruolo dell’uomo in un presente dominato dalla tecnologia. Dall’esplorazione dell’interiorità dell’uomo all’aprirsi alla comprensione dell’universo che gli sta intorno, in stretto e inevitabile collegamento con il cervello. Installazioni, esperienze di realtà aumentata, rimaterializzazioni, innovazioni robotiche applicate e postazioni interattive per un viaggio unico e irripetibile tra passato, presente e futuro.

Centro Arti e Scienze Golinelli 
Dal 20 novembre al 9 aprile 2020


Bologna
CHAGALL. SOGNO E MAGIA

Circa 160 opere del grande artista russo – tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni – che raccontano, attraverso il filo conduttore della sensibilità poetica e magica, l’originalissima lingua poetica di Marc Chagall.

Palazzo Albergati 
Dal 20 settembre al 1 marzo 2020
Audioguida inclusa

 bologna-mostra-chagall-sogno-e-magia


Bologna
IL FREGIO DEI CARRACCI.
Opera a confronto

In occasione delle celebrazioni per i 400 anni dalla morte di Ludovico Carracci, si aprono le porte del Piano Nobile affrescato da Ludovico, Annibale e Agostino, grandi maestri dell’arte bolognese, che qui diedero vita alla loro prima grande opera corale. Il fregio pittorico carraccesco sarà in dialogo con 31 opere d’arte moderna e contemporanea per un confronto trasversale tra le epoche e gli stili, alla ricerca di affinità tematiche o formali tra le opere.

Palazzo Fava
Dal 21 novembre al 16 febbraio 2020

Bologna, Fregio dei Carraccia a Palazzo Fava fuga-enea-troia


Bologna
BOTERO

7 sezioni, tante quante i temi cari all’artista, per porre l’ attenzione all’occhio poetico che questi è capace di posare sul mondo, regalando una bellezza fatta di volumi abbondanti, colori avvolgenti e iconografie originali. 50 opere uniche comprendenti una serie di disegni realizzati a tecnica mista e un pregiato insieme di acquerelli a colori su tela. In perfetto equilibrio tra ironia e nostalgia, atmosfere oniriche e realtà fiabesca, classicità italiana e cultura sudamericana

Palazzo Pallavicini 
Dal 12 ottobre al 26 gennaio 2020

Botero-Le-sorelle-1969-2005-olio-su-tela-173x204-cm--811x480

Botero, Le sorelle

Mostre 2020 a Ferrara e provincia

Ferrara
OLTRE LA CORNICE.
Gaetano Previati e il rinnovamento artistico tra Ferrara e Milano

In occasione del centenario della morte, la città natale rende omaggio a Previati con una mostra: più di sessanta opere, accostando olii, pastelli e disegni delle collezioni civiche ferraresi ad un notevole nucleo di opere concesse in prestito. Figura guida del divisionismo italiano, ma anche un esempio per i giovani futuristi, l’artista mette in gioco un approccio sperimentale ai soggetti e ai meccanismi della visione che gli permette di raggiungere esiti inediti rendendo la sua vicenda artistica molto interessante e da esplorare.

Castello Estense
Dall’8 febbraio al 7 giugno 2020

Gaetano-Previati-Nel-prato-Pace-1889-90.-Firenze-Gallerie-degli-Uffizi-Galleria-d’Arte-Moderna-di-Palazzo-Pitti.-Su-concessione-del-MiBACT-CC-BY-NC-SA-3.0-917x1024


Ferrara
DE NITTIS
La rivoluzione dello sguardi

L’esposizione si propone di rileggere la parabola creativa di De Nittis analizzando per la prima volta la sua produzione da un punto di vista formale e tecnico al fine di mettere in luce la sua peculiare risposta alle poetiche della modernità sottolineando l’universalità e l’europeismo ante litteram della sua arte.

Palazzo dei Diamanti 
Dal 1 dicembre 2019 al 13 aprile 2020

Giuseppe De Nittis, Léontine in canotto, 1874. Collezione privata


Ferrara
LA COLLEZIONE FARINA.
Arte e Avanguardia a Ferrara 1963-1993

Un ampio nucleo di opere che vanno ad arricchire le civiche collezioni di un valore che è al tempo stesso artistico e memoriale, quelle della collezione Franco Farina. Dal 1963 al 1993, trentennio della sua direzione, la città è diventata un punto di riferimento per l’arte contemporanea. L’esposizione restituisce uno spaccato organico del panorama culturale e del fermento creativo cittadino di quegli anni e, parallelamente, racconta la raccolta privata in relazione all’attività di promozione artistica svolta da Farina.

Padiglione d’Arte Contemporanea
Dal 21 dicembre 2019 al 15 marzo 2020

ferrara-La-Collezione-Farina.-Arte-e-Avanguardia-a-Ferrara-CC-BY-NC-SA


Cento (FE)
EMOZIONE BAROCCA.
Il Guercino a Cento

Due sedi prestigiose per questa mostra che vuole documentare l’evoluzione stilistica dell’artista barocco, dalla formazione alla maturità. Oltre 70 opere tra dipinti, affreschi e disegni – in gran parte appartenenti al patrimonio culturale cittadino, mai più esposti al pubblico dopo il terremoto del 2012 – compresa la sua prima opera realizzata all’età di 8 anni.

Pinacoteca San Lorenzo e Rocca
Dal 8 novembre 2019 al 15 febbraio 2020

Guercino, Padre Eterno, 1645, olio su tela, Cento, Chiesa del Rosario

Mostre 2020 a Ravenna e provincia

ALBRECHT DÜRER.
Il privilegio dell’inquietudine

Dopo Goya e Klinger, il filone espositivo sui più importanti artisti internazionali che hanno saputo esprimere massimamente la loro grandezza attraverso l’incisione non poteva proseguire se non con Albrecht Dürer, “padre nobile” del pensiero grafico a cui va il merito di aver saputo innalzare il disegno e l’incisione ad espressione artistica non più ancella della pittura, ma pienamente libera e autonoma.

Museo Civico delle Cappuccine
Dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020

mostra bagnacavallo xilografia durer-cover-sito


Ravenna
VANITAS.
Niki De Saint Phalle

Il MAR ospita un’opera dell’artista franco – statunitense Niki de Saint Phalle, a Ravenna per la prima volta, come omaggio alla tradizione del mosaico ravennate attraverso una lettura contemporanea. Una scultura in mosaico dalle grandi dimensioni raffigurante un teschio, realizzata con tessere in vetro specchiato e foglie di palladio rimanda chiaramente all’iconografia della vanitas e ad un tema particolarmente connotativo per il territorio, quello della vittoria della vita eterna sulla morte come dimostrano i monumenti funerari cittadini, come il Mausoleo di Teodorico, quello di Galla Placidia, la lastra funeraria di Guidarello Guidarelli fino alla Tomba di Dante.

MAR di Ravenna
Dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020


Ravenna
RICCARDO ZANGELMI
Forever young

Riccardo Zangelmi, primo ed unico LEGO® Certified Professional italiano in un ristretto gruppo di sole 14 persone nel mondo, propone una mostra composta da 20 opere realizzate con quasi 800mila mattoncini colorati, che rappresenta un vero e proprio progetto creativo costituito da oggetti, ricordi e fantasie legati al mondo dell’infanzia, con l’obiettivo di far emergere il fanciullino che si nasconde ancora in ognuno di noi.

MAR di Ravenna
Dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020

ravenna-mostra-Riccardo-Zangelmi.Forever-Young-Child, 2017


Ravenna
CHUCK CLOSE
Mosaics

Chuck Close, artista internazionalmente famoso per i suoi ritratti, dipinti in scala monumentale a partire da foto e figura di spicco dell’arte contemporanea dai primi anni ’70, ha esplorato negli anni un’ampia gamma di tecniche compreso il mosaico. In esposizione la serie Subway Portraits costituita da dodici opere, in mosaico e in ceramica affiancate da opere relative come stampe, arazzi e fotografie oltre che documentare inoltre il lavoro svolto per la realizzazione delle opere installate nella stazione Second Avenue-86th Street di New York City.

MAR di Ravenna
Dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020

ravenna-mostra-Chuck-Close.Chuck Close, Lucas:Mosaic 2019, Glass smalti and ceramic combination, 86-5:8 x 72” fabricated by Mosaika Art & Design. Photo courtesy of Mosaika Art and Design

Mostre 2020 a Forlì e provincia

Forlì
ULISSE
L’arte e il mito

Ulisse e il suo mito, che da tremila anni domina la cultura dell’area mediterranea ed è oggi universale. Una grande storia che gli artisti hanno raccontato in meravigliose opere, un grande viaggio dell’arte attraverso capolavori di ogni tempo: dall’antichità al Novecento, dal Medioevo al Rinascimento, dal naturalismo al neo-classicismo, dal Romanticismo al Simbolismo, fino alla Film art contemporanea.
Un percorso emozionante, perché Ulisse siamo noi, le nostre inquietudini, le nostre sfide, la nostra voglia di rischiare, di conoscere, di andare oltre.

Musei San Domenico
Dal 15 febbraio al 21 giugno 2020

Lèon Belly, Les Sirènes, 1867, olio su tela. Saint-Omer, Musée de l’hôtel Sandelin


 Forlì
CIBO
Steve McCurry

In un mondo in cui “non si è mai parlato tanto di cibo e non si è mai cucinato così poco”, gli scatti di Steve Mc Curry dedicati al cibo, ne raccontano idealmente il ciclo di vita dalla produzione al consumo, costringendoci ad una riflessione profonda e a uno sforzo di consapevolezza su come l’elemento necessario all’esistenza sia presente in modi così diversi nelle differenti regioni del nostro Pianeta.

Musei San Domenico
Dal 21 settembre al 6 gennaio 2020

Mostre 2020 a Rimini e provincia

Rimini
Fellini 100 Genio immortale. La mostra.

Allestita attraverso un sistema di “messe in scena” come nei set cinematografici, la mostra ruota attorno a tre nuclei di contenuti: la Storia d’Italia a partire dagli anni Venti-Trenta fino agli anni Ottanta attraverso l’immaginario dei film di Fellini, il racconto dei compagni di viaggio del regista, reali, immaginari, collaboratori e no e la presentazione del progetto permanente del Museo Internazionale Federico Fellini. Per permettere ai visitatori di conoscere l’immaginario e il percorso creativo felliniano.

Castel Sismondo
Dal 14 dicembre al 15 marzo 2020

Mostra Fellini 100 a Rimini | Ph. @j_aky

Mostra Fellini 100 a Rimini | Ph. @j_aky

“Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative.”
Vittorio Sgarbi

Blogpost in continuo aggiornamento.

 

Tags:

-

Autore:

Sangue siculo – abruzzese, nata e cresciuta a Firenze, emiliano romagnola di adozione. Montanara inside da sempre, da poco ha scoperto la sua passione anche per il mare…

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *