La vita dei tempi che furono nell’Emilia Romagna

 | 

La vita dei tempi che furono nell’Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Celti, Saraceni, mercanti, pellegrini, giocolieri e nobili del Medioevo “ritornano” a luglio per le strade dell’Emilia Romagna. Un momento?? Questo sì che è un bel melting pot storico! Cerchiamo di fare un attimo un po’ di ordine..
A partire dal 16 luglio, fino a fine mese, in Emilia Romagna si svolgeranno tre diversi eventi dedicati alle popolazioni del passato che su queste terre hanno abitato.
Iniziamo, come detto, con ordine, illustrandovi una ad una queste tre bellissime manifestazioni culturali:

a Bondeno (Ferrara) ha luogo il Bundan Celtic Festival il 16/17/18 luglio. Tre meravigliose serate immersi nel verde, trasportati in un’epoca lontana, in cui l’uomo scopriva la forza del ferro e la zona di Bondeno, per la particolare conformazione del suo territorio, veniva chiamata dai Lingoni, il popolo celtico che l’abitava, Bundan (conca). Numerosi gruppi di rievocazione storica provenienti da tutto il Nord-Italia offrono uno spaccato della vita dei Celti: tra le capanne e i Menhir di un meraviglioso villaggio celtico, indossano abiti e monili, brandiscono asce e spade, si dipingono il volto e si acconciano i capelli secondo i racconti di famosi storici greci e romani. Un gruppo di abili artigiani inoltre mostra gli antichi mestieri nella zona storica del villaggio. La festa ha inizio tutte le sere con l’accensione rituale di un grande fuoco accompagnata dal suono dei tamburi e della cornamusa, da quel momento è possibile ristorarsi presso il ristorante della festa, banchettando con cibi tradizionali emiliano-romagnoli, passeggiare tra le numerose bancarelle di volenterosi artigiani, partecipare a giochi tradizionali, far ascoltare ai bambini affascinanti fiabe, partecipare a interessanti conferenze, farsi coinvolgere dalle trascinanti melodie celtiche;

a Bellaria Igea Marina (Rimini) ha luogo il Festival dei Saraceni il 16/17/18 luglio. Nella suggestiva atmosfera del Porto Canale di Bellaria e della Borgata Vecchia di Bellaria Igea Marina, l’8° edizione del Festival dei Saraceni: straordinaria rievocazione storica in costume che ha come scopo quello di rammemorare l’epoca in cui turchi minacciavano la costa. La manifestazione nasce sulla base dellle leggende legate alla presenza in città, così come in altre località della costa adriatica, di una Torre di avvistamento costiera (a tutt’oggi visitabile), detta appunto “saracena”, simbolo icolografico del Comune che campeggia anche nello stemma. Venerdì avrà luogo Lo Sbarco dei Saraceni al porto con barche a vela storiche, sfilata in costumi d’epoca per le vie della città, giochi ed animazioni, festa e Banchetto saraceno, mentre sabato la Festa Saracena con Banchetto in abiti d’epoca animerà la città, con esposizioni dei vecchi mestieri, banchetti di cibi e bevande antiche, musica e spettacoli. Per concludere domenica avrà luogo La Giostra dei Saraceni, con esposizione dei vecchi mestieri, giostra a cavallo, giochi ed animazioni storiche, festa e banchetto saraceno;

a Frassinoro (Modena) avrà luogo la Settimana Matildica il 17/18 e 23/24/25 luglio. Le vicende della Contessa Matilde di Canossa, forse la figura femminile di maggiore spicco del Medioevo, si intrecciano con la storia e gli avvenimenti del suo vasto feudo, in questo caso delle Terre della Badia di Frassinoro. Per rivivere la storia affascinante dell’età Matildica, Frassinoro, di cui allora era il centro pulsante, rinnova l’appuntamento con la manifestazione, proponendo incontri culturali, rappresentazioni di danza, musica di altri tempi, teatro e una rassegna incentrata sulla vita medievale con la ricostruzione di scene di quotidianità, animate da donzelle in costume, mercanti, pellegrini, giocolieri e nobili.

E comunque: non c’è mica bisogno della macchina del tempo per rivivere colori ed emozioni di una volta, no? =)

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *