Il 21 e il 22 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera

 | 

Il 21 e il 22 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera


Tempo stimato di lettura: 2 minuti

In occasione della 23° edizione delle Giornate FAI di Primavera, sabato 21 e domenica 22 marzo anche in Emilia Romagna saranno aperti al pubblico spazi sconosciuti e segreti solitamente chiusi ai visitatori. Da Rimini a Piacenza saranno ben 34 i beni artistici visitabili sparsi in 18 località. Come ogni anno, gli studenti dei licei faranno da “aspiranti ciceroni” accompagnando i visitatori alla scoperta delle bellezze del territorio. Inoltre, in numerose città verrà riproposta l’iniziativa “Arte un ponte tra culture” con visite guidate per cittadini di origine straniera.

Giornate FAI di Primavera. Foto di FAI

Giornate FAI di Primavera.
Foto di FAI

Quest’anno le Giornate FAI  di Primavera chiudono la campagna “Ricordiamoci di salvare l’Italia” la settimana di raccolta fondi dedicata ai beni culturali organizzata dalla RAI in collaborazione con la FAI. L’attenzione è posta quindi sulla varietà e unicità dei beni artistici italiani e sulla necessità della loro salvaguardia. Ecco allora una breve lista di tutti i beni artistici e culturali che sarà possibile visitare in Emilia Romagna.

Cominciando dalla Romagna, a Rimini sarà possibile visitare Palazzo Ghetti mentre a Ravenna saranno accessibili al pubblico Palazzo Rasponi, Palazzo Grossi a Castiglione di Ravenna, Torre San Michele a Cervia, Albergo Vittoria a Faenza ed i nuovi restauri della Rocca Estense a Lugo. Cesena, invece, ci accoglierà nelle sue case e ville: Casa Comandini, Casa Serra e Villa La Rotonda. Inoltre, saranno visitabili due mostre fotografiche sulla Grande Guerra: una dedicata ai Cesenati presso la Biblioteca Malatestiana e l’altra ai Savignanesi presso la Biblioteca Vendemini di Savignano sul Rubicone. Verranno aperti alcuni dei Santuari nella provincia di Forlì tra cui il Santuario di Santa Maria delle Grazie di Fornò ed il Santuario della Madonna del Lago. A Forlì città si potrà accedere all’Asilo Santarelli. Se vi troverete, invece, a Ferrara questo fine settimana potrete visitare la Pinacoteca Nazionale a Palazzo Diamanti ed il Palazzo Fabiani.

Spostandoci in Emilia, Bologna ci invita a visitare i suoi teatri; saranno infatti accessibili il Teatro Comunale, il Teatro Alessandro Guardassoni, il Teatro di Palazzo Barbazzi ed il Teatro di San Salvatore. Ai teatri si aggiungono il Palazzo Cospi Ferretti e la Palazzona di Maggio a Ozzano dell’Emilia. Modena propone una visita insolita alla Stazione delle Ferrovie Provinciali mentre a Sassuolo potremo ammirare i soffitti affrescati del Palazzo DucaleReggio Emilia apre l’accesso a Palazzo Scaruffi e sarà possibile vedere il mosaico del tardo romano della Cattedrale.  A Parma potremo visitare l’Ospedale Vecchio, la Cappella Ducale di San Liborio e l’Oratorio della Beata Vergine del Buon Cuore di Copermio. Piacenza, invece, ci porta alla scoperta dell’architettura industriale con l’apertura al pubblico della Centrale termoelettrica Ponente di Piero Portaluppi, la Palazzina Berzolla e le Fornaci Cementirossi.

Se siete interessati alle Giornate FAI vi ricordiamo che scaricando l’App della FAI potrete localizzare in modo facile e veloce i luoghi da visitare più vicini a voi. Le Giornate FAI di Primavera sono una fantastica opportunità per visitare tutti quei luoghi solitamente non accessibili e scoprire i numerosi beni artistici nascosti nel nostro paese appoggiando il FAI nel grande lavoro di conservazione e tutela del patrimonio artistico e culturale italiano. Ed ora non resta che augurarvi buona visita!

 

Tags:

-

Autore:

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *