[Mappe digitali] Salva una specie

 | 

[Mappe digitali] Salva una specie


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Oggi andiamo a dare un’occhiata al portale www.salvaunaspecie.it, progetto messo in atto dall’Aquario di Cattolica con il patrocinio della città di Cattolica.
Come descritto sul sito:

“il progetto Salva una specie in pericolo si pone come obiettivo quello di sostenere e valorizzare le realtà impegnate quotidianamente nel creare un futuro per molte specie a rischio. Questo è possibile grazie all’ampia rete di collaborazione con le migliori strutture di salvaguardia di queste specie, attraverso progetti mirati e documentati, condotti da équipe specializzate in varie parti del mondo e nel bacino del Mediterraneo […]
Il progetto Salva una specie in pericolo si impegna a mostrare caratteristiche e condizioni di alcuni animali selezionati sul Pianeta contribuendo a dar luce a quelle realtà che gestiscono e lavorano per migliorarne lo stato. “

Esistono tre tipi di progetto:

  • Pinguiniamo dedicato ai pinguini di Humboldt, che non abitano il continente Antartico ma si distribuiscono in regioni temperate del Pianeta difendendosi persino dal calore soffocante dell’estate. Depongono normalmente 2 uova che sono covate per 42 giorni da entrambi gli individui. Il progetto contribuisce attivamente alla tutela dei pinguini di Humboldt a Punta San Juan unendosi insieme ad altri progetti nel sostenere il Wildcare Institute promosso dal Saint Louis Zoo.
  • Squaloanch’io dedicato agli squali e i loro vicini parenti, le razze, che sono particolarmente sensibili al sovrasfruttamento, in quanto sono animali caratterizzati da una crescita lenta, raggiungono tardi la maturità sessuale ed hanno una scarsa fertilità. Comparsi sul pianeta 400 milioni di anni fà oggi rischiano l’estinzione a causa dell’uomo.
  • Tartamica dedicato alla Tartaruga comune (Caretta caretta, LINNEO 1758), la tartaruga marina più comune del Mar Mediterraneo. La specie è molto minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo e a rischio di estinzione nelle acque territoriali italiane. La Caretta caretta è una tartaruga ancora poco conosciuta come del resto la maggior parte delle tartarughe marine.

Per chiudere questo articolo vi segnaliamo la Pagina Facebook, l’account Twitter, la Pagina Flickr e la Web Cam dell’Aquario, e, inoltre, vi proponiamo un paio di video dedicati alle specie interessate dal progetto:

Tags:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *