Hackathon Ravenna: una Maratona Digitale lunga una Notte (d’Oro)

 | 

Hackathon Ravenna: una Maratona Digitale lunga una Notte (d’Oro)


Tempo stimato di lettura: 1 minuto

Leggo sul Web “Una volta c’era la demoscene e i demo party, oggi invece ci sono gli Hackaton” e rimango perplesso…
Cosa indica questa strana parola? Fino a poco tempo fa, vi assicuro, non avevo alcuna idea a riguardo: HackDay? Hackfest? Per me si trattava soltanto di parole dal suono strano, probabilmente lette in qualche articolo e poi finite immediatamente nel dimenticatoio del mio cervello.

Poi un giorno, leggendo il giornale, è sopraggiunta l’illuminazione durante la solita colazione consumata al bar sotto casa: “Nell’ambito della decima edizione della Notte d’Oro di Ravenna, Palazzo Rasponi ospiterà dalle 15 del 7 ottobre alle 13 del 9 ottobre la maratona digitale Hackaton Ravenna”.

HackathonRavenna

Ma ripartiamo dall’inizio.
Il termine Hackaton nasce dalla composizione di due termini: hack e marathon. Si tratta di vere e proprie maratone di programmazione informatica organizzate solitamente per risolvere un problema o migliorare in generale la vita quotidiana di tutti noi attraverso la creazione di un’App o di una soluzione tecnologica.

Il comune di Ravenna, in occasione della prossima Notte d’Oro (la notte bianca della città in programma sabato 8 ottobre), ha ben pensato di accogliere questo fenomeno e organizzare il suo primo Hackfest tra le mura di uno dei suoi più importanti e imponenti palazzi nobiliari: il settecentesco Palazzo Rasponi dalle Teste.

Palazzo Rasponi

Come ogni hackaton che si rispetti, anche quello di Ravenna avrà un tema sui cui misurarsi: il turismo! Non è un caso, del resto, se mi trovo a parlare di Hackaton su questo blog.
Menti imprenditoriali, creative e informatiche organizzate in squadre si confronteranno e si “daranno battaglia” nella progettazione e la realizzazione di veri e propri prototipi di servizi digitali al turista, il tutto partendo da un patrimonio di dati condiviso ma soprattutto libero: gli Open Data della città e della Regione Emilia Romagna. A supporto Bluemix, una piattaforma informatica fornita da IBM, partner tecnologico dell’iniziativa.

24 ore il tempo a disposizione per sviluppare un prototipo funzionante che, domenica 9 ottobre, sarà poi valutato da una Giuria di esperti del settore. Ciascun team potrà essere composto da fabbricatori digitali, sviluppatori e informatici, ingegneri, comunicatori e designer, operatori culturali, architetti, studiosi e umanisti, da un minimo di 4 a un massimo di 6 componenti, tutti rigorosamente maggiorenni. Un’esperienza elettrizzante per conoscere persone unite dalla stessa passione per il digitale, accolte nel cuore di Ravenna: la città d’arte nota in tutto il mondo per i suoi splendidi mosaici.

Non so se a questo punto a voi sia venuta voglia di formare una squadra. A me decisamente sì e per ben due motivi:

    • Motivo 1: la partecipazione è completamente gratuita tramite piattaforma Eventbrite andando al seguente link: hackathonravenna.eventbrite.it
    • Motivo 2 (forse il più importante): in palio c’è un montepremi di 10000€!

Non so se ci siamo capiti. A presto. Ciao.


L’evento è organizzato da: Comune di Ravenna, in collaborazione con Regione Emilia-Romagna (Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna) e Fondazione Flaminia per l’Università in Romagna. Sponsorizzazione tecnica: IBM.

Tags:

-

Autore:

Davide Marino nasce come archeologo ma finisce per fare altro. Razionale ma non metodico, lento e appassionato. Un giovane entusiasta dai capelli grigi

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *