I parchi giochi dietro l’angolo tra Emilia e Romagna

 | 

I parchi giochi dietro l’angolo tra Emilia e Romagna


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Il bambino, ovunque si trovi, ha un desiderio innato: quello di giocare.
Viaggiare con bambini, anche molto piccoli, è fattibilissimo, bisogna solo considerare questo loro universale bisogno. Per permettere ad un bambino di giocare, non è necessario ricorrere a grandi cose; spesso il parco giochi dietro l’angolo è una perfetta soluzione in quanto semplice, comoda, economica e “locale”. Questo post racconta come sia messa l’Emilia-Romagna a partire dai dati raccolti per PlaygroundAroundTheCorner, un blog [che dall’Aprile 2014 è anche una App] dedicati proprio alla ricerca delle informazioni riguardo ai parchi giochi di vicinato, in Italia e nel mondo.

reggio emilia

I parchi giochi pubblici spesso non sono segnalati in nessuna guida on line o off line, in pochi ne conoscono l’esistenza, e spesso per la nostra famiglia la soluzione è stata chiederne informazione alle persone con passeggini al seguito. Dov’è il parco giochi più vicino? Per quale età è adeguato? Di quali servizi aggiuntivi dispone? Lo consiglieresti a chi visita la zona con bambini? Sono domande semplici, le cui risposte risultano molto utili a famiglie viaggiatrici, quelle che non vogliono rinunciare alla scoperta di una destinazione e credono che anche la pausa di gioco ne faccia parte.

E più in particolare: cosa offre l’Emilia-Romagna per fare giocare i bambini all’aria aperta, in contesti locali e senza un biglietto d’ingresso? La nostra ricerca ha portato a scoprire bellissime aree, alcune essenziali, altre più originali, soluzioni perfette per fare giocare un bambino in viaggio con mamma e papà.

Ad esempio, a Cesenatico, sul lungomare, si trova un parco giochi “diffuso”, dove si susseguono casette sospese, barche in legno, castelli colorati, il tutto sempre disponibile, anche quando le spiagge chiudono, ma i bambini continuano a volere giocare.

cesenatico 3

E per chi visita Ferrara? Il bel Parco Massari, a pochi passi dal centro storico, presenta un’area giochi accogliente e adatta per bambini di ogni età, dove gli scivoli scendono da terra e l’altalena è un copertone sospeso.

O ancora Rimini, con il suo grande Parco XXV aprile, con vista sul ponte Tiberio: uno spazio verde, immenso, dove si nascondono percorsi di equilibrio, castello e carrucola per i più temerari. Il parco giochi esiste ovunque, paese o città che sia.

rimini

Con PlaygroundAroundTheCorner è possibile trovare, commentare e segnalare aree non ancora recensite. La App è già disponibile, ma una nuova versione è prevista per inizio 2015. Per leggere qualcosa in più in merito all’argomento parco giochi o per ricevere qualche spunto per viaggi con bambini, il blog racconta varie destinazioni, con una particolare attenzione sul dove fare giocare i piccoli viaggiatori mentre le si visita. Infine, in Italia spesso il parco giochi è uno spazio trascurato e poco stimolante per i piccoli che qui dovrebbero giocare. Purtroppo di esempi negativi ne esistono ovunque, Emilia-Romagna compresa. Segnalare e raccontare questi spazi attraverso App e Blog PlaygroundAroundTheCorner, potrebbe anche servire a fare luce sul parco giochi, con la scopo di rendere queste aree sempre più piacevoli, stimolanti ed originali.

Autore:

2 commenti

  1. Valeria

    Vi segnalo a Cento (Ferrara) il Giardino del Gigante, un parco davvero particolare.
    Si tratta di una grande opera d’arte ambientale in mosaico ceramico progettata dall’artista Marco Pellizzola all’interno di una grande area di verde pubblico urbano. Un ambiente magico e coloratissimo con gigantesche sculture vivibili per giocare ispirate alla natura: lucertole, merli, stelle, pesciolini, foglie, fiori e mille idee per giocare e muoversi nel verde in maniera un po’ diversa dal solito. Spesso nel parco vengono organizzate attività di teatro, laboratori creativi e ambientali e letture per bambini e ragazzi.
    L’ingresso è gratuito

    1. Elisa Mazzini

      Grazie mille del suggerimento Valeria 😉
      Elisa, staff TER

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *