Meeting per l’amicizia fra i popoli

 | 

Meeting per l’amicizia fra i popoli


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Sarà la XXXI edizione del Meeting, quella che si aprirà il 22 agosto con la presenza del presidente di Irlanda Mary McAleese e lo spettacolo “Caligola e la luna”, tratto dal celebre dramma di Albert Camus, nella ricorrenza dei cinquant’anni dalla morte. Torna anche quest’anno il festival estivo di incontri, mostre, musica e spettacolo più frequentato del mondo. Il filo rosso sarà il titolo: “Quella natura che ci spinge a desiderare cose grandi è il cuore”. Oggetto sarà la natura dell’uomo, la sua vera essenza. In una cultura che tende a cancellare “l’umanità dell’uomo”, il “mancamento e voto” espresso da Leopardi nello Zibaldone, il rischio è quello che si affermi una concezione puramente materialistica della vita. La provocazione contenuta nel titolo afferma invece il contrario.
In calendario oltre 130 incontri; tra questi la fascia dei Focus, appuntamenti dedicati all’approfondimento per un pubblico specializzato, tra cui il ciclo di seminari con fondazioni internazionali quali la Tony Blair Faith Foundation, la Fondazione Adenauer, il Cato Institute, il German Marshall Fund, il London Citizen e ResPublica (tra questi si segnala l’incontro con la presenza di Rocco Buttiglione, vicepresidente della Camera dei Deputati, S. Em. Card. Paul Josef Cordes, presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum, Hans-Gert Poettering, presidente Fondazione Adenauer), ma anche la serie denominata “Caffè con…”, occasione per i giovani di incontrare protagonisti del mondo dell’economia e della finanza.
La fascia Testi e contesti presenterà libri, mostre, musica e video, tra cui la rassegna di reportage internazionali dal titolo “Storie dal mondo” e quella su storie di sport dal titolo “Storie di sport, storie di vita”.
Otto mostre che spaziano dalla crisi economica al samba, dalla figura di Flannery O’Connor all’Ulisse di Dante, dalla matematica a quella sul Portico della Gloria di Santiago, fino alla figura di Stefano d’Ungheria e alla vicenda di Danzica e Solidarnosc.
Infine 18 spettacoli con musica, teatro, danza, eventi e manifestazioni sportive.

Tags:

- -

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *