La Notte Rosa è arrivata!

 | 

La Notte Rosa è arrivata!


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Forse l’immagine più suggestiva è quella offerta da ANSA, che accosta Rimini e la Riviera a una “metropoli estiva che non dorme mai”. Perché alla fine è vero: se porti la mente a spasso per i 110 chilometri della costa, e guardi le persone che sorridono e gli eventi che si rincorrono uno via l’altro, hai veramente l’impressione che il capodanno dell’estate ti abbia portato via dal calendario, ed il tempo ordinario sia stato- almeno per un weekend- sospeso.

Del cartellone, ricchissimo, del nostro fine settimana in rosa vi abbiamo dato conto nei giorni scorsi (programma e mappa completi li trovate qui) per cui su questo non ci tratteniamo oltre.

Invece, queste poche righe le vogliamo impiegare per scorrere i giornali, e vedere cosa della Notte Rosa sia già stato scritto. Il Resto del Carlino, per esempio, racconta diffusamente dai moltissimi eventi in calendario, soffermandosi in particolare sul “di più” di fantasia messo in campo da operatori e cittadini. “Il bello della Notte rosa” si legge nell’articolo “è proprio questo: tutti, ma proprio tutti, dal bagnino al barista, dal ristoratore al pizzaiolo al parrucchiere, si sono inventati qualcosa per la grande festa. Ecco allora piadina, aperitivi e pietanze in rosa. E poi le brandine e gli ombrelloni ridipinti di rosa. E perfino i monumenti, le piazze, i lampioni questa sera brilleranno di rosa”.
Ed al coinvolgimento di tutti- dagli esercenti ai cittadini- nell’evento clou dell’estate fa riferimento anche il Corriere della Sera, dove si pone l’accento anche sulla capacità della Notte Rosa di parlare a fasce di pubblico di ogni genere. Dai più piccoli, cui Bellaria dedica un cartellone ad hoc, fino agli amanti di praticamente tutti i generi musicali, i quali di qui a domenica avranno soltanto l’imbarazzo della scelta.
La Repubblica edizione di Bologna, invece, prende spunto dalla suggestione coreografica che il “rosa diffuso” crea a livello di paesaggio- dagli scogli, alle spiagge e agli ombrelloni fino all’abbigliamento di turisti e locals. “Da Comacchio a Cattolica, sui 110 chilometri della Riviera romagnola, imperversa un unico colore: il rosa” si legge nel pezzo, che poi continua “Roba da stropicciarsi gli occhi, soprattutto se chiedendo una piadina questa ti viene servita in una sospetta colorazione pesca. Così come il latte della colazione, l´aperitivo o il lounge drink. Non è un difetto di vista, è solo la Notte Rosa, il capodanno dell´estate che da cinque anni coinvolge un milione e mezzo di persone.”

Da ultimo Sky, che alla Notte Rosa ha dedicato un approfondimento sul proprio magazine online. La popolare testata tv sottolinea la qualità del programma, evidenziando il ponte “ideale” costruito tra la Dolce Vita degli anni Sessanta e i giorni nostri, e soffermandosi anche sulle ragioni che hanno portato a scegliere il rosa come colore della festa. “Il colore rosa non tragga in inganno – si racconta nell’articolo sulla base di testimonianze in diretta – non è un evento per sole donne. Il rosa è il colore della riviera perché la descrive bene come luogo di incontro e di ospitalità. Senza dimenticare che è la tinta della gentilezza e delle relazioni umane”.

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *