Epifania… che tutte le feste porta via!

 | 

Epifania… che tutte le feste porta via!


Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Dopo le maratone gastronomiche del Natale e le feste del Capodanno eccoci qui puntuali a suggerirvi qualche idea per il primo weekend lungo di questo gelido Gennaio 2015.  Si perché se alcuni sono già rientrati al lavoro, molti, quasi tutti, approfitteranno di questo primo weekend lungo della Befana per programmare qualche giornata di relax e, perché no, di movimento dopo le abbuffate appena trascorse.

Eccoci quindi con una selezione di eventi a cui pensare, dalle tradizionali celebrazioni delle’Epifania alle ciaspolate in Appennino, dalle aperture straordinarie di palazzi e monumenti alle escursioni culturali.. naturalmente, neanche a dirlo, tutto made “In Emilia Romagna”

La Befana - Foto di Simone Zucchelli https://flic.kr/p/7tBxG9

La Befana – Foto di Simone Zucchelli https://flic.kr/p/7tBxG9

Roghi delle Befane a San Matteo Decima (Bologna)

Al calar della sera la campagna di San Matteo della Decima, a 10 km da San Giovanni in Persiceto, è illuminata dai tradizionali “Roghi delle Befane”. Grandi fantocci di paglia, alti fino a una decina di metri e raffiguranti “La Vècia” (Vecchia) ardono in diversi punti del paese incalzati dalle grida del pubblico “A brùsa la Vècia” (Brucia la Vecchia)!

Legata alla tradizione contadina più autentica, la manifestazione ha luogo sui terreni di campagna e viene affiancata da un piccolo ristoro a base di vin brulè, vino, pane o crescente con salsiccia, salame o ciccioli.

Befana Maggi a Sant’Agata Bolognese

L’origine di questa festa risale al lontano 1973, quando un gruppo di amici decise di festeggiare l’Epifania bruciando una piccola catasta di legna. Col passare del tempo questa piccola performance divenne tradizione e la catasta di legno divenne quello che si può ammirare oggi, un palo di circa trenta metri rivestito con pallets e paglia, che viene “incendiato” al tramonto con fuochi pirotecnici a ritmo di musica. Al rogo segue una festa gastronomica all’insegna di crescentine e salumi, accompagnati da caffè e vin brulè – verranno utilizzati in media circa 80 litri di vino.

La Nott de’ Biso’ Faenza

Nott de Bisò è la manifestazione conclusiva dell’emozionante Palio del Niballo che si svolge ogni anno nella quarta domenica di giugno. Il Niballo, grande fantoccio raffigurante Annibale, il guerriero saraceno che simboleggia le avversità, viene bruciato in un enorme falò nel centro della Piazza dove vi giunge trasportato, secondo un’antica tradizione, su un carro trainato dai buoi. Il Rione vincitore del Palio dell’estate ha il diritto di bruciarlo. La festa ha il suo apice nel momento in cui il rappresentante del Rione vincitore del Palio, vestito con tradizionale costume cinquecentesco, dà fuoco al Niballo. La folla radunata in piazza saluta il vecchio anno, i Rioni traggono auspici su chi fra loro vincerà il Palio nell’anno nuovo, a seconda di come cade il testone di cartapesta del Niballo, e più che mai si beve il Bisò, il caratteristico vin brulè fatto con vino Sangiovese speziato, preparato in grandi paioli da ogni Rione, secondo la propria ricetta, e servito negli eleganti gotti, le ciotole di ceramica faentine.

Festa della Pasquella Cervia

A Cervia l’Epifania si festeggia con i Pasqualotti e le loro antiche cante augurali il pomeriggio del 6 gennaio nel centro storico. I Pasqualotti, vestiti secondo la tradizione contadina, intonano filastrocche e canti propiziatori donando caramelle e dolci per augurare a grandi e piccini ogni bene e felicità.

Quante Befane a Rimini

Si parte il 5 gennaio con la Camminata delle Befane e Befanini per Miramare e con la Tombola per i bambini e poi Il 6 gennaio la festa dell’Epifania sul Ponte,  evento clou delle iniziative sul Ponte della Resistenza, dove si dice che Sant’Antonio predicò ai pesci e dove si svolge la Sacra Rappresentazione della Natività. Tutte le iniziative che concludono il Capodanno Più Lungo del Mondo, quello di Rimini naturalmente. 

 

 

Oltre le celebrazioni della Beafana, come promesso, ecco di seguito alcune idee per questo primo weekend dell’anno 2015

Ciaspole - Foto di Neuro74 https://flic.kr/p/7y4GDC

Ciaspole – Foto di Neuro74 https://flic.kr/p/7y4GDC

Rimini Passeggiando con l’Audioguida

Dal Ponte di Tiberio alla Domus del Chirurgo, dal Borgo San Giuliano fino all’Arco d’Augusto, da Castel Sismondo al Tempio Malatestiano passando per il Museo della Città, le piazze e i monumenti simbolo di Rimini. Oggi si può scoprire il cuore della città passeggiando nel passato in compagnia dell’audioguida scaricabile gratuitamente dal sito internet di riferimento dell’Assessorato al Turismo sotto riportato, insieme alla mappa con il percorso dei luoghi da non perdere.

Ciaspolando in Appennino

La migliore occasione per andare alla scoperta delle tracce degli animali, ben evidenti nel manto nevoso, è quella di prendere parte alle passeggiate guidate con racchette da neve. Nella cornice degli splendidi paesaggi appenninici, oltre il limite degli alberi e circondati da splendidi panorami, gli sportivi e gli amanti della natura potranno trascorrere insieme una mattinata all’aria aperta.

Palazzo Rasponi dalle Teste si apre alla musica e all’arte

Dopo il periodo di restauro, martedì 30 dicembre riapre definitivamente Palazzo Rasponi dalle Teste, lo storico edificio del XVIII secolo appartenente alla famiglia Rasponi considerato il più esteso, prestigioso e monumentale della città di Ravenna. Per l’occasione l’edificio accoglie alcune iniziative per condividere con il pubblico la sua bellezza e ricchezza artistica.

Dal 3 al 6 gennaio sono in programma alcune visite guidate gratuite alla scoperta del palazzo che si concluderanno con i concerti, sempre gratuiti, tenuti dai gruppi da camera dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”. Negli spazi del piano terra i video dell’artista visivo Andrea Bernabini faranno rivere le esperienze di Visioni di Eterno® , il progetto di video mapping architetturale legato alla valorizzazione dei siti Unesco. Sarà inoltre possibile ricavare informazioni storiche e turistiche sulla storia del palazzo e della città grazie ad un punto dedicato dotato di monitor touchscreen e di pareti multimediali.

Autore:

Esploratore e Avventuriero: ama navigare gli oceani, scalare le montagne più alte e surfare sulle onde del web

Un commento

Lascia un commento anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *