Il Festival racconta: la fiera di San Martino, il sangiovese e molto altro

 | 

Il Festival racconta: la fiera di San Martino, il sangiovese e molto altro


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

immagine-1Tutti i lunedì è la stessa storia. Perché noi ci proviamo con tutte le forze a rendere per intero il calendario settimanale del Wine and Food Festival, ma proprio non c’è verso: come la giri la giri c’è sempre un evento che ti resta fuori e la tavola- come la coperta del proverbio- resta immancabilmente troppo corta.
E allora proviamo a partire con una carrellata rapida, per poi soffermarci nel prosieguo su qualche ingrediente- pardon, dettaglio- di particolare interesse. A Madonna dei Boschi, Poggio Renatico (FE) secondo appuntamento con la Sagra della Salamina da Sugo al cucchiaio (ma attenzione, solo dal 2 al 4 Novembre). Nel fine settimana invece una vera e propria pioggia di eventi: a Ravenna Giovinbacco in Festa, con le migliori produzioni enologiche di 60 diverse cantine della provincia; nel parmense appuntamento con November Porc. Speriamo ci sia nebbia, che ci porta alla scoperta dei salumi tipici della zona. E poi gli incroci tra gastronomia e cultura del Baccanale 2009 di Imola, il rendez vous con i Ciccioli Balsamici ad Albinea (RE); l’invito a banchetto dei signori della Val di Taro con le Ricordanze di Sapori al Castello di Compiano, la Fiera dei Sapori di Montescudo (RN) e la Zucca in Festa di Ostellato (FE).

Non siete ancora sazi? E allora vi invitiamo a venire con noi a Santarcangelo di Romagna, dove tra il 7 e l’11 Novembre avrà luogo la tradizionale Fiera di San Martino. Ci sono mille e una ragioni per partecipare: per assaggiare tartufi al miele, olio, formaggi, conserve, vino novello e gli altri prodotti tipici della zona; per partecipare al “Palio della Piadina” che si terrà contestualmente alla fiera o per girovagare per le vie del centro.
O ancora, per i più curiosi e maliziosi, per partecipare al “rituale” annuale che da sempre si celebra sotto l’Arco di piazza Ganganelli. Perché vuole la leggenda che quando un uomo (o una donna) passa sotto l’arco le campanelle ivi sistemate possano cominciare a trillare, e se così accade….. beh il finale della storia lo sentirete in piazza o domandando ad un amico romagnolo =)

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *