La notte di San Giovanni: fuochi, streghe e magia in Emilia Romagna

 | 

La notte di San Giovanni: fuochi, streghe e magia in Emilia Romagna


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

La notte del solstizio d’estate,  cioè la notte più corta dell’anno, è associata nella tradizione popolare alla notte in cui si festeggia San Giovanni Battista.

Secondo antiche credenze durante questi giorni il Sole, rappresentato dall’elemento del fuoco, si troverebbe in comunione con il suo opposto, la Luna (acqua), cosa che nel tempo ha dato adito a leggende e riti propiziatori che vedevano in questa festa un giorno in cui ingraziarsi le forze naturali e  in cui festeggiare i matrimoni e le comunioni in generale.  Inoltre nelle civiltà contadine, essendo il 24 giugno una data spartiacque per la maturazione delle sementi,  il giorno del solstizio era anche occasione per effettuare riti legati alla fertilità della terra prima dell’arrivo del caldo estivo.

I tradizionali falò accesi nei campi la notte di San Giovanni erano considerati, oltre che propiziatori, anche purificatori delle vecchie erbe e piante dell’anno appena passato, e l’usanza di accenderli si riscontra ancora oggi in moltissime regioni europee e persino nell’africa del nord. Credenze pittoresche erano inoltre associate a questi fuochi “sacri” come  quella che prevedeva il salto del fuoco, per non dover soffrire il mal di reni per tutto l’anno, o quella che prescriveva di gettare erbe particolari (come la verbena) nel fuoco del falo’ in modo da allontanare la malasorte e le streghe.

Con l’arrivo della religione cattolica alle celebrazioni pagane e contadine per la notte più corta dell’anno si sono sovrapposte festività religiose.  Così nel corso del tempo, c’è stato un mischiarsi di tradizioni antiche, pagane, e ritualità cristiana, che dettero origine a credenze e riti in uso ancora oggi e ritrovabili in molte zone d’Italia.

Essendo una festa stagionale e diffusa in tutto il continente, il 24 giugno è festeggiato in molteplici modi e forme ed anche nella nostra Regione si trovano feste e appuntamenti diversi. Per non farci scappare nulla riguardo ai festeggiamenti di San Giovanni Battista in Emilia Romagna abbiamo pensato di chiedere alla nostra community di segnalarci tutte le iniziative di cui erano a conoscenza, raccogliendole e ordinandole in modo da costruire un piccolo calendario condiviso, che rimarrà a disposizione per vostre ulteriori segnalazioni o suggerimenti.

Ecco quindi gli appuntamenti che ci avete segnalato per la notte del prossimo 24 giugno in Emilia Romagna:

Si incomincia da SpilambertoModena–  dove tra il 21 e il 24 giugno si svolge la fiera di San Giovanni, patrono della città, con concerti, spettacoli, esposizione di prodotti tipici e i tipici fuochi e falò. Con l’occasione quest’anno la Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale proclamerà il vincitore del 46^ Palio di San Giovanni assegnato al miglior Aceto Balsamico Tradizionale di Modena di produzione familiare.

Anche a Cesena la Festa di San Giovanni è uno degli appuntamenti più graditi dai cesenati e dai turisti e si festeggia con mercati, fiere e feste nel centro cittadino, nei giorni e nelle notti che ruotano attorno al 24 giugno. Inoltre sabato pomeriggio anche noi di TER insieme agli Instagramers saremo, mantello e bacchetta, in giro per Cesena per una giornata di foto, divertimento e rituali magici (se volete partecipare anche voi iscrivetevi qui).

A Castel San Giovanni, Piacenza, nelle vie del centro si terrà la tradizionale fiera dedicata al patrono con bancarelle, giochi per bambini e serata danzante con ballo liscio in Piazza. Nel pomeriggio poi solenne cerimonia religiosa c/o la Chiesa Collegiata di San Giovanni con la tradizionale “Consegna del Cero”.

A Maranello invece per sabato 23 giugno è organizzato l’incontro  “San Giovanni: una fiaba animata tra miti e tradizioni” dalle 20.30 alle 23.30 presso il Parco Ferrari di Maranello. Si tratterà di una passeggiata con letture ed esplorazioni nel mondo magico. L’evento è pensato per bambini dai 5 agli 11 anni e organizzato all’interno della manifestazione Maranello in Giugno! (Info e prenotazioni entro il 22 giugno ore 12: 338/7848453).

A San Giovanni in Marignano  – Rimini –  si avvicenderanno artisti italiani e stranieri, spettacoli di strada, maghi, giocolieri, musicisti, animatori, a riempire di magia ed alchimia le serate del borgo allietate anche dal mercatino magico, ricco di prodotti artigianali, essenze, manufatti ed unguenti a base di erbe. Si potranno inoltre assaggiare menu a tema proposti da ristoranti ed associazioni locali e come ogni anno salutare l’arrivo dell’estate nella Riviera Romagnola ricordando riti e superstizioni della tradizione e concludere la manifestazione con il tradizionale, evocativo e propiziatorio “Rogo della Strega” nell’Alveo Ventena.

Sabato 23 giugno a CamugnanoBologna   la notte delle streghe si festeggia presso il Museo del Bosco di Poranceto con una escursione notturna alla raccolta di noci, erbe medicinali e portafortuna dalle praterie. Durante la serata ci sarà occasione per leggere racconti di tradizioni e leggende. Alle 24.00 poi è previsto uno spuntino delle streghe nel castagneto e racconto di storie .

A Brisighella, nel cuore delle suggestive piazzette e lungo un dedalo di antiche viuzze, si potrà passeggiare fra spettacoli, quadri e concerti in un’ atmosfera incantata, per affidare alla luna sogni e desideri di innamorati.

Per finire a Novafeltria, Rimini potrete assistere alla “Notte dei cento catini“, con spettacoli di fuoco, acqua, e balli delle streghe nella solco della tradizione dei festeggiamenti del solstizio d’estate e di San Giovanni Battista.

 

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Un commento

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *